Senza consolazione

Gli ultimi giorni di Susan Sontag

Voto medio di 18
| 9 contributi totali di cui 9 recensioni , 0 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
«Visse la sua vita come ammassando volumi per una biblioteca, o realizzando desideri, molti dei quali rimasti gli stessi della sua solitaria giovinezza. Non lo disse mai, ma mi chiedo se la sua percezione di sé non fosse indissolubilmente legata a ...Continua
Ha scritto il 24/08/13
E' un libro che sicuramente ha avuto più senso per chi l'ha scritto che per chi legge ma tutto sommato, la seconda parte mi è piaciuta e le riflessioni finali anche. Mi è venuta molta voglia anche di leggere gli altri autori citati ed è comunque ...Continua
Ha scritto il 22/02/12
"Si dice che ci siano persone che quando un loro caro si ammala imparano a superare i propri limiti, da inibite a introverse diventano affettuose, e da scontrose allegre. Sarà anche così, ma io non ne ero capace. Restavo bloccato nel mio silenzio. ...Continua
  • 4 mi piace
  • 1 commento
Ha scritto il 19/03/11
è vero che la morte di chi amiamo genera in noi mille naturali sensi di colpa, e questo libro pare un modo per tentare di ripararvi.
  • 1 mi piace
Ha scritto il 20/02/10
E' bello ma tristissimo, ma anche stranamente ottimista, la Sontang non voleva morire, il figlio, nonstante tutti i conflitti, le sta vicino, accettando le asprezze della madre e tutti i suoi sbagli.
  • 1 mi piace
Ha scritto il 26/01/10
...Visse la sua vita come ammassando volumi per una biblioteca, o realizzando desideri, molti dei quali rimasti gli stessi della sua solitaria giovinezza. Non lo disse mai, ma mi chiedo se la sua percezione di sé non fosse indissolubilmente legata ...Continua

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una citazione!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi