Scrivere è un mestiere pericoloso

di | Editore: Garzanti
Voto medio di 369
| 94 contributi totali di cui 76 recensioni , 18 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
La sua nuova sfida è creare un ricettario dalle memorie di un'anziana cuoca. Un'impresa ardua, quasi impossibile. Perché Vani non ha mai preso una padella in mano, e non le è chiarissimo il significato di parole come scalogno o topinambur. Ma inaspet ...Continua
Romanticamente...
Ha scritto il 24/05/18
Da quando ho letto di Vani la prima volta, nel precedente romanzo di Alice Basso “L’imprevedibile piano della scrittrice senza nome”, mi sono innamorata di questo personaggio. Ho atteso con trepidazione un nuovo capitolo della sua storia e devo dire...Continua
Xander Lavelle ...
Ha scritto il 15/05/18
IL delitto ormai è secondario nei polizieschi, me ne sto facendo una ragione. Vani Sarca è sempre più simpatica e Berganza è l'uomo che ho sempre voluto essere. Poco da dire di più: si legge che è un piacere e se ne vuole ancora di più, ma se cercate...Continua
Fi_L0
Ha scritto il 08/05/18

Pessimo, tanto vale leggere un Harmony che almeno è una lettura più genuina nella sua banalità. Scontato, banale, prevedibile. Ho troppo rispetto di tutti i libri, l’ho portato a termine solo per questo.

Dada Mery
Ha scritto il 13/04/18
Avendoli letti tutte e tre devo dire che questo è uno dei miei preferiti ..ma poi pensandoci in ognuno dei tre ho trovato qualcosa di preferito... consigliato A me è capitato di leggerli non in fila e anche se c'è una storia che va in crescendo posso...Continua
Rosmundadovar
Ha scritto il 25/03/18
Che razza di giallo è questo?
Se devo commentarlo così a caldo mi verrebbe da dire: spettacolare! Questa scrittrice nella sua semplicità senza pretese è assolutamente favolosa! Il suo stile pulito e diretto è ricco di sfumature, citazioni colte e citazioni pop che si mescolano in...Continua

Aurora
Ha scritto il Jun 08, 2017, 11:51
Ma l'eroismo vero è fronteggiare tutti i giorni quelli che ti è socialmente proibito considerare i cattivi e non trasformarla ogni istante in una guerra, ecco cos'è.
Aurora
Ha scritto il Jun 08, 2017, 11:50
Io ho vissuto più avventure fatte e finite nei libri di quante ne abbia mai viste anche solo cominciare nella vita vera. Semmai è proprio la vita vera quella che rimane sempre lì appesa per aria, e solo una volta ogni eone va a parare da qualche part...Continua
Elisa Benni
Ha scritto il Aug 20, 2016, 16:36
Come se non sapessimo entrambe che il suo concetto di informale è "ci si serve al buffet anzichè stare seduti a tavola con tre forchette davanti" e il mio è "in mutande con i piedi sulla scrivania e bevendo Bruichladdich direttamente dalla bottiglia"
Elisa Benni
Ha scritto il Aug 20, 2016, 16:35
E' bellissima. Ha i fianchi più larghi e il seno più prosperoso delle indossatrici dell'epoca. Nelle foto in cui c'è qualche modella amica di Adriano sullo sfondo, sembra una mela in mezzo a dei torsoli.
Elisa Benni
Ha scritto il Aug 20, 2016, 16:34
La guardo da dietro la birra. La birra è più espressiva.

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi