Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Senza appello

Di ,

Editore: Longanesi

3.6
(127)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 300 | Formato: Copertina rigida

Isbn-10: 8830431931 | Isbn-13: 9788830431935 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Disponibile anche come: Altri , eBook

Genere: Mystery & Thrillers

Ti piace Senza appello?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Uccidere senza un motivo vittime casuali sembra assurdo persino per un folle serial killer. E’ quello che si chiedono le appassionate detective di Senza appello, l’ultimo caso scritto da James Patterson e Paetro Maxine sulle Donne del club degli omicidi. La serie che in Italia e nel mondo ha venduto milioni di copie ha come protagoniste quattro donne, impegnate ognuna nel suo campo a combattere la criminalità. Lindsay Boxer, tenente di polizia, e le sue amiche si trovano stavolta a dover risolvere insidiosi omicidi apparentemente slegati tra di loro, ma in realtà condotti da una mente psicopatica e meticolosa che decide di uccidere le persone più innocenti e proprio per questo più indifese di San Francisco. Nelle ampie strade della città americana, tra salite e discese, scorci di mare e trasgressioni, un criminale pericoloso ha già ucciso tre persone. L’unica traccia che lascia dietro di sé è un messaggio in codice, tutto da decifrare, scritto sul parabrezza di un auto con un rossetto scarlatto. Per il club delle donne omicidi il caso è veramente difficile, anche perché stavolta le prime vittime sono una mamma giovane e il suo bambino senza macchie nel passato, senza nemici, quindi apparentemente impossibili da colpire. Invece alla fine di una tranquilla mattinata passata a far la spesa in un supermarket, l’omicida li uccide con pochi colpi di pistola a pochi metri dalla loro macchina. Il fatto sconvolge la città, impaurisce la gente proprio per la casualità e l’insensatezza dell’omicidio. Perché il killer vuole uccidere proprio loro? Ha studiato le loro mosse e ha deciso di colpirli proprio nella loro banale e tranquilla quotidianità? Oppure è tutto assolutamente casuale? A dare una svolta nel thriller scritto a quattro mani da Patterson e Maxine sarà un’altra uccisione: quella della moglie di un famoso attore che si imbatte accidentalmente in un rapinatore che sta rubando milioni di dollari. L’incontro sarà fatale. I due casi saranno collegati tra loro oppure San Francisco è in preda alla violenza? In Senza appello Lindsay e le sue amiche devono far fronte alla loro fragilità e alle emozioni che caratterizzano questo caso, alla fine però ci daranno una illuminante risposta.
Ordina per
  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    5

    Finalmente un romanzo in cui i vari casi si intrecciano tra loro invece che scorrere paralleli fino alla fine! A parte quel che riguarda Yuki, sempre più isolata e marginale rispetto alle altre tre del Club, tanto che le pagine che parlano di lei sono solo un riempitivo e potrebbero essere taglia ...continua

    Finalmente un romanzo in cui i vari casi si intrecciano tra loro invece che scorrere paralleli fino alla fine! A parte quel che riguarda Yuki, sempre più isolata e marginale rispetto alle altre tre del Club, tanto che le pagine che parlano di lei sono solo un riempitivo e potrebbero essere tagliate senza nulla togliere al racconto, la storia si dipana bene, con un buon ritmo e delle buone scelte di trama.
    Dopo Lindsay prende sempre più importanza la figura di Cindy, fidanzata col bel collega della protagonista, Richard Conklin, che mette in ombra le figure di Claire e soprattutto di Yuki.
    Fino all’epilogo tutto è molto buono, fino all’epilogo, perché qui invece stavano per cascarmi le braccia. L’ultimo “colpo di scena” potevano tranquillamente risparmiarselo, sarebbero bastate le incognite aperte sul futuro di Lindsay, invece no, non hanno potuto fare a meno di mettere quelle tre paginette che ti fanno voglia di mandarli a quel paese. Comunque tutto è bene quel che finisce bene, anche se sarà da vedere nel prossimo episodio quale sarà il futuro di Lindsay nella squadra omicidi.

    ha scritto il 

  • 5

    ebook

    Un altro punteggio pieno. Pazzi criminali ce ne sono di tutti i tipi, ed i poliziotti devono diversificare le procedure d'indagine. Alla fine però il delinquente buono è il delinquente morto.

    ha scritto il 

  • 4

    Non male ma preferisco molto di piu' il solo Patterson con il suo Alex Cross, forse perche',in questo, si sente troppo la mano della Paetro nella narraziomne del libro
    TRAMA
    È di nuovo con noi la premiata ditta Patterson & Paetro, e ci regala un nuovo ro-manzo della serie le "Donne de ...continua

    Non male ma preferisco molto di piu' il solo Patterson con il suo Alex Cross, forse perche',in questo, si sente troppo la mano della Paetro nella narraziomne del libro
    TRAMA
    È di nuovo con noi la premiata ditta Patterson & Paetro, e ci regala un nuovo ro-manzo della serie le "Donne del Club Omicidi". Ritroviamo così la detective Lindsay Boxer, alle prese con le gesta di un killer diabolico. Le prime vittime sono una madre e il suo bambino, uccisi nel parcheggio di un centro commerciale. Prima di allonta-narsi, l´assassino ha usato un rossetto per scarabocchiare tre lettere su un para-brezza: WCF. È la sua firma? O qualcosa di più inquietante? Mentre Lindsay cerca di districarsi fra gli indizi, un altro omicidio scuote gli ambienti della San Francisco più glamour. La moglie di un celebre attore è stata ammazzata da un ladro sorpreso a rubare in casa sua. Le dinamiche dell´omicidio non convincono Lindsay, ma non c´è tempo per interrogarsi. Il killer del parcheggio colpisce ancora, lasciando a terra una madre e suo figlio. E poi torna nuovamente a uccidere... Per far luce su questi delitti serve tutta l´abilità delle "Donne del Club Omicidi": quattro amiche, quattro donne eccezionali, protagoniste assolute del più amato serial thriller di tutti i tempi.
    ( recensione tratta da Mondolibri.it )

    ha scritto il 

  • 3

    Nono libro della serie Women's Murder Club.
    San Francisco è alle prese con un killer efferato: uccide giovani madri e i loro figli neonati. Un crimine odioso e senza senso. Ma Lindsay è alle prese anche con Hello Kitty, un abile ladro che si intrufola nelle ville dei ricchi della città per ...continua

    Nono libro della serie Women's Murder Club.
    San Francisco è alle prese con un killer efferato: uccide giovani madri e i loro figli neonati. Un crimine odioso e senza senso. Ma Lindsay è alle prese anche con Hello Kitty, un abile ladro che si intrufola nelle ville dei ricchi della città per rubare i loro preziosi gioielli. Quando la vittima di un furto viene ritrovata morta, il ladro è accusato anche dell'omicidio, ma farà di tutto per scagionarsi...

    Si fa leggere, per carità, ma lascia tante questioni in sospeso. Avrebbe potuto parlare della sindrome da stress post traumatico che colpisce i soldati di ritorno dall'Iraq. O dare maggiore spazio alle emozioni di Claire in quanto madre. Ma tanto la sua scrittura è così accattivante che si fa leggere in fretta.

    ha scritto il 

  • 3

    <B> Recensito per mangialibri

    È davvero possibile che il ladro di gioielli soprannominato Hello Kitty sia diventato all’improvviso un assassino? Sembra proprio di sì, o almeno questo sostiene Marcus Dowling, famoso e fascinoso attore rimasto vedovo apparentemente durante un furto. Dowling sostiene che sua moglie Casey, salit ...continua

    È davvero possibile che il ladro di gioielli soprannominato Hello Kitty sia diventato all’improvviso un assassino? Sembra proprio di sì, o almeno questo sostiene Marcus Dowling, famoso e fascinoso attore rimasto vedovo apparentemente durante un furto. Dowling sostiene che sua moglie Casey, salita in camera, abbia sorpreso il ladro, che le avrebbe sparato due colpi uccidendola: ma è davvero andata così? E chi è, cosa vuole il killer che nei parcheggi uccide giovani madri con i loro figli lasciando un enigmatico acronimo con il rossetto che prende dalla borsa delle vittime? Hanno un senso quelle tre lettere, di cui cambia a caso la disposizione? Per Lindsay Boxer è davvero un brutto colpo la telefonata del suo capo che le affida il caso. È faticoso sempre occuparsi di omicidi ma quando ci sono di mezzo i bambini diventa terribile, anche perché data la fama del marito della vittima e il valore dei gioielli sottratti, le viene affidato anche il caso del ladro assassino. Stavolta il killer, oltre a colpire la città con questa serie di tremendi omicidi, sfida apertamente il detective Boxer facendo di lei l’intermediario fra lui e la città. Le donne del club omicidi si trovano ancora insieme a combattere contro qualcosa che le coinvolge direttamente ognuna, nell’ambito delle sue competenze, e a vedere il lavoro intrecciarsi inesorabilmente con le loro vite private...
    Diversamente dai precedenti romanzi della serie delle Donne del Club Omicidi, in cui le vicende delle protagoniste sono sotto i riflettori, questa volta la coppia Paetro-Patterson si concentra molto di più sul plot thriller. Il risultato purtroppo però non è brillantissimo, troppa carne al fuoco. Nello specifico le storie personali del ladro, del killer e le relative relazioni familiari sono davvero troppo complesse, e anche il tentativo di entrare nelle dinamiche mentali che muovono i delinquenti non è per niente riuscito, col risultato di rallentare il racconto e rendere a volte difficoltoso districarsi nella storia. C’è anche un tentativo di digressione politically correct, con l’inserimento di una coppia gay, anche questo però si ferma in superficie, con le due donne innamorate che sono comunque sposate, hanno dei figli, e quando la storia arriva al punto in cui potrebbero dichiararsi e palesarsi come coppia gay non abbiamo l’outing ma il rapporto viene deviato su una profondissima amicizia. In conclusione, uno dei romanzi meno riusciti della serie, con degli exploit decisamente esagerati, sia nello sviluppo dei casi sia nelle evoluzioni dei rapporti amorosi che impegnano le nostre eroine. Come già segnalato per il romanzo precedente, anche in questo caso il titolo originale mantiene la serie numerica (9th judgement), opzione qui da noi pervicacemente trascurata.

    ha scritto il 

  • 3

    Quasi semplice!

    Il primo libro che leggo dell'altra serie e in quanto scritto nello stesso stile, quindi molto scorrevole e che si lascia leggere velocemente, la trama è carina ma semplice.
    Per chi non vuole perdersi un solo libro di Patterson.

    ha scritto il