Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Senza dirsi addio

Di

Editore: Piemme (Maestri del thriller)

3.9
(423)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 375 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Tedesco , Spagnolo

Isbn-10: 8856612690 | Isbn-13: 9788856612691 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: B. Murgia

Disponibile anche come: Copertina rigida , Altri

Genere: Crime , Fiction & Literature , Mystery & Thrillers

Ti piace Senza dirsi addio?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ci sono fatti che segnano la vita. Una mattina ti svegli. In casa regna un silenzio mortale. E la tua famiglia è scomparsa senza lasciare traccia. È ciò che capita a Cynthia Bigge il giorno in cui, dopo una bravata adolescenziale e una lite notturna con i genitori, scopre al risveglio che sua madre, suo padre e suo fratello sono spariti. Anche se le successive indagini non portano ad alcun risultato, Cynthia non smette di chiedersi cosa sia successo alla sua famiglia. Tanto che, venticinque anni dopo, ormai sposata con Terry e madre di una bambina, partecipa a un programma televisivo che si occupa di casi irrisolti. Poco dopo cominciano ad arrivare telefonate e lettere misteriose. Poi Cynthia sospetta di essere pedinata, crede di riconoscere suo fratello tra la folla di un supermercato e sostiene che sul tavolino del salotto sia comparso un cappello appartenuto a suo padre. La polizia non prende sul serio le sue affermazioni, e persino il marito sospetta che la tensione le stia giocando brutti scherzi. Finché la situazione precipita e Terry si convince finalmente che il mistero del passato sia diventato un pericolo reale anche nel presente. Forse la sparizione dei Bigge nascondeva un segreto. E ora, per non farlo emergere, c’è chi non esita a spargere altro sangue.
Ordina per
  • 3

    Escrito de forma muy visual, esto no es más que un telefilm de A3 de sábado por la tarde. Historia intrigante que mantiene más o menos el interés, a pesar de varias situaciones absurdas. No llega a perder ritmo pero el interés decae cuando se resuelve el misterio en el último tercio del libro. ...continua

    Escrito de forma muy visual, esto no es más que un telefilm de A3 de sábado por la tarde. Historia intrigante que mantiene más o menos el interés, a pesar de varias situaciones absurdas. No llega a perder ritmo pero el interés decae cuando se resuelve el misterio en el último tercio del libro.

    ha scritto il 

  • 4

    Classico thrillerone in salsa americana. Colpi di scena a go-go, anche se alcuni sono un po' telefonati. Da leggere tutto d'un fiato perché non può essere altrimenti. Scritto veramente bene, tiene col fiato sospeso ed è quello che si chiede per questo genere di romanzi. Stellina in più per il fin ...continua

    Classico thrillerone in salsa americana. Colpi di scena a go-go, anche se alcuni sono un po' telefonati. Da leggere tutto d'un fiato perché non può essere altrimenti. Scritto veramente bene, tiene col fiato sospeso ed è quello che si chiede per questo genere di romanzi. Stellina in più per il finale commovente.

    ha scritto il 

  • 5

    Ciò che fa di questo scrittore un maestro della suspence è che i personaggi "buoni" delle sue storie sono come noi. La vicenda è inverosimile, ma che importa, ci coinvolge. Ottimo.

    ha scritto il 

  • 5

    E' una lettura che mi ha entusiasmato,come se leggessi il miglior libro della Link.Pensavo si trattasse di un gialletto privo di qualità,come ce ne sono moltissimi in giro.
    Non si tratta di alta letteratura,non vi sono pregiate descrizioni nè di caratteri,nè di luoghi,ma il racconto non da tregua ...continua

    E' una lettura che mi ha entusiasmato,come se leggessi il miglior libro della Link.Pensavo si trattasse di un gialletto privo di qualità,come ce ne sono moltissimi in giro. Non si tratta di alta letteratura,non vi sono pregiate descrizioni nè di caratteri,nè di luoghi,ma il racconto non da tregua,dalle prime pagine alle ultime.E non sono di bocca buona.Ve lo consiglio proprio.

    ha scritto il