Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Seneca

I dialoghi - Lettere morali a Lucilio

Di

Editore: Mondadori (I Classici del pensiero n. 5)

4.5
(42)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 1127 | Formato: Cofanetto

Isbn-10: A000086589 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Curatore: Fernando Solinas , Giovanni Viansino

Genere: Philosophy

Ti piace Seneca?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 5

    Un libro da tenere sempre sul comodino.

    Seneca fu il piú grande esponente della corrente filosofica chiamata stoicismo, ma anche un uomo politico, prima precettore e poi consigliere del giovane imperatore Nerone, da cui poi fu costretto ...continua

    Seneca fu il piú grande esponente della corrente filosofica chiamata stoicismo, ma anche un uomo politico, prima precettore e poi consigliere del giovane imperatore Nerone, da cui poi fu costretto al suicidio nel 65 D.C.

    In quest'opera, che risale agli ultimi anni di vita di Seneca quando egli si era ormai ritirato dalla vita politica, sono raccolte delle lettere di carattere filosofico che egli scrisse all'amico Lucillo, di cui molto probabilmente alcune sono vere ed altre solo finzione letteraria. In ogni caso, la fomula episolare trovo che sia davvero efficace, perchè consente di stabilire un colloquio con il lettore fornendogli degli spunti di riflessione straordinari sul piano morale ed etico, più che su quello dottrinale.

    Insomma è ben lontano da un classico trattato di filosofia, ma piuttosto sembra quasi di ascoltare un vecchio e saggio padre, che ti dispensa esempi e consigli pratici di vita, validissimi anche per i nostri tempi.

    Infatti, come sentenziò Nietzsche nel secolo scorso, Dio è morto, e la nostra culura non è riuscita a produrre qualcosa che lo possa sostituire, da cui il senso diffuso di smarrimento e il nichilismo. Quindi non ci resta che volgere lo sguardo al passato, e a questo proposito, riferendosi all'epoca in cui visse Seneca, lo scrittore francese Flaubert scrisse:

    "Quando gli Dei non c'erano piú, e Cristo non c'era ancora, tra Cicerone e Marco Aurelio, c'è stato un momento unico in cui è esistito solo l'Uomo."

    Ecco, l'Europa nella sua decadenza contemporanea, non è riuscita a produrre un Seneca che ci possa fare da guida, quindi questo classico rimane a tutt'oggi un punto di riferimento.

    Conclusione: una lettura che ho fatto un po' velocemente in viaggio, ma si tratta di uno dei pochi libri che si è conquistato un posto fisso sul mio comodino.

    Più che un libro, è un Faro!

    ha scritto il 

  • 5

    Senaca insegna a vivere, ma sopratutto a saper morire con dignità

    Seneca insegna a vivere, ma soprattutto a saper morire con dignità. In questo volume è raccolta la sua produzione filosofica e morale, con un ottimo impianto di note e di introduzione a ciascun ...continua

    Seneca insegna a vivere, ma soprattutto a saper morire con dignità. In questo volume è raccolta la sua produzione filosofica e morale, con un ottimo impianto di note e di introduzione a ciascun degli splendidi dialoghi e all'edizione integrale delle Lettere morali a Lucilio. Un libro davvero meraviglioso, intenso e illuminante per l'estrema serenità e semplicità con cui sono affrontati anche gli argomenti più tristi e malinconici, di un autore che con fine scavo psicologico illustra come gli uomini non sappiano vivere bene in modo pieno, soddisfacente e dignitoso questa vita che ci è data: la vita a molti sembra corta, ma ma solo perchè spendono male il proprio tempo.

    ha scritto il