Se questo è un uomo - La tregua

Di

Editore: Einaudi

4.4
(4823)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 365 | Formato: Altri | In altre lingue: (altre lingue) Svedese

Isbn-10: 8808116018 | Isbn-13: 9788808116017 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Paperback , Copertina rigida

Genere: Biografia , Narrativa & Letteratura , Storia

Ti piace Se questo è un uomo - La tregua?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Ordina per
  • 4

    null

    Ho gradito di più "Se questo è un uomo" rispetto a "La tregua", quest'ultimo, infatti l'ho trovato un po' troppo schematico e descrittivo, con tante storie, nomi ed eventi (a volte anche un po' diffic ...continua

    Ho gradito di più "Se questo è un uomo" rispetto a "La tregua", quest'ultimo, infatti l'ho trovato un po' troppo schematico e descrittivo, con tante storie, nomi ed eventi (a volte anche un po' difficili da contestualizzare e ricordare). Non v'è dubbio, però, che entrambi rappresentino dei capisaldi fondamentali per la letteratura del "ricordo" per la terribile esperienza del Lager (con la "L" maiuscola, come lo scrive lo stesso Levi). A differenza degli altri libri sulla deportazione nei campi di lavoro e sterminio, quelli dello scrittore torinese rappresentano qualcosa che trascendono la norma: Levi, infatti, non si lascia andare a enfasi e racconti terribili, ma tutto viene piuttosto riportato con razionalità ed enorme senso visivo (basti pensare alle descrizioni riguardanti la "topografia del Lager", all'attenzione sugli orari del lavoro ecc.). Penso che questi libri debbano essere letti almeno una volta nella vita, se non addirittura "insegnati" nelle scuole; certe cose, soprattutto se non vissute, vanno necessariamente ricordate e tenute a mente sempre. E Levi, oltre all'esperienza del ricordo, ci permette di fare una vera e propria lezione sulla vita del Lager. Da leggere, assolutamente.

    ha scritto il 

  • 5

    Che libri appassionanti e quante riflessioni , specie per averlo riletto per la seconda volta in età adulta . Il capitolo i sono ersi e i salvati , come é applicabile al presente ! Molto interessante ...continua

    Che libri appassionanti e quante riflessioni , specie per averlo riletto per la seconda volta in età adulta . Il capitolo i sono ersi e i salvati , come é applicabile al presente ! Molto interessante l' appendice , in cui l ' autore risponde a domande comuni . Pensando poi al suo suicidio ...l.

    ha scritto il 

  • 5

    Dopo una rilettura più attenta, ritengo che questo romanzo sia più attuale di quanto ci faccia piacere ammettere...
    "A molti, individui o popoli , può accadere di ritenere, più o meno consapevolmente, ...continua

    Dopo una rilettura più attenta, ritengo che questo romanzo sia più attuale di quanto ci faccia piacere ammettere...
    "A molti, individui o popoli , può accadere di ritenere, più o meno consapevolmente, che ogni straniero è nemico. Per lo più questa convinzione giace in fondo agli animi come un'infezione latente; si manifesta solo in atti saltuari e incoordinati, e non sta all'origine di un sistema di pensiero . Ma quando questo avviene, quando il dogma inespresso diventa premessa maggiore di un sillogismo, allora al termine della catena, sta il Lager."

    ha scritto il 

  • 4

    "Noi non ritorneremo. Nessuno deve uscire di qui, che potrebbe portare al mondo, insieme col segno impresso nella carne, la mala novella di quanto, ad Auschwitz, è bastato animo all'uomo di fare dell' ...continua

    "Noi non ritorneremo. Nessuno deve uscire di qui, che potrebbe portare al mondo, insieme col segno impresso nella carne, la mala novella di quanto, ad Auschwitz, è bastato animo all'uomo di fare dell'uomo."

    ha scritto il 

  • 5

    Nessun commento. Solo un pensiero, rivolto a coloro (e non sono pochi) che mi avevano descritto questo libro come piatto e grigio: doveva essere scritto così, e solo uno scrittore autentico e grande p ...continua

    Nessun commento. Solo un pensiero, rivolto a coloro (e non sono pochi) che mi avevano descritto questo libro come piatto e grigio: doveva essere scritto così, e solo uno scrittore autentico e grande poteva riuscire a scriverlo così.

    ha scritto il 

Ordina per