Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Shantaram

By Gregory David Roberts

(10)

| Paperback | 9788275472876

Like Shantaram ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

I 1978 var Gregory David Roberts heroinmisbruker og ble dømt til 19 års fengsel for en serie væpnede ran. Etter to år rømte han fra et høyrisikofengsel på høylys dag og ble Australias mest ettersøkte mann. Roberts søkte tilflukt i Bombay, der han slo Continue

I 1978 var Gregory David Roberts heroinmisbruker og ble dømt til 19 års fengsel for en serie væpnede ran. Etter to år rømte han fra et høyrisikofengsel på høylys dag og ble Australias mest ettersøkte mann. Roberts søkte tilflukt i Bombay, der han slo seg ned i slummen: først med en improvisert praksis som doktor blant slumbeboerne, senere som Bombay-mafiaens våpenpusher, smugler og falskner. Shantaram er Roberts egen medrivende beretning om et liv helt i ytterkanten av det menneskelig mulige, om frihetens pris, om betingelsene for en ny begynnelse, om kampen mellom det gode og det onde, om kjærlighet - om de store valg i livet.

899 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Romanzo bello e brutto contemporaneamente...

    La prima cosa che mi viene in mente parlando di questo romanzo autobiografico, è un'analogia con la fisica quantistica, cioè una permeazione nell'intimo della materia che fa notare come una storia possa ruotare contemporaneamente verso il capolav ...(continue)

    La prima cosa che mi viene in mente parlando di questo romanzo autobiografico, è un'analogia con la fisica quantistica, cioè una permeazione nell'intimo della materia che fa notare come una storia possa ruotare contemporaneamente verso il capolavoro o verso l'opera modesta. La seconda cosa, forse non meno importante, è che la figura dell'amico fidato emerge in maniera preponderante, come nella vita reale forse dovrebbe sempre essere.

    Is this helpful?

    SimonMago said on Sep 20, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    L'epopea di Roberts, ispirata dalle sue vicende biografiche, pur con alcune cadute nell'autocelebrazione è un grande romanzo d'avventura.

    Is this helpful?

    Friski70 said on Sep 11, 2014 | 1 feedback

  • 1 person finds this helpful

    Stupendo

    Libro meraviglioso di quelli che si consigliano a tutti

    Is this helpful?

    M Cascinari said on Sep 8, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Mi è piaciuto molto, moltissimo.
    E' difficile non farsi coinvolgere da questo racconto di vita, di persone, di anime.
    E anche se spesso fa la "cosa sbagliata per il motivo giusto" non si può non immedesimarsi in Linbaba!

    E poi la chiusura del libro ...(continue)

    Mi è piaciuto molto, moltissimo.
    E' difficile non farsi coinvolgere da questo racconto di vita, di persone, di anime.
    E anche se spesso fa la "cosa sbagliata per il motivo giusto" non si può non immedesimarsi in Linbaba!

    E poi la chiusura del libro è memorabile:
    "La verità è che fortuna e sfortuna non contano e non importa ciò che stai facendo: puoi cambiare completamente la tua vita con un solo pensiero, con un solo gesto d'amore. ..."

    Is this helpful?

    Stefano Mastella said on Sep 6, 2014 | Add your feedback

  • 2 people find this helpful

    Un pessimo personaggio per un pessimo librone

    Ho fatto passare moltissimi mesi prima di scrivere queste due righe, ma l'irritazione che mi ha provocato la lettura di questo libro ancora cova dentro di me. Ho cercato di capire il perché di tutto ciò (in genere sono alquanto benevolo nelle mie con ...(continue)

    Ho fatto passare moltissimi mesi prima di scrivere queste due righe, ma l'irritazione che mi ha provocato la lettura di questo libro ancora cova dentro di me. Ho cercato di capire il perché di tutto ciò (in genere sono alquanto benevolo nelle mie considerazioni) e l'unica risposta che sono riuscito a darmi é che il protagonista/autore è assolutamente irritante nella sua narrazione costantemente autocommiseratoria e autoassolutoria, costruita su un personaggio apparentemente in fuga (non ho capito cosa mai ha combinato quest'uomo in patria, non lo spiega mai) ma il cui unico scopo, a ben vedere, è quello di affermarsi come boss nella malavita di Bombay. E a tal fine utilizza senza scrupoli tutti i modi disponibili, a partire dal popolo di diseredati delle periferie dell'immensa Bombay e dalle sue immense sofferenze, per poi appoggiarsi e prosperare all'ombra della più feroce e potente criminalità locale, che di questa povertà e sofferenza sono ragione e parte fondamentale.
    Insopportabili sono poi le numerose pagine in cui sono riportati dialoghi più o meno colti e filosofici tra il protagonista, in evidente estasi, e vari criminali, che tra uno spaccio, un racket, un omicidio e altro, discettano di massimi sistemi, di amore assoluto e altro.
    Veramente un pessimo personaggio per una pessima storia.

    Is this helpful?

    Frankus said on Sep 2, 2014 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book