Settanta acrilico trenta lana

Voto medio di 846
| 254 contributi totali di cui 232 recensioni , 22 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
Camelia vive con la madre a Leeds, una città in cui «l'inverno è cominciato da tanto tempo che nessuno è abbastanza vecchio da aver visto cosa c'era prima», in una casa assediata dalla muffa accanto al cimitero. Traduce manuali di istruzioni ... Continua
Ha scritto il 16/10/17
La scrittura è interessante, così come l'uso della lingua cinese e delle sue 'chiavi', il rischio è che la storia sfoci troppo nel patetico e anche grottesco, i personaggi sono tutti sopra le righe, la protagonista tende compiangersi un po' ...Continua
Ha scritto il 09/10/17
Prosa irritante. Trama noiosa.
Ha scritto il 10/08/17
Inutile
L'autrice ha un grande dono: riesce a creare scenari surreali attraverso la raffigurazione degli stati d'animo. Piuttosto che sfruttare il proprio talento pero' l'autrice sceglie di farne virtuosismo per produrre il nulla. La storia che ha scritto, ...Continua
  • 1 mi piace
Ha scritto il 09/07/17
SPOILER ALERT
mediocre
"Settanta acrilico trenta lana" è opera prima di Viola Di Grado, vincitrice anche del Premio Campiello Opera Prima nel 2011.La protagonista è Camelia Mega, 21 anni, italiana che all'età di 7 anni è emigrata a Leeds dove il padre trova lavoro ...Continua
Ha scritto il 22/04/17
uno dei libri più orrendi-inutili-irritanti della storia.

Ha scritto il Feb 01, 2017, 13:41
Gli orfani sono i privilegiati. Si prendono tutta la pietà degli uomini e non ne lasciano niente per i mezzi orfani. Mezzi orfani, che bella definizione, perché a me neanche questo spetta, una parola per definirmi. Io al massimo ho una perifrasi ...Continua
Ha scritto il Sep 13, 2015, 14:03
No, non è vero che sono una di quelle che pensano sempre alla morte. E' la morte che pensa a me, è la finestra della stanza di mia madre che vuole disperatamente farsi attraversare dal mio corpo.
Pag. 44
Ha scritto il Apr 23, 2014, 14:20
Fuori, nel bel mezzo di un’aiuola striminzita, mi aspettava un papavero. Forse dovrei dire che era stupendo. Era tremendamente rosso, superava il concetto di rosso. Il suo gambo tagliava l’aria perfetto, alto e verdissimo, i suoi petali si ...Continua
Pag. 65
Ha scritto il Dec 23, 2012, 14:56
Pensai a quella leggenda cinese che dice che quando un ragazzo e una ragazza sono destinati a stare insieme sono legati per sempre da un filo rosso.
Pag. 150
Ha scritto il Dec 23, 2012, 14:55
E alto rischio di effetto collaterale amore eterno corrisposto.
Pag. 103

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi