Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Seppellitemi in piedi

Di

Editore: Sperling & Kupfer

4.2
(10)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 336 | Formato: Altri

Isbn-10: 8820027070 | Isbn-13: 9788820027070 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: M. Pizzorno

Genere: History , Social Science

Ti piace Seppellitemi in piedi?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 3

    Partire con un pregiudizio che si spera di smontare, perché si sa che frutto di una non-conoscenza troppo affrettata. Volere capire, volere conoscere, volere con tutto il cuore trovare una spiegazione ...continua

    Partire con un pregiudizio che si spera di smontare, perché si sa che frutto di una non-conoscenza troppo affrettata. Volere capire, volere conoscere, volere con tutto il cuore trovare una spiegazione, una giustificazione a tanto odio e tanto fastidio sociale. Concludere che la differenza è tanta e che la convivenza è difficile, ma non per impossibilità di punti di incontro, quanto perché la reciproca ignoranza e la scarsissima volontà di accettazione/integrazione è gigantesca.
    Una cultura affascinante e impossibile per la direzione che sta prendendo il mondo "globale" oggi. Noi cambiamo a velocità supersonica, loro no; noi ci inchiodiamo nei luoghi e non apprteniamo più a niente, loro si muovono e la loro identità è più forte che mai; opposti e contrari , e non so chi è messo peggio.

    ha scritto il 

  • 4

    La prima parte sui Rom albanesi è estremamente interessante, anche per il contesto narrato (caduta del regime a inizio anni '90); in seguito diventa meno coinvolgente spostandosi su tematiche più poli ...continua

    La prima parte sui Rom albanesi è estremamente interessante, anche per il contesto narrato (caduta del regime a inizio anni '90); in seguito diventa meno coinvolgente spostandosi su tematiche più politiche. Senza dubbio un buon inizio per comprendere la questione Rom.
    In alcuni punti è scritto, o più probabilmente tradotto, molto male.

    ha scritto il 

  • 4

    all'inizio pensavo che la sepoltura in piedi fosse una qualche pratica rituale, poi ho letto il libro e ho capito che era una richiesta, per compensare una vita vissuta in ginocchio

    ha scritto il