Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Senza un soldo a Parigi e a Londra

By George Orwell

(31)

| Paperback

Like Senza un soldo a Parigi e a Londra ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

32 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    It took me eons to read it... normally used it to send me to sleep! Ultra detailed descriptions but somehow boring.... and repetitive

    Is this helpful?

    Ellie said on Feb 9, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    I guess unlikely I will find in others Orwell's works the quality and the wonderful plot of msterpieces such as 1984 or the Animal Farm, anyway this of his is a good book, dealing with poverty and underpaid hardworks which require a lot of energy.. a ...(continue)

    I guess unlikely I will find in others Orwell's works the quality and the wonderful plot of msterpieces such as 1984 or the Animal Farm, anyway this of his is a good book, dealing with poverty and underpaid hardworks which require a lot of energy.. as in my case with my job now; hence, besides the poverty, I find a reflex of my current life through the story, and I like when this happens.

    Is this helpful?

    Simone Nardocci said on Oct 29, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    It starts well; it does not go on in the same way...

    Is this helpful?

    jaahbaba said on Mar 31, 2013 | Add your feedback

  • 5 people find this helpful

    Di un'attualitá quasi spaventosa

    Se non fosse stato per l'incontro fortuito con una ragazza sul metrò di Parigi, che leggeva questo romanzo senza staccarsi un solo attimo dalla pagina, dubito che l'avrei mai scoperto. Al liceo, infatti, Orwell mi era stato presentato per "La fattor ...(continue)

    Se non fosse stato per l'incontro fortuito con una ragazza sul metrò di Parigi, che leggeva questo romanzo senza staccarsi un solo attimo dalla pagina, dubito che l'avrei mai scoperto. Al liceo, infatti, Orwell mi era stato presentato per "La fattoria degli animali' e '1984', all'' universitá un docente di storia contemporanea propose 'Omaggio alla Catalogna' come approfondimento sulla guerra civile spagnola. E questo capolavoro giovanile dove lo mettiamo?

    Letto in due giorni e piú che gradito sia per le descrizioni degli slum parigini ed inglesi che per le riflessioni sul lavoro precario e spesso degradante. Poi, per i cultori delle lingue straniere e dell'origine delle parole cadute in disuso, il capitolo sul gergo e sulle imprecazioni di Londra é poesia!

    N.B. Il libro é quasi introvabile, fatta eccezione del volume dei Meridiani contenente tutte le opere di Orwell.

    Is this helpful?

    Martha Peake said on Feb 11, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Diario di viaggio (come lo definisce alla fine lo stesso autore), inchiesta sociale, riflessioni di natura filosofica e sociale: c'è questo e molto altro nel breve ma divertentissimo libro di Orwell.
    La cosa che ho più amato è la prosa, scorrevole e ...(continue)

    Diario di viaggio (come lo definisce alla fine lo stesso autore), inchiesta sociale, riflessioni di natura filosofica e sociale: c'è questo e molto altro nel breve ma divertentissimo libro di Orwell.
    La cosa che ho più amato è la prosa, scorrevole e soprattutto ironica e divertente, che abbinata alle miserie narrate all'interno di questo volume, non può che far risaltare la personalità dell'autore.

    Ambientato a Parigi e Londra, due città popolose e variegate, che racchiudono al loro interno un piccolo cosmo di abitudini e storie di vita, nelle quali i "miserabili" annaspano, alcuni ingegnandosi nelle più strane attività, altri sopravvivendo come meglio possono.
    Da Parigi a Londra, Orwell analizza la vita di questo "bistrattato strato sociale" nella duplice prospettiva di protagonista e osservatore analitico, quasi scientifico, intrecciando alla sua storia quella dei molti compagni di vagabondaggio, delineando man mano la caratteristica principale di questi randagi: senso di appartenenza e solidarietà umana.
    Infine quindi, c'è solo da imparare.

    Is this helpful?

    Angelica said on Feb 2, 2013 | 2 feedbacks

Book Details

Improve_data of this book

Groups with this in collection