Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Sei pezzi da mille

Di

Editore: Mondadori

4.1
(884)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 762 | Formato: Altri

Isbn-10: 8804490349 | Isbn-13: 9788804490340 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: S. Bortolussi

Disponibile anche come: Paperback

Genere: Crime , Fiction & Literature , Mystery & Thrillers

Ti piace Sei pezzi da mille?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Dallas, 22 novembre 1963. John Fitzgerald Kennedy viene assassinato: esplodeil cuore del sogno americano. Un giovane poliziotto di Las Vegas, WayneTedrow Junior, arriva a Dallas con 6000 dollari ed un odioso compito dasvolgere, ignaro che sta per immergersi in un viaggio lungo cinque anni neiretroscena criminali della vita pubblica americana: a Las Vegas con lamafia e Howard Hughes, nel sud con il Ku Klux Klan e J. Edgar Hoover, aCuba con un carico d'armi, in Vietnam e di nuovo in patria con una partitadi polvere bianca e nuovi complotti di morte, mentre si avvicina il 1968...
Ordina per
  • 4

    I ragazzi di Dallas '63

    E come Ellroy: Elettrizzante. Esplosivo. Estenuante. Non si può certo definire letteratura da ombrellone, questa: non è solo una collezione di scalpi quella dei "ragazzi di Dallas", pedine reduci dell ...continua

    E come Ellroy: Elettrizzante. Esplosivo. Estenuante. Non si può certo definire letteratura da ombrellone, questa: non è solo una collezione di scalpi quella dei "ragazzi di Dallas", pedine reduci dell'attentato a JFK, ma una fitta ragnatela di intercettazioni, documenti, intrallazzi che cuce insieme la caccia all'uomo di una vendetta personale e vari densissimi plot "para-storici" - in pieno stile Ellroy - tra Cuba, il Vietnam, Las Vegas, il sottobosco bifolco razzista e le oscure manovre del potere tra mafia ed FBI.
    Non è una lettura semplice, il sangue appiccica le pagine, il punto di vista è quello della parte marcia e l'interpunzione ha il ritmo di una raffica di mitra. Per sua stessa definizione Ellroy ha qui usato uno stile "diretto, a frasi mozze, imperativo, che ti colpisce dritto alle palle", funzionale a descrivere il torbido ambiente reazionario di quei pesantissimi anni '60.
    Continuo a restare sbalordito per l'estrema disinvoltura con cui questo scrittore plasma la materia storica più oscura, retaggio dei complottisti più incalliti, giocando a sporcare i personaggi pubblici dell'epoca in maniera a dir poco spudorata. E' un pazzo, gli va riconosciuto: bisogna essere ellroyani per amarlo, e io insanamente lo sono.

    ha scritto il 

  • 1

    Illeggibile...

    Semplicemente illeggibile...i dialoghi sono assurdi...la prosa o è stata tradotta male o è scritta proprio alla c....o di cane....quello che sembrava solo un vezzo di Ellroy in "American Tabloid" (l'u ...continua

    Semplicemente illeggibile...i dialoghi sono assurdi...la prosa o è stata tradotta male o è scritta proprio alla c....o di cane....quello che sembrava solo un vezzo di Ellroy in "American Tabloid" (l'uso di frasi ripetute più volte a breve distanza) qui diventa un tormento:davvero difficile farsi catturare dalla storia che sembra non decollare mai....Bocciato!!

    ha scritto il 

  • 4

    il seguito di American Tabloid, che segue (tra l´altro) i momenti cruciali dell´omicidio-JFK.
    Solo un pochino meno potente (e chiaramente mancava l´effetto sorpresa) di American Tabloid, é come confro ...continua

    il seguito di American Tabloid, che segue (tra l´altro) i momenti cruciali dell´omicidio-JFK.
    Solo un pochino meno potente (e chiaramente mancava l´effetto sorpresa) di American Tabloid, é come confrontare Nevermind dei Nirvana con ció che hanno fatto dopo, é chiaro che quello d´impatto é il primo.

    ha scritto il 

  • 5

    Faticoso ma bellissimo

    Come tutti i romanzi di Ellroy Sei pezzi da mille è faticoso, moltissimi personaggi, stile di scrittura molto particolare, ma è un libro assolutamente da leggere. La storia americana degli anni 60 è m ...continua

    Come tutti i romanzi di Ellroy Sei pezzi da mille è faticoso, moltissimi personaggi, stile di scrittura molto particolare, ma è un libro assolutamente da leggere. La storia americana degli anni 60 è molto affascinante, ed Ellroy ne fa una dura, spietata critica, e ci insegna tanto.
    Un libro che mi ha lasciato molto e che mi ha fatto crescere tanto.

    ha scritto il 

  • 4

    Assieme a "American tabloid" "Sei pezzi per mille" fa a gara per essere consacrato il capolavoro di Ellroy: : è intrigante, avvincente e spietata la storia che ci propone l'Autore che mira a scandagli ...continua

    Assieme a "American tabloid" "Sei pezzi per mille" fa a gara per essere consacrato il capolavoro di Ellroy: : è intrigante, avvincente e spietata la storia che ci propone l'Autore che mira a scandagliare la politica e la società dell'America dei Kennedy, la lotta delle battaglie per i diritti civili, delle famiglie mafiose, dei sindacati corrotti, dei delitti eclatanti ed irrisolti. In definitiva è una critica feroce alla società conservatrice da un conservatore dichiarato, e proprio in questo sta il fascino di questo romanzo.

    ha scritto il 

  • 4

    Il romanzo è bello ma troppo dispersivo... troppi personaggi da ricordare e piazzare all'interno della storia: mettiamoci pure che a un certo punto vengono usati dei nomi in codice e non se ne esce ta ...continua

    Il romanzo è bello ma troppo dispersivo... troppi personaggi da ricordare e piazzare all'interno della storia: mettiamoci pure che a un certo punto vengono usati dei nomi in codice e non se ne esce tanto facilmente.

    Mi son fatto degli appunti per non perdere il filo della storia.

    Ripeto opera notevole, profonda, cattiva e soprattutto realistica. Prosa giornalistica a tratti forse troppo effettata ma va bene così.

    Ho amato American Tabloid, ho sopportato Sei Pezzi da mille... il terzo volume non ho alcuna intenzione di leggerlo mi spiace per il signor Ellroy.

    Riflettendo con un amico su questa trilogia siamo stati d'accordo che ne verrebbe fuori una cazzutissima serie tv [se ben fatto s'intende]... chissà che HBO o altri cable network non se ne accorgano. Sarebbe bello.

    ha scritto il 

  • 5

    La seconda parte della trilogia di Ellroy sulla perdita di innocenza dell'America. Inizia dove terminava - sia idealmente che cronologicamente - "American Tabloid", del quale mantiene la stessa potenz ...continua

    La seconda parte della trilogia di Ellroy sulla perdita di innocenza dell'America. Inizia dove terminava - sia idealmente che cronologicamente - "American Tabloid", del quale mantiene la stessa potenza narrativa, gli stessi personaggi e quella stessa commistione tra realtà storica e romanzo così ben strutturata che, molto spesso, il lettore si trova a chiedersi se sia realmente un romanzo o piuttosto un libro di storia.

    ha scritto il 

  • 2

    American Tabloid è stato tanto faticoso quando bello, ricco, potente. In sei pezzi da mille ho trovato solo la fatica. La fatica di capire chi fosse che parlava ad ogni inizio di capitolo, senza che n ...continua

    American Tabloid è stato tanto faticoso quando bello, ricco, potente. In sei pezzi da mille ho trovato solo la fatica. La fatica di capire chi fosse che parlava ad ogni inizio di capitolo, senza che nessuno riuscisse mai a tirarmi dento nella storia.
    non so, forse ero solo io nel periodo sbagliato, forse ho solo perso il treno dall'inizio e non sono più riuscito a salire...

    ha scritto il 

  • 5

    "American Tabloid" è un capolavoro. Ritenevo impossibile che il suo seguito potesse essere altrettanto bello, anche se mi aspettavo comunque un bel romanzo. Beh, "Sei pezzi da mille" non è un bel roma ...continua

    "American Tabloid" è un capolavoro. Ritenevo impossibile che il suo seguito potesse essere altrettanto bello, anche se mi aspettavo comunque un bel romanzo. Beh, "Sei pezzi da mille" non è un bel romanzo, ma un capolavoro come il suo predecessore.
    Ha le stesse, numerose, qualità di American Tabloid, senza esserne una copia (nonostante la struttura, in fondo, sia la stessa).

    ha scritto il