Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Sense and sensibility

By Jane Austen

(14)

| Others | 9788853003874

Like Sense and sensibility ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

654 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    un po' ragione, un po' sentimento

    Se ci fosse stato il mezzo voto, avrei dato a questo romanzo tre stelle e mezzo; non essendo contemplata questa possibilità, non mi sento comunque di dare quattro stelle. Niente da dire circa la forma: è scritto perfettamente, caratterizza bene i per ...(continue)

    Se ci fosse stato il mezzo voto, avrei dato a questo romanzo tre stelle e mezzo; non essendo contemplata questa possibilità, non mi sento comunque di dare quattro stelle. Niente da dire circa la forma: è scritto perfettamente, caratterizza bene i personaggi e ne dà una descrizione introspettiva e reale, tuttavia, a mio avviso, paragonato ad "Orgoglio e Pregiudizio", regge di meno il confronto. Almeno questa è la mia personalissima opinione. Per quanto riguarda la storia, essa gira intorno la vita di due sorelle (in realtà sono tre, c'è anche Margaret, ma viene citata molto molto poco), la maggiore delle quali, Elinor, incarna la "ragione", l' altra, Marianne, il "sentimento". Entrambe dovranno affrontare mali d' amore, più o meno drammatici, che le porteranno a crescere: Elinor, sarà un po' meno ragione e più sentimento, Marianne, acquisirà un po' più ragione.

    Is this helpful?

    clarita° said on Aug 27, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Le buone maniere salveranno il mondo ?

    Sembrerebbe di si, poichè alla fine Elinor coronerà il suo sogno d'amore e Marianne troverà un'adeguata e solida sistemazione alla propria esistenza.

    Ma anche gli immeritevoli - escluso Willoughby - avranno il loro happy end.

    Quel che invece salv ...(continue)

    Sembrerebbe di si, poichè alla fine Elinor coronerà il suo sogno d'amore e Marianne troverà un'adeguata e solida sistemazione alla propria esistenza.

    Ma anche gli immeritevoli - escluso Willoughby - avranno il loro happy end.

    Quel che invece salva il libro, anzi lo rende un piccolo ma immortale capolavoro, è la leggerezza del racconto, l'ironia e il disincanto dell'autrice, che antepone il savoir vivre a tutte le altre virtù personali e sociali ma,in fondo, si fa beffe di chi applichi questo metodo in modo quasi religioso.

    A ben vedere i sentimenti restano sullo sfondo: metro di tutto è il pensiero, il giudizio su cosa sia bene e cosa sia male fare: l'applicazione di questo giudizio alle proprie azioni richiede talvolta un self-control quasi eroico, come nel caso della diciassettenne Elinor.

    Si tratta di un modello sociale del quale sorridere ma, in qualche misura, da rimpiangere.

    Is this helpful?

    Maurizio Attilio Ricci said on Aug 26, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    La trama del romanzo, di per sé, non ha nulla di speciale: due sorelle, Elinor e Marianne, si innamorano di due giovani di buona famiglia e devono far fronte agli ostacoli delle aspettative sociali delle di loro famiglie, che cercano per i figli matr ...(continue)

    La trama del romanzo, di per sé, non ha nulla di speciale: due sorelle, Elinor e Marianne, si innamorano di due giovani di buona famiglia e devono far fronte agli ostacoli delle aspettative sociali delle di loro famiglie, che cercano per i figli matrimoni economicamente convenienti. L'evoluzione delle rispettive storie d'amore procede in maniera abbastanza simile, fra speranze, delusioni e rivolgimenti inattesi in cui il pettegolezzo e le manovre di madri, zie e suocere la fanno da padrone. Diverso è, invece, l'approccio che ciascuna delle sue sorelle Dashwood ha nei confronti dell'amore stesso: quanto Elinor è razionale e contenuta nel manifestare le proprie emozioni e gestire i sentimenti, tanto Marianne si lascia prendere dalla passione, dai sogni e da attacchi di isteria, senza mai risparmiarsi di rinfacciare alla sorella quella che crede una freddezza incomprensibile per una fanciulla innamorata.
    Un racconto piacevole, ironico, leggero che, se non permette grandi riflessioni esistenziali come molti classici coevi, è tuttavia estremamente godibile, anche grazie alla prosa piana ed elegante di Jane Austen, che sembra accompagnarci nei salottini inglesi all'ascolto delle confidenze e delle chiacchiere delle signorine in età da marito.
    http://athenaenoctua2013.blogspot.it/2014/08/ragione-e-…

    Is this helpful?

    Cristina - Athenae Noctua said on Aug 4, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Due sorelle, due caratteri molto diversi, una più impulsiva e sensuale, l'altra più riflessiva e cauta.
    Non eguaglia gli altri romanzi come Orgoglio e pregiudizio e Mansfield park

    Is this helpful?

    Linda T said on Jul 12, 2014 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book