Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Seppellite il mio cuore a Wounded Knee

Di

Editore: Mondadori

4.4
(564)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 480 | Formato: Altri | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Russo

Isbn-10: 8804423838 | Isbn-13: 9788804423836 | Data di pubblicazione:  | Edizione 19

Disponibile anche come: Paperback , Tascabile economico , Copertina rigida

Genere: History , Non-fiction , Religion & Spirituality

Ti piace Seppellite il mio cuore a Wounded Knee?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 5

    Un libro indispensabile per chi vuol comprendere la storia dello sterminio del popolo rosso.

    A
    Silas Soule
    (1838-1865)

    -
    LETTERA ALLA MADRE

    Cara Madre,
    quest’oggi tuo figlio ti scrive
    con l’animo in p ...continua

    Un libro indispensabile per chi vuol comprendere la storia dello sterminio del popolo rosso.

    A
    Silas Soule
    (1838-1865)

    -
    LETTERA ALLA MADRE

    Cara Madre,
    quest’oggi tuo figlio ti scrive
    con l’animo in pena;
    dunque dovevo vivere venticinque anni
    per giungere fino a questo!
    Per dover vedere tanti orrori e tanti scempi…
    le armi dei fratelli usate per uccidere altri fratelli
    (gli uomini rossi per me sono tali)
    e dover combattere una guerra in cui non credo
    e dichiarata a un popolo inerme cui voglio bene,
    ma non mi tirerò indietro
    combatterò
    perché nessun colpo vile
    inutile e bianco
    abbia ad esser sparato in mia presenza,
    contro un bambino, una donna o un vecchio
    o pure un adulto che difende la sua capanna;
    il mio spirito non lo permetterebbe
    perciò comanderò ai miei uomini di non sparare.
    Sto per andare, Madre
    prega per me,
    perché io non venga a mancare l’impegno
    e così il mio spirito possa far ritorno col corpo.
    E quando sarò tornato all’est, Madre
    voglio far sì di trovarmi una donna
    e spero che il destino mi faccia incontrare
    quella che cerco,
    e poi voglio smettere di fumare
    che qui al campo le attese sono lunghe
    e spesso non si fa altro;
    anche Ed fuma tanto.
    Prega per me, Madre
    perché il tuo figlio
    possa tornare ancor fiero
    di poter guardare il sole negli occhi;
    non vi sarebbe premio più grande…
    neppure la salvezza del corpo nella battaglia.
    Ora devo andare,
    gli addetti ai cavalli si stanno movendo.
    Ti abbraccio, Madre.
    Saluta tutti per me.
    Un bacio grande al tuo cuore.

    Tuo Silas.

    “Lettera alla madre”
    di Ermanno Bartoli (2000)
    (Al Capitano Silas Soule , 1839-1865)
    L’uomo che denunciò il massacro
    di Sand Creek pagando con la vita

    web page: www.webalice.it/barlow

    ha scritto il 

  • 4

    Chi appartiene alla generazione "post-Balla coi lupi" ha imparato che gli indiani non erano poi così cattivi e i cow-boy non erano poi così buoni anzi, il trattamento ricevuto dai nativi americani da ...continua

    Chi appartiene alla generazione "post-Balla coi lupi" ha imparato che gli indiani non erano poi così cattivi e i cow-boy non erano poi così buoni anzi, il trattamento ricevuto dai nativi americani da parte dei discendenti dei padri pellegrini può tranquillamente essere definito come spietato e crudele e rientra senza dubbio nella categoria dei genocidi.
    Quando Dee Brown pubblicò Seppellite il mio cuore a Wounded Knee nel 1970 la bilancia dell'opinione pubblica pendeva invece decisamente dalla parte dell'uomo bianco, dipinto in decine di film e romanzi come vittima innocente di selvaggi sanguinari che prendevano scalpi e rapivano i bambini. Brown ribalta questa prospettiva dando voce per la prima volta all'altra parte che, naturalmente, racconta una storia ben diversa, destinata a suscitare un enorme scalpore e infinite accuse di parzialità, tanto che si diede per scontato che l'autore avesse discendenze indiane( non è vero: Dee Brown, bibliotecario, storico e scrittore originario della Louisiana appartiene invece da una famiglia la cui storia si estende fino ai tempi del Far West).

    Certo è innegabile che il libro offra una prospettiva parziale (ma ricordiamo anche che si trattava di una voce solitaria nel mezzo di decine di libri di storia altrettanto parziali), è innegabile che venga data voce solo alla parola degli indiani (e chi mai l'aveva sentita fino ad allora?), è innegabile che non vi sia quasi traccia degli atti di disonestà compiuti dagli indiani mentre sui tradimenti e le crudeltà dei coloni americani si spendono pagine e pagine ma è altrettanto innegabile che le fonti storiche esistono e parlano da sole, i trattati truffaldini e mai mantenuti esistono nero su bianco e parlano da soli, l'esistenza e l'utilizzo delle riserve per rinchiudere gli indiani in regioni in cui era impossibile che potessero sopravvivere è ampiamente documentata così com'è nota la superiorità numerica e militare dell'uomo bianco.
    La narrazione di Brown si concentra capitolo per capitolo su una diversa tribù narrando le circostanze che ne hanno causato l'inesorabile scomparsa. Ogni esperienza ha la sua storia particolare ma tutte presentano dei tratti comuni: man mano che i coloni si espandevano a ovest e individuavano nuovi terreni promettenti per la caccia, l'agricoltura o l'estrazione di metalli preziosi procedevano con l'informare gli indiani del posto che quella non era più casa loro ed erano gentilmente pregati di spostarsi un po' più in là, in cambio di un risarcimento in cibo e armi spesso misero. Ben presto gli "un po' più in là" si fecero un po' troppo frequenti e pretenziosi e risarcimenti inesistenti per cui le popolazioni indigene iniziarono a opporre resistenza firmando così la loro condanna allo distruzione. Nonostante molte tribù dessero prova di coraggio e astuzia impegnando l'esercito degli Stati Uniti per diversi anni in stancanti operazioni di guerriglia e ottenendo storiche vittorie, l'inferiorità numerica e di armamenti era tale che furono davvero poche coloro che sfuggirono alla morte o al confino nelle riserve (dove erano comunque destinati a morire data la scarsità di cibo e l'imperversare delle malattie).
    E' inutile girarci attorno: stiamo parlando dello sterminio di un popolo. Si può obbiettare che gli eventi vanno contestualizzati e dopotutto in ogni invasione il popolo invaso finisce per avere la peggio ma non dimentichiamo che stiamo parlando del diciannovesimo secolo e non del Medio Evo, l'idea di civiltà aveva già raggiunto una certa evoluzione, cosa di cui erano ben consci i coloni americani che infatti hanno tentato di ammantare le loro gesta di un'aurea di legalità fatta di trattati puntualmente invalidati e accordi mai rispettati.
    E' bene chiarire che al di là del titolo poetico non stiamo parlando di un romanzo ma di un saggio storico per cui la lettura non è sempre scorrevole anche perché lo stile di Brown è piuttosto arido e offre poca analisi dei fatti preferendo elencare eventi e battaglie. Ciononostante, non mancano i passaggi commoventi quando si arriva alla narrazione della lenta agonia patita da molte gloriose tribù. Al di là dello stile asciutto dell'autore, la lettura è anche appesantita dal grosso numero di strafalcioni ortografici, impossibile dire se responsabilità del traduttore o di Brown, che in verità vanta un glorioso curriculum come storico e bibliotecario ma sappiamo che la cultura di base degli americani latita un po' per cui tutto è possibile.
    Sicuramente è una pecca di questa edizione italiana la totale assenza di cartine ad accompagnare la lettura: considerando che la geografia degli Stati Uniti è essenziale per comprendere la maggior parte delle dispute sul territorio e la portata dei continui spostamenti a cui sono stati costretti gli indiani, un aiuto grafico sarebbe doveroso e faciliterebbe di molto la lettura

    ha scritto il 

  • 4

    Chi appartiene alla generazione "post-Balla coi lupi" ha imparato che gli indiani non erano poi così cattivi e i cow-boy non erano poi così buoni, al contrario il trattamento ricevuto dai nativi ameri ...continua

    Chi appartiene alla generazione "post-Balla coi lupi" ha imparato che gli indiani non erano poi così cattivi e i cow-boy non erano poi così buoni, al contrario il trattamento ricevuto dai nativi americani da parte dei discendenti dei padri pellegrini può tranquillamente essere definito come spietato e crudele e rientra senza dubbio nella categoria dei genocidi.
    Quando Dee Brown pubblicò Seppellite il mio cuore a Wounded Knee nel 1970, la bilancia dell'opinione pubblica pendeva invece decisamente dalla parte dell'uomo bianco, dipinto in decine di film e romanzi come vittima innocente di selvaggi sanguinari che prendevano scalpi e rapivano bambini. Brown ribalta questa prospettiva dando voce per la prima volta all'altra parte che, naturalmente, racconta una storia ben diversa, destinata a suscitare un enorme scalpore e infinite accuse di parzialità, tanto che si diede per scontato che l'autore avesse discendenze indiane(non è vero: Dee Brown, bibliotecario, storico e scrittore originario della Louisiana, proviene invece da una famiglia la cui storia si estende fino ai tempi del Far West).

    Continua su
    http://www.lastambergadeilettori.com/2014/08/seppellite-il-mio-cuore-wounded-knee.html

    ha scritto il 

  • 5

    Amarezza

    Ogni capitolo è una descrizione di una tragedia. E ogni tragedia ci fa sentire un po' sporchi, vergognosi di appartenere all'uomo bianco. E' incredibile come questo genocidio sia sempre passato inosse ...continua

    Ogni capitolo è una descrizione di una tragedia. E ogni tragedia ci fa sentire un po' sporchi, vergognosi di appartenere all'uomo bianco. E' incredibile come questo genocidio sia sempre passato inosservato. Che amarezza.

    ha scritto il 

  • 5

    è un resoconto storico della lotta degli indiani per difendere la loro terra. Non è una lettura scorrevole, ma ben documentata e raccontata. Peccato che le cose siano andate così, avremmo forse potuto ...continua

    è un resoconto storico della lotta degli indiani per difendere la loro terra. Non è una lettura scorrevole, ma ben documentata e raccontata. Peccato che le cose siano andate così, avremmo forse potuto imparare molto dagli indiani.

    ha scritto il 

  • 4

    Sapendo che il film "L'ultimo pellerossa" (2006) è basato su quest'opera di Brown, pensavo che il libro trattasse la stessa storia. Invece si tratta di un'esposizione delle guerre indiane tra il 1860 ...continua

    Sapendo che il film "L'ultimo pellerossa" (2006) è basato su quest'opera di Brown, pensavo che il libro trattasse la stessa storia. Invece si tratta di un'esposizione delle guerre indiane tra il 1860 e il 1890, in particolare dei vari trattati firmati tra esse e il governo e delle infrazioni di quest'ultimo. L'autore non delude (direi, come al solito) e il libro si legge senza intoppi. L'argomento è trattato in numerosi altri testi, ma vale la pena affrontare anche questo.

    ha scritto il 

  • 5

    Questo libro, scritto nel 1970, è una delle più toccanti testimonianze di quello che deve ritenersi un vero e proprio sterminio. Grazie ad un attento lavoro di recupero di testimonianze, verbali e doc ...continua

    Questo libro, scritto nel 1970, è una delle più toccanti testimonianze di quello che deve ritenersi un vero e proprio sterminio. Grazie ad un attento lavoro di recupero di testimonianze, verbali e documenti di vario genere Brown consente, per la prima volta, ai pellerossa di raccontarci la loro versione dei fatti.

    1860-1890, il trentennio che sancì la definitiva distruzione della civiltà e della cultura degli indiani d’America perpetrata da parte dei nuovi americani e nascosta dietro il paravento dell’avvento della nuova civiltà.
    Gli indiani d’America rappresentavano un ostacolo al collegamento tra le due sponde del nuovo grande paese, un impedimento alla ricerca dell’oro e alla fame di terra dei coloni. Grazie a sotterfugi, false promesse, imbrogli, deportazioni, ricatti, calunnie e stermini vennero privati dapprima della loro terra poi del loro futuro. Hanno dovuto imparare a conoscere il termine “frontiera”. Una frontiera che però, nel loro caso, si è dapprima ristretta sempre più ad Ovest poi, proprio dall’Ovest, venne spostata sempre più verso Est.
    Si viaggia nel mitico West partendo dalla fuga dei Navaho ed attraverso la strage di Sand Creek, magistralmente cantata da De André, ed i trasferimenti coatti di Comanche, Cheyenne, Sioux ed altri, leggerete delle guerriglie di Kociss e Geronimo, del trionfo di Little Big Horn per chiudere il tutto con il massacro di Wounded Knee, senza mai lesinare in drammatici dettagli. Troverete, nei vari capitoli in cui è strutturato il libro, tutti gli epici protagonisti di quegli anni. Da Nuvola Rossa, a Kociss, da Custer a Toro Seduto e Cavallo Pazzo, da Geronimo a Manuelito. Perfino Kit Carson, che pensavo fosse una creazione di bonelliana memoria, appare in carne ed ossa seppure in un ruolo diverso da quello che ci saremmo aspettati.
    Sono molteplici le riflessioni, sopratutto amare, che nascono dalla lettura di queste pagine. Dall’analogia tra l’avvento del progresso qui ricordato e la recente esportazione di democrazia, guarda caso promosse dalla stesso stato, ad alcune considerazioni legate alla green economy (gli indiani hanno sempre vissuto nel rispetto della madre terra!) all’episodio della danza degli spettri (leggere per capire), come ricordato da chi è più bravo di me.
    Per chi ha amato “Soldato blu” o “Il piccolo grande uomo” una lettura commovente ed obbligatoria.

    ha scritto il 

Ordina per