Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Seconda origine

Di

Editore: Atmosphere

3.3
(7)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 176 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8865640065 | Isbn-13: 9788865640067 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Genere: Fiction & Literature , Science Fiction & Fantasy

Ti piace Seconda origine?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Benaura è il piccolo villaggio della Catalogna dal quale prende l'avvio il romanzo. Alba è una ragazza di quattordici anni, Dìdac ne ha appena nove. Le loro vite sono poste di fronte a una prova senza alcun precedente nella storia dell'uomo su questa terra: la quasi totalità della vita è stata sradicata dal pianeta a causa di una catastrofe di origine aliena. I pochi esseri umani che sono sopravvissuti hanno perso il lume della ragione, attaccano invece di comunicare, mordono invece di parlare. La missione che Alba e Dìdac dovranno compiere sarà ripopolare la terra. Seconda Origine è composto da cinque capitoli, intitolati “taccuini”, che descrivono il compito di Alba e Dìdac.
Ordina per
  • 3

    la cronaca dei primi cinque anni di vita di due ragazzini sopravvissuti a un'improvvisa e inspiegabile invasione aliena, che annienta praticamente tutta la popolazione e distrugge buona parte degli edifici. i due capiscono presto di essere gli unici rimasti, e al di là della stretta sopravvivenza ...continua

    la cronaca dei primi cinque anni di vita di due ragazzini sopravvissuti a un'improvvisa e inspiegabile invasione aliena, che annienta praticamente tutta la popolazione e distrugge buona parte degli edifici. i due capiscono presto di essere gli unici rimasti, e al di là della stretta sopravvivenza iniziano subito a pensare a come porre le basi per una nuova civiltà.

    un romanzo insolito, che non si limita a semplici sequenze di survivalismo, ma affida ai due ragazzi il ruolo di portavoce dell'umanità, nella sua accezione più elementare e biologica. non vengono evocati supremi valori per spiegare la fine del mondo né i principi su cui verrà fondato quello nuovo, ma tutto viene misurato con il metro della responsabilità, tanto nei confronti del passato (la civiltà ormai perduta) che del futuro (la civiltà che verrà).

    lettura agevole e profonda senza diventare retorica, adatta in particolare ai ragazzi.

    ha scritto il