Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Settanta

By Simone Sarasso

(362)

| Softcover | 9788831797887

Like Settanta ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Italia, anni Settanta: il decennio più buio e violento della storia repubblicana raccontato attraverso le voci di uno stragista, di un ladro, di un magistrato e di un attore di successo. Andrea Sterling, il fiore all’occhiello dei Servizi deviati, ha Continue

Italia, anni Settanta: il decennio più buio e violento della storia repubblicana raccontato attraverso le voci di uno stragista, di un ladro, di un magistrato e di un attore di successo. Andrea Sterling, il fiore all’occhiello dei Servizi deviati, ha un piano. Ettore Brivido, l’enfant prodige della mala milanese, è pronto a fare il salto di qualità. Domenico Incatenato, giovane giudice del Sud, sgobba per fare carriera tra Roma e Milano. Nando Gatti è l’astro nascente del poliziesco all’italiana e prende sul serio il proprio lavoro. Le loro vite s’intrecciano mentre il Paese va a fuoco: nelle piazze e nelle fabbriche ribolle la rivolta, le Brigate Rosse sfidano il potere costituito e la strategia della tensione continua a mietere vittime civili.
Una furibonda cavalcata attraverso gli anni di piombo. La radiografia impietosa di un decennio di sangue e sogni infranti: un viaggio senza ritorno nel cuore nero dello Stivale.

71 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Bello, interessante, scorrevole, anzi avvincente, ma il primo romanzo, confine di stato, aveva una marcia in più ...

    Is this helpful?

    edmond dantes said on Mar 12, 2014 | Add your feedback

  • 2 people find this helpful

    Secondo capitolo della “trilogia (sporca) italiana” scritta da Sarasso. I riferimenti alla trilogia di Ellroy (american tabloid, Sei pezzi da mille e Sangue randagio”) iniziano e finiscono in quarta di copertina. Questa volta Sarasso ha preso una sua ...(continue)

    Secondo capitolo della “trilogia (sporca) italiana” scritta da Sarasso. I riferimenti alla trilogia di Ellroy (american tabloid, Sei pezzi da mille e Sangue randagio”) iniziano e finiscono in quarta di copertina. Questa volta Sarasso ha preso una sua personalissima strada, e anche il linguaggio utilizzato non è quello di “Confine di Stato”.
    Il precedente capitolo della saga mi aveva “folgorato”: azione, ritmo, personaggi forti. In Settanta alcuni personaggi diventano “macchiette”, altri lambiscono il “grottesco”, altri sono così opachi ed evanescenti che tingono la storia di Grigio Piombo. Gli eventi che Sarasso descrive, fanno parte della Storia della Repubblica Italiana (l’Italicus, piazza Della Loggia, piazza Fontana, la stazione di Bologna) e i personaggi del romanzo (cui, dietro nomi alquanto fantasiosi, si “nascondono” le personalità politiche di detta repubblica, con la erre minuscola) non spiccano per brillantezza, anzi. Il tutto, mi pare, si tinga di grigio, un affresco nebuloso e indistinto degli anni settanta, un periodo storico con il quale i conti non si sono ancora chiusi, le risposte sono rimaste in bilico, i mandanti e i moventi risultano ancora poco chiari. Soltanto le lapidi portano impresso, scavati nella roccia, in maniera inequivocabilmente chiara, i nomi delle vittime di quegli anni.

    Is this helpful?

    Maxx said on Dec 23, 2013 | 1 feedback

  • 1 person finds this helpful

    Bah..

    Bah... e ancora bah.
    non mi ha convinto. a dirla tutta mi ha convinto ancor meno di "Confine di stato". motivo per il quale scrivo questa recensione senza aver finito di leggerlo.
    e, a meno di non aver proprio niente per le mani in futuro, non credo ...(continue)

    Bah... e ancora bah.
    non mi ha convinto. a dirla tutta mi ha convinto ancor meno di "Confine di stato". motivo per il quale scrivo questa recensione senza aver finito di leggerlo.
    e, a meno di non aver proprio niente per le mani in futuro, non credo che lo finirò.
    Mi è risultato pesante, faticoso e spesso - cosa che proprio non reggo - apologeta (del tipo "da reato costituzionale"...).
    credo sia più che sufficiente a motivare un "non acquisto" dell'ultimo capitolo della trilogia. ad essere sincero non avrei acquistato nemmeno "settanta", ma purtroppo me lo hanno regalato...

    Is this helpful?

    LoSmo said on Nov 21, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Definitivamente smussati i numerosi difetti presenti in Confine di Stato, Sarasso finalmente sembra essere all'altezza delle proprie ambizioni: raccontare l'ucronia dell'Italia degli anni Settanta in un grande racconto disarmonico, frammentato ...(continue)

    Definitivamente smussati i numerosi difetti presenti in Confine di Stato, Sarasso finalmente sembra essere all'altezza delle proprie ambizioni: raccontare l'ucronia dell'Italia degli anni Settanta in un grande racconto disarmonico, frammentato, ma dalle tantissime coincidenze e di ampia coralità. Il colpo di Stato non è avvenuto, ma i Settanta sono un immenso terreno di guerra: il terrorismo rosso e nero è un teatro di burattini di quel Potere, l'immenso baricentro amorale del fumoso e deforme Omino, santificato dal battesimo di sangue e dalle missioni segrete di un Andrea Sterling non più soldato perfetto (e perfettamente folle) della guerra contro il comunismo, ma pupazzo in balia degli eventi egli stesso, così come l'infallibile rapinatore meneghino Brivido o l'immarcescibile e definitivamente onesto giudice meridionale Incatenato, tutti alla ricerca di una via di fuga o di una verità di per sè irraggiungibile.

    Is this helpful?

    Petrof said on Oct 16, 2013 | Add your feedback

Book Details

  • Rating:
    (362)
    • 5 stars
    • 4 stars
    • 3 stars
    • 2 stars
    • 1 star
  • Softcover 704 Pages
  • ISBN-10: 8831797883
  • ISBN-13: 9788831797887
  • Publisher: Marsilio Editori
  • Publish date: 2009-05-20
  • Also available as: Others , eBook
Improve_data of this book

Margin notes of this book