Seta

Di

Editore: RCS Libri

3.7
(17283)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 104 | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Spagnolo , Chi tradizionale , Tedesco , Francese , Svedese , Catalano , Galego , Giapponese , Portoghese , Olandese , Danese , Russo , Greco

Isbn-10: A000031407 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Paperback , Altri , Tascabile economico , eBook

Genere: Famiglia, Sesso & Relazioni , Narrativa & Letteratura , Viaggi

Ti piace Seta?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 3

    Nì...

    Forse mi sarà sfuggito qualcosa. .
    Manca un po' di carattere a questo racconto che per due terzi promette e non mantiene. Solo alla fine il gesto della moglie ti sorprende e secondo me fa capire che ...continua

    Forse mi sarà sfuggito qualcosa. .
    Manca un po' di carattere a questo racconto che per due terzi promette e non mantiene. Solo alla fine il gesto della moglie ti sorprende e secondo me fa capire che il vero amore è quello che soffre con te e per te nel quotidiano e non il sogno romantico mai vissuto, bello ma inconsistente come la seta.

    ha scritto il 

  • 4

    Forse è che la vita, alle volte, ti gira in un modo che non c'è proprio più niente da dire.

    Vorrei poter dire di aver atteso con ansia di leggere questo lavoro di Baricco, conosciuto da tutti e amatissimo dai lettori, ma la verità è che penso di non averne mai letta per bene nemmeno la trama ...continua

    Vorrei poter dire di aver atteso con ansia di leggere questo lavoro di Baricco, conosciuto da tutti e amatissimo dai lettori, ma la verità è che penso di non averne mai letta per bene nemmeno la trama. L'ho comprato un po' per caso, merito di un'edizione carinissima trovata all'usato a pochi spiccioli, mi sono detta che prima o poi, a forza di sentirne parlare, avrei proprio dovuto leggerlo. Fatto sta che, un po' la curiosità e un po' il numero delle pagine che arriva a malapena a 100, mi sono trovata ad iniziarlo e divorarlo in una giornata.
    Seta racconta una storia particolare e delicata, un racconto che parla di tantissime cose, ma al tempo stesso di niente, e di questa sua leggerezza ho amato davvero tutto, cosa che non mi aspettavo minimamente! Non so nemmeno spiegare cos'è che mi è piaciuto, è semplicemente riuscito a conquistarmi, come fosse la cosa più naturale del mondo, tanto che il giorno dopo averlo terminato sono andata a comprare altri due romanzi di Baricco, ma conto di mettere prestissimo le mani su tutte le sue opere e, naturalmente, alla prima occasione mi godrò la visione del film tratto da questo suo lavoro.

    È uno strano dolore.
    Morire di nostalgia per qualcosa che non vivrai mai.

    Vorrei davvero poter dire qualcosa di concreto sulla storia raccontata in Seta, ma sarebbe troppo difficile... ho amato la trama, questo è certo. In un centinaio di pagine Baricco parla di amore, di vita e di morte, in maniera talmente semplice e delicata che sembra davvero di leggere una fiaba della buonanotte, ambientata un po' in Francia e un po' tra le delicate sete del Giappone. Mi ha sorpreso moltissimo il fatto che, pur non essendoci colpi di scena, il libro sia riuscito a tenermi incollata alle pagine dall'inizio alla fine. Mi sono letteralmente immersa nella storia, mi è sembrato di accompagnare il protagonista nei suoi lunghi viaggi, lo stile di Baricco ha saputo regalarmi una serenità davvero bizzarra, mi sono sentita semplicemente felice, leggendo la storia di Hervé e dei suoi bachi da seta.
    Mi piacerebbe dire qualcosa di più, ma più che un romanzo breve Seta è un'emozione, parole poetiche e delicate che sono state capaci di regalarmi una lettura nostalgica e bellissima, come una melodia un po' triste. Non vedo l'ora di leggere altri suoi libri, nella speranza che sappiano catturarmi nello stesso modo, quel che è certo è che rileggerò questo racconto in un futuro non troppo lontano, per ritrovare la compagnia dei personaggi e dello splendido stile dell'autore.

    ha scritto il 

  • 2

    Un tuffo rapido ammaliante

    Un libro brevissimo, che ho letto con difficoltà per via del pessimo formato.
    Non conoscevo affato l'autore poichè è stato il mio primo approccio a Baricco.
    Nel complesso la lettura è piacevole ed int ...continua

    Un libro brevissimo, che ho letto con difficoltà per via del pessimo formato.
    Non conoscevo affato l'autore poichè è stato il mio primo approccio a Baricco.
    Nel complesso la lettura è piacevole ed intrigante, la storia la definirei intrisa di malinconica rassegnazione e imperniata sull'attrazione quasi magica per quel mondo lontano.

    ha scritto il 

  • 5

    Sublime

    Sublime il modo in cui questa storia viene raccontata. Ancora più sublime la storia in sé. Passioni e sentimenti si incrociano, si scontrano, si nascondono. Due donne: una dalla voce bellissima, l'alt ...continua

    Sublime il modo in cui questa storia viene raccontata. Ancora più sublime la storia in sé. Passioni e sentimenti si incrociano, si scontrano, si nascondono. Due donne: una dalla voce bellissima, l'altra che non pronuncerà nemmeno una parola; la prima, un amore fedele e tenace, la seconda, un amore fugace ma sconvolgente. Al centro un uomo "che ama assistere alla propria vita, ritenendo impropria qualsiasi ambizione a viverla". Un libro emozionante, toccante, ricco di spunti sui quali riflettere. 10 e lode!

    ha scritto il 

  • 1

    Mediocre è proprio l'aggettivo che più si addice a tutto ciò.

    Il libro più sopravvalutato che io abbia mai letto (e probabilmente che sia mai stato scritto).
    A tutti i lettori che pensano di avere un problema perché "non hanno capito" questo libro: state tranqui ...continua

    Il libro più sopravvalutato che io abbia mai letto (e probabilmente che sia mai stato scritto).
    A tutti i lettori che pensano di avere un problema perché "non hanno capito" questo libro: state tranquilli, se non l'avete capito è semplicemente perché non c'è una beneamata mazza da capire.
    La scrittura è aggraziata, questo sì, pur se la spocchia di Baricco trasuda da ogni lettera e anche da ogni interrigo, ma è appunto solo quello: scrittura aggraziata.
    L'intero racconto, anzi, "storia" per dirla con quell'arrogante del suo autore, è questo: un vuotissimo, fintissimo esercizio di stile camuffato da capolavoro letterario. E mi starebbe anche bene, ma allora chiamalo col suo nome: "esercizio di stile", novello Alighieri delle mie suole.
    Segue che cercare di trovare un qualsivoglia profondo contenuto in queste quattro osannatissime parole in croce è uno sforzo mentale più che mai controproducente.
    Oltre che vuoto e finto 'sto libercolo è pure irritante, altroché!
    Ma la colpa è di Baricco che spaccia per capolavori assoluti - che-se-non-li-capite-siete-voi-ad-essere-degli-idioti, mica io che mi sono innalzato su un piedistallo creato da me stesso sulla base del nulla (cit.) - anche i residui che rimangono sulla sua carta igienica quando si pulisce il...
    (E comunque non osare paragonarti a Flaubert, che c'entri con lui quanto i cavoli a merenda. Forse forse potresti paragonarti al massimo al laccio di una sua scarpa, ma ne dubito.)
    Cordialmente, vado a vomitare.

    ha scritto il 

  • 1

    Questo libro non l'ho davvero capito.
    Per carità libro scritto molto bene, ma la trama? non mi ha lasciato assolutamente niente, nessuna emozione, nessun insegnamento. Giunta alla fine sono rimasta in ...continua

    Questo libro non l'ho davvero capito.
    Per carità libro scritto molto bene, ma la trama? non mi ha lasciato assolutamente niente, nessuna emozione, nessun insegnamento. Giunta alla fine sono rimasta interdetta ed ho pensato:"Il senso?"
    Proverò a rileggerlo un giorno.

    ha scritto il 

  • 4

    Non ci devono essere sempre elementi sorprendenti in una trama per fare un buon libro. Lo stile e il sapore della fiaba rendono unico questo romanzo di Baricco. Sa parlare di sentimenti e vita in modo ...continua

    Non ci devono essere sempre elementi sorprendenti in una trama per fare un buon libro. Lo stile e il sapore della fiaba rendono unico questo romanzo di Baricco. Sa parlare di sentimenti e vita in modo toccante.

    ha scritto il 

  • 1

    Uno di quei romanzi che, dopo averli letti, ti fanno chiedere "e quindi?". Rimani lì a chiederti dove voleva arrivare l'autore, finché ti convinci che non voleva arrivare da nessuna parte, è una stori ...continua

    Uno di quei romanzi che, dopo averli letti, ti fanno chiedere "e quindi?". Rimani lì a chiederti dove voleva arrivare l'autore, finché ti convinci che non voleva arrivare da nessuna parte, è una storia sdolcinata, noiosa e vuota che riassume tutte le pecche della narrativa italiana di oggi.

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per
Ordina per