Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Seconda chance

Di ,,

Editore: RL Libri

3.7
(233)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 312 | Formato: Altri

Isbn-10: 8846208994 | Isbn-13: 9788846208996 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Disponibile anche come: Copertina rigida

Genere: Mystery & Thrillers

Ti piace Seconda chance?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Un delitto è sempre orribile. Ma se a morire è una ragazzina undicenne, di colore, colpita apparentemente per puro caso, allora una cappa nera di odio rischia di avvolgere l'intera comunità e di suscitare un'irrefrenabile sete di vendetta. E infatti gli occhi di tutta San Francisco sono puntati sul tenente Lindsay Boxer: è sua la responsabilità di trovare l'assassino, il pazzo che ha sparato addosso a una piccola folla, uccidendo però soltanto la piccola Tasha. Senza indizi concreti né piste valide, e contro ogni logica, Lindsay si aggrappa a un'intuizione: forse il movente di quell'omicidio non è l'odio razziale, bensì un impulso oscuro, più sfuggente e quindi molto più pericoloso. E sa pure che c'è un'unica risorsa su cui può contare, cioè riunire di nuovo le "Donne del club omicidi", lei e le sue amiche Claire Washburn, Jill Bernhardt e Cindy Thomas: medico legale, sostituto procuratore e giornalista, le "tre menti più acute e brillanti della città"...
Ordina per
  • 0

    Un delitto è sempre orribile. Ma se a morire è una ragazzina undicenne, di colore, allora una cappa nera di odio rischia di avvolgere l'intera comunità. E infatti gli occhi di tutta San Francisco sono puntati sul tenente Lindsay Boxer. Senza indizi concreti né piste valide si aggrappa all’unica r ...continua

    Un delitto è sempre orribile. Ma se a morire è una ragazzina undicenne, di colore, allora una cappa nera di odio rischia di avvolgere l'intera comunità. E infatti gli occhi di tutta San Francisco sono puntati sul tenente Lindsay Boxer. Senza indizi concreti né piste valide si aggrappa all’unica risorsa su cui può contare, cioè riunire di nuovo le «Donne del club omicidi». Unite da un patto di fedeltà e di collaborazione, le quattro donne scandagliano ogni sospetto, ignare del fatto che le loro indagini rischiano di portare alla luce un segreto destinato a sconvolgere anche la loro vita privata…

    ha scritto il 

  • 3

    E' il primo libro che leggo della serie Women’s Murder Club, e di cui la vera protagonista - almeno in questo capitolo della serie-, più che il gruppo di amiche, è Lindsay.
    La trama è avvincente e il finale non troppo scontato. Leggerò anche i successivi libri della serie.

    ha scritto il 

  • 4

    Patterson ... una garanzia

    libro ben scritto , trama articolata e romanzo scorrevole ..non mancano i tanti colpi di scena che rendono difficile staccarsi alla lettura .. Buon libro da ombrellone

    ha scritto il 

  • 2

    Tutto qui?

    Scorrevole, moderatamente avvincente, c’è il solito serial killer, i buoni e i cattivi, quattro amiche che sono personalità di spicco nei loro campi d'attività, e l’immancabile colpo di scena.
    Non avevo mai letto nulla di James Patterson, ma trovo che questo romanzo non si discosti molto da ...continua

    Scorrevole, moderatamente avvincente, c’è il solito serial killer, i buoni e i cattivi, quattro amiche che sono personalità di spicco nei loro campi d'attività, e l’immancabile colpo di scena.
    Non avevo mai letto nulla di James Patterson, ma trovo che questo romanzo non si discosti molto dai soliti thriller di genere: è come un bicchiere di una bibita fresca che si beve in fretta, senza avere quel gradevole retrogusto che ti fa desiderare di ordinarla anche la prossima volta; una bibita estiva, solo per quando si ha sete (ecco un esempio di cosa aspettarsi da questo libro: “Ormai si trattava di una vicenda personale per tutti noi. Volevamo incastrarlo.”).
    Gli ingredienti sono ben conosciuti: la grande città (San Francisco), le indagini che sembrano senza sbocco, gli indizi a sorpresa, la protagonista principale (tenente della Omicidi), donna, che affronta da sola il pericolo, le sue tre migliori amiche (“non avrei potuto trovare tre menti più brillanti.” Ovvio no?) con i loro problemi, un salvataggio all’ultimo momento con un colpo di scena “annunciato” che risolve la situazione di pericolo.
    Un romanzo che, terminata la lettura, si lascia facilmente dimenticare.

    Questa è “la seconda indagine delle donne del Club Omicidi” (la protagonista e le sue tre amiche), una serie ormai arrivata al dodicesimo libro: per me si fermerà con l’unico altro romanzo (il quarto della serie), che ho comprato anni fa e che certamente non sarà seguito da altri acquisti.

    James Patterson è uno degli autori più venduti al mondo e pubblica diversi romanzi all’anno: sono contento per lui, dopo tutto io non ho mai letto nemmeno l’altro, quello del Codice da Vinci...

    ha scritto il 

  • 2

    Un'indagine che non convince

    Lindsay Boxer, tenente di fresca promozione, rientra a lavoro dopo aver risolto un caso molto difficile, che le ha procurato molte sofferenze. La sparatoria di fronte ad una chiesa in un quartiere popolare, dove rimane uccisa una bambina di colore, aprirà una nuova e difficile indagine. Il suo in ...continua

    Lindsay Boxer, tenente di fresca promozione, rientra a lavoro dopo aver risolto un caso molto difficile, che le ha procurato molte sofferenze. La sparatoria di fronte ad una chiesa in un quartiere popolare, dove rimane uccisa una bambina di colore, aprirà una nuova e difficile indagine. Il suo intuito, i suoi colleghi e le amiche del Club Omicidi la aiuteranno ancora.

    Sono al secondo giallo di Patterson legato al Club degli Omicidi. In linea temporale questo è precedente rispetto all'altro che ho letto. Ho trovato la trama scarsa, i colpi di scena prevedibili, la lettura favorita solo dai capitoli corti che invogliano ad andare avanti. Trovo tuttora l'idea del club omicidi al femminile molto intrigante, ma questa volta il caso non è all'altezza. Potrebbe essere una piacevole lettura passatempo e per niente impegnativa.

    ha scritto il