Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Sesto potere

Di ,

Editore: Laterza

3.6
(8)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 161 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8858106911 | Isbn-13: 9788858106914 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Genere: Philosophy

Ti piace Sesto potere?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 0

    Interessante e inquietante

    Modernità liquida, secondo Bauman, modernità dunque informe: senza recipiente che lo contenga, il liquido non ha forma. Sorveglianza liquida, nello specifico: non più strumenti di controllo e repressione governati dall'alto, ma una gradevole seduzione che ci convince A diventare prodotti di consu ...continua

    Modernità liquida, secondo Bauman, modernità dunque informe: senza recipiente che lo contenga, il liquido non ha forma. Sorveglianza liquida, nello specifico: non più strumenti di controllo e repressione governati dall'alto, ma una gradevole seduzione che ci convince A diventare prodotti di consumo per nostra "libera" scelta. Un'analisi interessante e inquietante. Al confronto Orwell e Huxley, con i loro mondi distopici , sono stati troppo ottimisti...

    ha scritto il 

  • 4

    (auto)sorveglianza liquida

    Si parte dall'idea del Panopticon, cioè la struttura del carcere ideale progettato da Bentham, nel quale i sorveglianti possono vedere senza essere visti e i sorvegliati non sanno mai se sono o non sono controllati (ma potenzialmente lo sono sempre, un po' come l'occhio onnipresente di Dio nelle ...continua

    Si parte dall'idea del Panopticon, cioè la struttura del carcere ideale progettato da Bentham, nel quale i sorveglianti possono vedere senza essere visti e i sorvegliati non sanno mai se sono o non sono controllati (ma potenzialmente lo sono sempre, un po' come l'occhio onnipresente di Dio nelle immagini terroristiche del vecchio catechismo). Secondo l'analisi di Foucault il sistema panottico è la chiave per comprendere la disponibilità all'autodisciplina nelle società moderne (funzionali al lavoro nelle fabbriche, all'organizzazione scolastica e a tutti i sistemi di irreggimentazione delle masse).
    Ma nella società liquida postmoderna sono maturati nuovi apparati di controllo: primo fra tutti il Ban-opticon, cioè il sistema che mira a escludere dai diritti civili, politici e sociali una categoria di individui ritenuti minacciosi (e abbiamo qui tutte le varie e successive identificazioni di esuli e miganti, definiti come "clandestini" e percepiti come destabilizzanti); in secondo luogo il Synopticon, autoesposizione e invasione del pubblico nella sfera privata (leggi talk-show) nonché il quotidiano controllo dei "profili" di chiunque partecipi via etere al marketing globale e ai suoi dispositivi di rilevamento dati.
    Oggi la sorveglianza è diffusa e capillare; trova giustificazione nella parola magica "sicurezza", ma il dato più interessante è "la servitù volontaria" a cui l'individuo-consumatore si sottopone. Ovvero: ciascuno è sorvegliante di se stesso e, tramite l'uso molteplice degli strumenti tecnologici, si consegna a quel parco dei desideri che si chiama mercato (chi frequenta Amazon sa bene di che si tratta). E questo accade ogni attimo, puntualmente, sempre. Ovviamente anche qui, adesso.

    ha scritto il