Se mi lasci non male

Penne d'amor perdute

Di

Editore: Kairòs (Napolicomica)

3.4
(5)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 269 | Formato: Copertina morbida e spillati

Isbn-10: 8895233514 | Isbn-13: 9788895233512 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Curatore: Gianni Puca

Genere: Umorismo

Ti piace Se mi lasci non male?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Antologia di nanoromanzi d'amore umoristici, a-lieto fine (dove la "a" è intesa nel senso di alfa privativo). Autori vari, tra cui scrittori di fama nazionale e giovani esordienti, hanno offerto il loro contributo per questa antologia in cui in ogni storia c'è un personaggio di troppo: la coppia.
Uno più una non fa mai due: in amore, l'aritmetica è un'opinione. La cifra ideale è uno, più una, più un altro, più un'altra, più molti. Ovviamente, nella fattispecie, la somma non fa il totale, ma crea il caos più totale...
Le storie narrate sono tutte assolutamente surreali; i protagonisti. però, estremamente realisti, giungono alla unanime conclusione che la felicità non esiste e che quindi non resta che provare a essere felici senza.
La sofferenza è un vuoto a perdere, quindi affrontano le delusioni d'amore con auto-ironia, invitando il lettore a soffrire solo quel giusto indispensabile per contraddistinguerli dai coccodrilli.
La robusta convinzione di ciascun autore è che l'amore è nano!
Ordina per
  • 4

    NANOROMANZI D'AMORE - Seconda antologia del GULP ( Gruppo Umoristi Ludici Postmoderni)

    L'idea di questa antologia nasce da Gianni Puca, avvocato divorzista, allergico al matrimonio ma non alle donne. Scrittore umoristico di numerosi testi teatrali tra cui “Finchè l’avvocato non vi separ ...continua

    L'idea di questa antologia nasce da Gianni Puca, avvocato divorzista, allergico al matrimonio ma non alle donne. Scrittore umoristico di numerosi testi teatrali tra cui “Finchè l’avvocato non vi separi” e di un giallo noir a tinte rosa ambientato in una città tutta grigia, autore di testi per il gruppo folk Vottafuoco, cura rubriche calcistiche dedicate al Napoli e ha partorito ( non sappiamo se con dolore) anche un libro per bambini.
    Più volte si è domandato come diavolo facessero gli scrittori a generare romanzi d’amore di un certo peso ( due o trecento chili).
    Anche con tutto l’impegno necessario, a lui venivamo al massimo di tre o quattro pagine. Così, ha avuto l’idea di chiedere ad un gruppo di amici scrittori, giallisti, umoristi, poeti, di scrivere ciascuno un proprio nano romanzo d’amore anche soltanto di un rigo, di una parola.
    Sì, perchè l’amore non è più come quello di una volta, quello che durava più o meno per sempre. La robusta convinzione di ciascun autore è che l’amore sia nano.
    Il testo vanta un contributo variegatissimo di penne provenienti all' 80% dalla splendida fucina napoletana, ma figurano anche numerosi romani, siciliani, una molisana e persino una giapponese.
    Io, con il mio "Il Dongiovanni", faccio parte del gruppetto dei figli del Colosseo, e sono profondamente onorata di figurare accanto ad autentici maestri dell'umorismo napoletano.
    Fra di noi si nascondono, non senza un pizzico di sano imbarazzo, seri professionisti che un lavoro vero ce l'hanno, scrittori di fama nazionale e anche qualche vincitore del Premio Massimo Troisi per la scrittura comica.
    Questa allegra brigata di scrittori felicemente pazzi è riunita sotto l'etichetta GULP ( Gruppo Umoristi Ludici Postmoderni ) http://www.paragulp.it/
    L'acronimo non è altro che una copertura di quello che in realtà rappresenta un gruppo di delirio collettivo, tant'è che presto verremo ricoverati in blocco presso la Neuro.
    Nel libro parliamo d’amore, in tutte le sue sfaccettature, in tutte le sue sfumature di rosa, ma anche no. Abbiamo scritto racconti al limite del surreale perché un sorriso aiuta a vivere meglio anche i drammi del cuore. Quello che vogliamo dirvi seriamente è che l’amore passa, prima o poi.
    Gli umoristi, viva Dio, restano.

    ha scritto il