Shakespeare non l'ha mai fatto

Voto medio di 955
| 78 contributi totali di cui 69 recensioni , 9 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
Shakespeare è l'Europa, l'Europa che si immaginano da sempre gli americani. Primavera 1978. Bukowski lascia Hollywood e atterra a Parigi insieme alla compagna Linda Lee. Da Parigi a Nizza, da Nizza a Mannheim, Heidelberg, Francoforte... Il diario ... Continua
Ha scritto il 08/02/17
“È vero che la vita è insopportabile, solo che alla maggior parte delle persone, è stato insegnato a fingere che non lo sia”
1978, Charles Bukowski, all’apice della sua fama, viene invitato in Europa per declamare poesie, continente dove è, per la verità, più conosciuto che negli Stati Uniti, e già che è di strada decide pure di andare alla ricerca delle sue radici ..." Continua...
  • 16 mi piace
  • 7 commenti
  • Rispondi
Ha scritto il 24/11/16
Ho provato a leggerlo dato che tutti dicono che fa ridere, che è divertente, spassoso e via dicendo ma io non ho trovato niente di tutto ciò ... a metà libro non avevo sorriso neanche una volta, figuriamoci morire dal ridere ... mah ....
  • Rispondi
Ha scritto il 17/09/16
Cascata di bottiglie di vino
Il resoconto del viaggio d'affari di Bukowski in Europa nel '79 è divertente! Scorrevolissimo, pieno di chicche (su tutte spicca "ma sei Rodin o Jardin?") e con uno stile mai pesante. Certo, io non credo che un essere umano possa bere tutte quelle ..." Continua...
  • Rispondi
Ha scritto il 16/06/16
Un diario di bordo del viaggio dell'autore in Francia e Germania per la promozione dei suoi libri con la compagna Linda Lee. Anticonformista, come sempre, Buk non rinuncia a vino, sbronze, donne, scommesse dei cavalli e costante insoddisfazione. Una ..." Continua...
  • 1 mi piace
  • Rispondi
Ha scritto il 15/06/16
Si Viaggiare
Il libro parla di un viaggio. Un Americano a Parigi per dirla tutta. Cosa vi rimane di questo libro e di questo viaggio?Forse una vita smodata, il riufiuto per ogni convenzione sociale, eppure c' è quel tirare a campare che affascina tutti. Quel ..." Continua...
  • 2 mi piace
  • Rispondi

Ha scritto il Oct 27, 2013, 14:36
mi hanno sempre detto che non devo fidarmi di me stesso...
Pag. 115
  • Rispondi
Ha scritto il Oct 27, 2013, 14:35
negli avvenimenti sportivi quasi sempre faccio il tifo per i perdenti e in quelli spirituali sono colpito dalla stessa malattia, perchè non sono un uomo che pensa, seguo ciò che sento, e i miei sentimenti stanno con gli handiccapati, i torturati, ... Continua...
Pag. 71
  • Rispondi
Ha scritto il Oct 27, 2013, 14:31
Adesso cerco solo di salvare me stesso. [...] è la sopravvivenza nel solo modo che conosci, la morte arriverà ma è meglio imbrogliarla per farla aspettare un po'.
Pag. 55
  • Rispondi
Ha scritto il Oct 27, 2013, 14:30
potevo sentirli pensare ai giorni e agli anni della loro vita; alla Storia, allo ieri e all'oggi. Aspettavano di morire ma non avevano particolare fretta di farlo: c'erano molte cose a cui pensare.
Pag. 46
  • Rispondi
Ha scritto il Oct 27, 2013, 14:28
c'era qualcosa che non andava, in quella figlia di puttana di botte: era vuota...
Pag. 45
  • Rispondi

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi