Sense and Sensibility: 1800 Headwords

By

Publisher: Oxford University Press

4.0
(8281)

Language: English | Number of Pages: 112 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) Chi traditional , Spanish , Chi simplified , German , French , Italian , Czech , Swedish , Portuguese , Catalan , Greek , Dutch , Polish , Korean , Danish , Farsi , Hungarian

Isbn-10: 0194792331 | Isbn-13: 9780194792332 | Publish date:  | Edition New Ed

Curator: Clare West

Also available as: Audio CD , Hardcover , Softcover and Stapled , Mass Market Paperback , Audio Cassette , School & Library Binding , Library Binding , Others , Unbound , eBook , Leather Bound

Category: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Romance

Do you like Sense and Sensibility: 1800 Headwords ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Sometimes the Dashwood girls do not seem like sisters. Elinor is all calmness and reason, and can be relied upon for practical, common sense opinions. Marianne, on the other hand, is all sensibility, full of passionate and romantic feeling. She has no time for dull common sense - or for middle-aged men of thirty-five, long past the age of marriage. True love can only be felt by the young, of course. And if your heart is broken at the age of seventeen, how can you ever expect to recover from the passionate misery that fills your life, waking and sleeping?
Sorting by
  • 2

    Premetto che Austen narra una storia abbastanza banale ma mi ha dato modo di conoscere lo stile di vita dell'alta società ottocentesca. Uno stile molto lontano dal nostro contesto sociale ma molto att ...continue

    Premetto che Austen narra una storia abbastanza banale ma mi ha dato modo di conoscere lo stile di vita dell'alta società ottocentesca. Uno stile molto lontano dal nostro contesto sociale ma molto attuale tra i ''salotti'' della società odierna.. In cui l'unica prerogativa erano il lusso, il divertimento, i vizi, anche a scapito della propria felicità interiore, rinnegando i propri sentimenti, pur di condurre uno stile di vita agiato.
    Accecata dalla riluttanza per queste tematiche così futili, ho iniquamente criticato l'autrice che, sebbene a tratti ha una scrittura poco scorrevole (è comunque un classico) e talvolta pletorica, non posso negare lo stile raffinato della sua penna e riconoscere l'opulenta proprietà di linguaggio.
    Ergo: 1 alla storia e 4 all'esposizione, il mio voto è 2,5

    said on 

  • 3

    attenzione spoiler

    Non mi è dispiaciuto,mi piacciono quasi sempre i romanzi ambientati in Inghilterra in questo periodo affascinante,romantico e al tempo stesso spietato(soprattutto con le donne).
    Bellissime le ambienta ...continue

    Non mi è dispiaciuto,mi piacciono quasi sempre i romanzi ambientati in Inghilterra in questo periodo affascinante,romantico e al tempo stesso spietato(soprattutto con le donne).
    Bellissime le ambientazioni,belli i personaggi.
    Leggerò sicuramente altre opere della Austen nonostante il ritmo lento l'ho trovata una bella lettura.
    Devo dire che durante la lettura pensavo che queste due sorelle fossero realmente agli antipodi come carattere,ma il finale mi ha fatta ricredere perché effettivamente proprio la saggia e composta Elinor sceglie il matrimonio per amore e la più spontanea e a volte plateale Marianne invece opta per la sistemazione con il colonnello.

    said on 

  • 3

    Ragione e sentimento mi ha donato riflessioni sul maschio alfa ed è per questo che è finito dritto dritto nella seconda puntata di So classy!, la rubrica dedicata ai classici scritti da donne (per ora ...continue

    Ragione e sentimento mi ha donato riflessioni sul maschio alfa ed è per questo che è finito dritto dritto nella seconda puntata di So classy!, la rubrica dedicata ai classici scritti da donne (per ora!): http://librangoloacuto.blogspot.it/2016/03/so-classy-2-ragione-e-sentimento-di.html buona lettura!

    said on 

  • 5

    "Per loro, desiderare voleva dire sperare, sperare attendersi che la speranza si realizzasse."

    Ha più forza la ragione dell’anima o il sentimento del cuore? Ha effettivamente senso creare una distinzione tra le due componenti del carattere umano? Questo è il punto cruciale del famoso romanzo au ...continue

    Ha più forza la ragione dell’anima o il sentimento del cuore? Ha effettivamente senso creare una distinzione tra le due componenti del carattere umano? Questo è il punto cruciale del famoso romanzo austeniano, che ci presenta la storia di due sorelle - Elinor e Marianne Dashwood - tanto unite quanto forti nei loro differenti stili di vita. Elinor, la maggiore, pone la ragione, l’assennatezza e il giudizio al di sopra di ogni sua azione, di ogni suo palpito; al contrario, Marianne, incarna appieno il cliché dell’eroina romantica per eccellenza: sentimentale, tragicamente legata al trasporto delle proprie emozioni, costantemente in balìa degli affanni del proprio cuore. Entrambe alle prese con la crescita e la conoscenza delle trame delle relazioni (familiari, amicali e sentimentali), Elinor e Marianne - insieme al lettore - vengono accompagnate dalla penna di Jane Austen in un viaggio letterario che le porterà, al termine del romanzo, ad una consapevolezza maggiore, all’acquisizione di esperienza e capacità di giudizio che rendono Ragione e sentimento un vero e proprio romanzo di formazione, oltre che un capolavoro della letteratura inglese.
    La Austen indaga la sua società, i manierismi e le convenzioni del suo tempo, criticandole velatamente con l’ironia che sempre contraddistingue la sua produzione letteraria, mettendo sulla scena del proprio scritto anche dei personaggi che ci appaiono come ridicole, odiose macchiette (si pensi alla signora Jennings o alle sorelle Steele). D’impatto anche l’attenzione posta ai personaggi maschili, di cui la Austen ci propone esempi differenti: dal genuino signor Ferrars all’inaspettato e dolce Colonnello Brandon, passando ovviamente per l’imperdonabile Willoughby - sebbene l’autrice gli conceda l’opportunità di redimersi.

    Rileggo un romanzo di Jane Austen ogni anno. Lo assaporo, lo vivo ogni volta. E ad ogni rilettura l’emozione resta viva dentro me fino alla fine del racconto, fino all’ultimo punto. Ragione e sentimento è un’avventura d’inchiostro che consiglio caldamente, insieme ad una buona tazza di thé e a qualche dolcetto alle noci.

    said on 

  • 4

    Sono rimasta piacevolmente soddisfatta da questo romanzo!
    Avevo visto prima il film e confesso che l'averlo fatto mi ha tolto un po' il gusto della lettura, ma mi è piaciuto lo stesso.
    In alcuni parti ...continue

    Sono rimasta piacevolmente soddisfatta da questo romanzo!
    Avevo visto prima il film e confesso che l'averlo fatto mi ha tolto un po' il gusto della lettura, ma mi è piaciuto lo stesso.
    In alcuni particolari ho ritrovato lo stampo di Orgoglio e Pregiudizio, ma non l'ho interpretato come mancanza d'inventiva, più che altro ho riconosciuto la capacità della Austen di adattare uno stesso argomento a diverse situazioni con nuovi particolari.
    Per quanto Orgoglio e Pregiudizio rimane il mio idolo, per il momento, del quale conosco le battute a memoria, Ragione e Sentimento è una lettura piacevolissima che potrei persino ripetere.

    said on 

  • 4

    Impareggiabile Jane Austen

    Questo non è il mio romanzo della Austen, ma l'ho riletto con piacere.
    Nessuno come lei sa tratteggiare i vezzi della società inglese, con le sue manie e le sue ipocrisie, che diventano sfondo di stor ...continue

    Questo non è il mio romanzo della Austen, ma l'ho riletto con piacere.
    Nessuno come lei sa tratteggiare i vezzi della società inglese, con le sue manie e le sue ipocrisie, che diventano sfondo di storie incredibilmente romantiche e di protagoniste indimenticabili.

    said on 

  • 4

    No es de los que más me gustan de Jane Austen, pero me sigue fascinando la capacidad para engancharme con una historia ñoña y previsible de estereotipos y clasista. En otros libros se aprecia más la i ...continue

    No es de los que más me gustan de Jane Austen, pero me sigue fascinando la capacidad para engancharme con una historia ñoña y previsible de estereotipos y clasista. En otros libros se aprecia más la ironía y la observación socarrona de las convenciones sociales de su época, en este echo en falta este ingrediente.

    said on 

  • 3

    Non discuto assolutamente il potere evocativo della Austen, che riesce a ben tratteggiare i suoi personaggi ed immergerli in un'atmosfera degna, ma mi chiedo che senso abbia un simile libro nel contes ...continue

    Non discuto assolutamente il potere evocativo della Austen, che riesce a ben tratteggiare i suoi personaggi ed immergerli in un'atmosfera degna, ma mi chiedo che senso abbia un simile libro nel contesto in cui viviamo

    said on 

  • 1

    ho riprovato con un classico, ma non c'è niente da fare. dopo 31 pagine trascorse a leggere di discussioni sull'eredità e di considerazioni su un potenziale fidanzato - come si dice qui - ci do a mucc ...continue

    ho riprovato con un classico, ma non c'è niente da fare. dopo 31 pagine trascorse a leggere di discussioni sull'eredità e di considerazioni su un potenziale fidanzato - come si dice qui - ci do a mucchio. a dire il vero questo libro l'ho scambiato più per la veste editoriale che per altro. in effetti nella mia libreria l'ho inserito frontale e sta proprio bene

    said on 

Sorting by
Sorting by