Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Shantaram

By

Publisher: Forlaget Press

4.4
(4203)

Language:Norsk | Number of Pages: 909 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) English , Spanish , French , Italian , Catalan , Chi traditional , German , Chi simplified , Danish , Swedish , Polish , Dutch , Russian , Portuguese

Isbn-10: 8275472873 | Isbn-13: 9788275472876 | Publish date: 

Translator: John Erik Frydenl

Category: Biography , Fiction & Literature , Travel

Do you like Shantaram ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
I 1978 var Gregory David Roberts heroinmisbruker og ble dømt til 19 års fengsel for en serie væpnede ran. Etter to år rømte han fra et høyrisikofengsel på høylys dag og ble Australias mest ettersøkte mann. Roberts søkte tilflukt i Bombay, der han slo seg ned i slummen: først med en improvisert praksis som doktor blant slumbeboerne, senere som Bombay-mafiaens våpenpusher, smugler og falskner. Shantaram er Roberts egen medrivende beretning om et liv helt i ytterkanten av det menneskelig mulige, om frihetens pris, om betingelsene for en ny begynnelse, om kampen mellom det gode og det onde, om kjærlighet - om de store valg i livet.
Sorting by
  • 4

    Voluminoso romanzo ben scritto, difficilmente annoia ed è stato scritto da un Autore che ha amato e ama profondamente l'India in generale e Bombay in particolare: da ogni riga traspare questo amore pr ...continue

    Voluminoso romanzo ben scritto, difficilmente annoia ed è stato scritto da un Autore che ha amato e ama profondamente l'India in generale e Bombay in particolare: da ogni riga traspare questo amore profondo, questo coinvolgimento spirituale e mentale.
    Romanzo appassionante, che riesce a spiegare la bellezza e la purezza di ambienti degradati come gli slum che si trovano nei grandi centri urbani indiani, come Bombay, dedica un certo spazio anche ad una missione paramilitare in Afghanistan, altro paese che apparentemente non ha nulla da dire ad un visitatore ma nel quale l'Autore riscopre ancora bellezza e purezza, non solo nei paesaggi ma anche nei rapporti umani.
    La prosa è scorrevole e immaginifica, ricca di aggetivi e accostamenti originali, veramente piacevole.
    I personaggi sono ben caratterizzati, soprattutto, com'è ovvio, il protagonista-Autore.
    Leggendo questo libro mi è venuta voglia di affrontare un romanzo con un soggetto simile: La Città della gioia.

    said on 

  • 4

    "Il mantello del passato è fatto con il tessuto delle emozioni della nostra vita e cucito con i fili enigmatici del tempo"

    Bello, bello, bello. Un viaggio in India direttamente dalla poltrona di casa mia, che dura più di mille pagine... Si perde un po', secondo me, sul finire, diventa lento, ma è ugualmente un libro che t ...continue

    Bello, bello, bello. Un viaggio in India direttamente dalla poltrona di casa mia, che dura più di mille pagine... Si perde un po', secondo me, sul finire, diventa lento, ma è ugualmente un libro che ti resta dentro. Un po' troppo violento per me, a volte mi costringe a chiudere gli occhi e a sbirciare le parole tra le dita della mano, proprio come quando vedo un film che non mi piace e di cui non voglio vedere le immagini... ma mi cattura; bello, il libro, bello il protagonista, forte, storia vera, esperienze estreme, sentimento e, paradossalmente, Shantaram, 'uomo della pace'... un testo anche profondo e spirituale...

    "Nella vita di ognuno di noi, poco importa che sia vissuta nell'abbondanza o nella miseria, nulla porta più conoscenza del fallimento, e più chiarezza del dolore. E nella minuscola preziosa saggezza che otteniamo, quei nemici temuti e odiati, dolore e fallimento, hanno diritto e ragione di esistere".

    said on 

  • 5

    Meglio di mille mie parole:
    "Guardai la gente, ascoltai la musica dello slum, e ricordai una delle frasi preferite di Khaderbhai: "Ogni battito del cuore di un uomo", ripeteva spesso, " è un universo ...continue

    Meglio di mille mie parole:
    "Guardai la gente, ascoltai la musica dello slum, e ricordai una delle frasi preferite di Khaderbhai: "Ogni battito del cuore di un uomo", ripeteva spesso, " è un universo di possibilità ".
    Mi sembrò di capire per la prima volta ciò che intendeva dire. Khader aveva cercato di spiegarmi che ogni uomo ha la possibilità di cambiare il proprio destino. Avevo sempre pensato che il fato fosse immutabile: determinato al momento della nascita e fisso come l'orbita delle stelle.
    All'improvviso compresi che la vita è molto più bella e complessa. La verità è che fortuna e sfortuna non contano, e non importa ciò che stai facendo: puoi cambiare completamente la tua vita con un solo pensiero, con un solo gesto d'amore."

    said on 

  • 5

    Ufficialmente è uno dei miei libri preferiti.

    Sapevo fin dall'inizio che questo libro non mi avrebbe delusa. Un libro fantastico, un capolavoro che è in grado di strapparti da dove si è in questo momento, a catapultarti nel mondo indiano, a Bomba ...continue

    Sapevo fin dall'inizio che questo libro non mi avrebbe delusa. Un libro fantastico, un capolavoro che è in grado di strapparti da dove si è in questo momento, a catapultarti nel mondo indiano, a Bombay con la descrizione degli odori, di quello che si nota, del popolo indiano, delle quotidianità. Ho amato il protagonista, anzi lo scrittore, che grazie al suo coraggio, alla sua sensibilità, alla sua compassione abbia davvero compreso a fondo di cosa sia l'amore. E soprattutto, è stato in grado di farci comprendere che le persone non sono nè buone nè cattive, perchè quello che fanno, buono o cattivo sia, è perchè dipende dalle loro scelte, dalle loro emozioni e anche dal loro passato che li ha fatti rendere così, quindi è stato bravissimo a darci un quadro generale del fatto che nè è bianco nè è nero grazie alle sue conversazioni filosofiche con Khaderbai. E consiglierei a chiunque di leggere questo libro, perchè è un ottimo migliore amico il protagonista: lo senti davvero vicino.

    said on 

  • 4

    Ne è valsa la pena

    Anche se ho faticato un po' a procedere, perché a tratti l'ho trovato lento ed anche un po' ripetitivo,con nomi per me faticosi da ricordare! Nonostante ciò ne è valsa la pena! Se non altro per il sor ...continue

    Anche se ho faticato un po' a procedere, perché a tratti l'ho trovato lento ed anche un po' ripetitivo,con nomi per me faticosi da ricordare! Nonostante ciò ne è valsa la pena! Se non altro per il sorriso di Prabaker!

    said on 

  • 4

    Cambiamento

    Trovare un libro di tale mole che sia anche veloce da leggere è difficile. Se poi è anche appassionante, intrigante e rivelatore la difficoltà aumenta. Se aggiungiamo che è un capolavoro, diventa quas ...continue

    Trovare un libro di tale mole che sia anche veloce da leggere è difficile. Se poi è anche appassionante, intrigante e rivelatore la difficoltà aumenta. Se aggiungiamo che è un capolavoro, diventa quasi un esemplare raro.
    Questo libro narra della trasformazione di un uomo durata tutta una vita, del viaggio attraverso continenti, città e villaggi, fino alla scoperta di se stesso. Un uomo che cambia non è un uomo qualunque, e un libro che cambia (i lettori) ancor meno. Perché il libro mi ha cambiato.
    Per quanto sia romanzato, è comunque un romanzo a sfondo autobiografico, e ciò fa capire quanto potere abbiamo noi esseri umani oggi, nelle nostre mani. Più il campo delle possibilità è ampio, più vasta è la nostra possibilità d'azione, e così il nostro potere, la nostra forza.
    Un libro da leggere assolutamente, sia come semplice (ma nient'affatto semplice) storia interessante da leggere, sia come storia da analizzare e su cui riflettere.
    Assolutamente consigliato!

    said on 

  • 5

    L'ho letto lentamente cercando di assaporarne ogni parola. Non mi sono mai stufata e sono sempre stata ad ascoltare attentamente parole, emozioni, odori, umori e molto altro. Mi procurerò la copia car ...continue

    L'ho letto lentamente cercando di assaporarne ogni parola. Non mi sono mai stufata e sono sempre stata ad ascoltare attentamente parole, emozioni, odori, umori e molto altro. Mi procurerò la copia cartacea così da ritrovare, sottolineare ricordare meglio tutti quei passaggi, che sono tanti, che mi hanno fatto riflettere.
    Solo che ora dopo tanto tempo trascorso insieme mi sento sola.

    said on 

  • 5

    Shantaram è un libro che racconta d’amore, di coraggio e altri misteri. Amore nella totalità dell’espressione, un ampio respiro, un volo di trecentosessanta gradi, laddove ogni singola parola, ogni pe ...continue

    Shantaram è un libro che racconta d’amore, di coraggio e altri misteri. Amore nella totalità dell’espressione, un ampio respiro, un volo di trecentosessanta gradi, laddove ogni singola parola, ogni pensiero sono mattoni che, poco alla volta, pazientemente, costruiscono un ponte verso una verità celata, poco chiara, lontana.
    Amore che necessità di coraggio, ogni volta deve superare una prova, e quasi sempre lo fa in modo cruento e doloroso. C’è sangue, il gelo della morte e la luce calda della speranza, odio, pietà, perdono, e sofferenza, tanta sofferenza. Sono pagine intrise di sentimento. Come in un parto, lacrime di dolore si mescolano con lacrime di gioia, formando un unico grande mare.
    Shantaram è un viaggio, e inizia dal big bang, da quando si è formato il nostro universo. Un viaggio verso l’infinito, verso una meta apparentemente irraggiungibile, verso il bene assoluto.
    Ognuno di noi sta cercando quell’attimo, quella particella fuggente di vita che alcuni chiamano felicità.
    Amare il prossimo e comprenderlo, ma soprattutto amare se stessi. E sapersi accettare.
    Questo è per me Shantaram.

    said on 

  • 5

    Shantaram

    E' stupendo. Uno dei libri più belli che abbia mai letto. Un capolavoro.
    E' molto lungo, e a tratti molto descrittivo però si entra a far parte della vita dei protagonisti; ci si avventura nei vicoli ...continue

    E' stupendo. Uno dei libri più belli che abbia mai letto. Un capolavoro.
    E' molto lungo, e a tratti molto descrittivo però si entra a far parte della vita dei protagonisti; ci si avventura nei vicoli bui di Mumbay ..si conosce la vita dello slum .. Ami i personaggi e soffri con loro.
    Io ho dovuto aspettare almeno un mese prima di poter iniziare un nuovo libro .. Mi ha coinvolto molto.

    said on 

Sorting by