Shantaram

Di

Editore: Neri Pozza

4.4
(4370)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 1177 | Formato: eBook | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Spagnolo , Francese , Catalano , Chi tradizionale , Tedesco , Chi semplificata , Danese , Svedese , Norvegese , Polacco , Olandese , Russo , Portoghese

Isbn-10: 8854504858 | Isbn-13: 9788854504851 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: Vincenzo Mingiardi

Disponibile anche come: Paperback , Copertina morbida e spillati

Genere: Biografia , Narrativa & Letteratura , Viaggi

Ti piace Shantaram?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Il bus della scalcagnata Veterans' Bus Service, una compagnia di veterani dell'esercito indiano, è appena arrivato al capolinea di Colaba, la zona di Bombay dove si concentrano gli alberghi a buon mercato. Greg è il primo a mettere piede sul predellino e a farsi largo tra la folla di faccendieri, venditori di droga e trafficanti d'ogni genere in attesa davanti alla portiera. Ha una chitarra a tracolla, un passaporto falso in tasca e un turbinio di pensieri ed emozioni in testa. Nel tragitto dall'aeroporto a Colaba ha pensato di essere sbarcato in una città dopo una catastrofe. Davanti ai suoi occhi si è spalancata una distesa sterminata di miserabili rifugi fatti di stracci, fogli di plastica e carta, stuoie e stecchi di bambù. In preda allo stupore, Greg ha visto donne bellissime avvolte in stoffe azzurre e dorate incedere a piedi nudi in quella rovina, e uomini dai denti candidi e dagli occhi a mandorla, bambini dalle membra incredibilmente aggraziate. Ovunque, poi, aleggiava un odore acre e intenso. Quell'odore in cui, a Bombay, fiuti di colpo l'aroma del mare e il metallo delle macchine, il trambusto, il sonno, la lotta per la vita, i fallimenti e gli amori di milioni di esseri umani.Greg è un uomo in fuga. Dopo la separazione dalla moglie e l'allontanamento dalla sua bambina, la vita si è trasformata per lui in un abisso senza fine. Era un giovane studioso di filosofia e un brillante attivista politico all'università di Melbourne, è diventato "un rivoluzionario che ha soffocato i propri ideali nell'eroina", un "filosofo che ha smarrito l'integrità nel crimine", uno dei "most wanted men" australiani, condannato a 19 anni di carcere per una lunga serie di rapine a mano armata, catturato e scappato dal carcere di massima sicurezza di Pentridge. Eccolo ora a Bombay, nel bizzarro assortimento della sua folla, con i documenti di un certo Linsday in tasca e una strana esilarante gioia nel cuore... A Bombay, infatti, il destino ha calato per Greg la sua carta. A Bombay, diventerà uno Shantaram...
Ordina per
  • 5

    AMATO

    Ho amato questo libro fino alla fine. Mangiato in poco piu di un mese. Fantastico davvero.. i personaggi diventeranno tuoi vecchi amici con la gioia di ritrovarli ne "L'Ombra della Montagna"

    ha scritto il 

  • 4

    Frasi dal libro

    “Ho impiegato molto tempo e ho girato quasi tutto il mondo per imparare quello che so dell’amore, del destino e delle scelte che si fanno nella vita. Per capire l’essenziale, però, mi è bastato un ist ...continua

    “Ho impiegato molto tempo e ho girato quasi tutto il mondo per imparare quello che so dell’amore, del destino e delle scelte che si fanno nella vita. Per capire l’essenziale, però, mi è bastato un istante, mentre mi torturavano legato a un muro. Fra le urla silenziose che mi squarciavano la mente riuscii a comprendere che nonostante i ceppi e la devastazione del mio corpo ero ancora libero: libero di odiare gli uomini che mi stavano torturando oppure di perdonarli.”

    https://frasiarzianti.wordpress.com/2016/01/23/shantaram-gregory-david-roberts/

    ha scritto il 

  • 3

    Ho voluto finirlo, nonostante abbia più volte avuto la tentazione di lasciar perdere, anche per guadagnarmi il diritto di criticarlo. E visto che la lettura di un tal romanzo qualcosa mi ha insegnato, ...continua

    Ho voluto finirlo, nonostante abbia più volte avuto la tentazione di lasciar perdere, anche per guadagnarmi il diritto di criticarlo. E visto che la lettura di un tal romanzo qualcosa mi ha insegnato, cercherò di essere estremamente sintetico.
    Vengo al dunque: l'ho trovato spesso irritante, per l'autocompiacimento con cui l'autore somministra continue lezioni morali pronte per la citazione; quasi tutti i personaggi sono eccessivamente didascalici e subalterni rispetto al progetto "didattico" e faticano a risultare credibili in quanto persone; anche l'intreccio è vittima della esasperata volontà di dimostrare degli assoluti e risulta a tratti confuso.
    Credo che qualsiasi romanzo nasca dal desiderio dell'autore di comunicare le proprie convinzioni; i grandi romanzieri riescono nell'intento senza dichiararlo ad ogni pagina.
    P.S. Lo metto sullo stesso scaffale de "Lo zen e l'arte della manutenzione della motocicletta"

    ha scritto il 

  • 5

    Tanto me ne avevano parlato che le aspettative erano altissime e il rischio di restar delusa più che reale, ma così non è stato! Uno di quei libri che diventano un pezzettino della tua vita, senza dub ...continua

    Tanto me ne avevano parlato che le aspettative erano altissime e il rischio di restar delusa più che reale, ma così non è stato! Uno di quei libri che diventano un pezzettino della tua vita, senza dubbio.

    ha scritto il 

  • 4

    UnA bella e lunga storia ricca di personaggi ed intrecci ai limiti del reale. Più di mille pagine, alcune delle quali intense e coinvolgenti , altre ridondanti e noiose con una scrittura pero ...continua

    UnA bella e lunga storia ricca di personaggi ed intrecci ai limiti del reale. Più di mille pagine, alcune delle quali intense e coinvolgenti , altre ridondanti e noiose con una scrittura pero sempre all altezza

    ha scritto il 

  • 4

    agile, verosimile (fino ad oltre la metà) colto e frizzante.
    scrittura e descrizioni coinvolgenti, storie che si rincorrono.
    mi ha fatto volare fino alla guerra afgana.
    poi mi sembrava di leggere un J ...continua

    agile, verosimile (fino ad oltre la metà) colto e frizzante.
    scrittura e descrizioni coinvolgenti, storie che si rincorrono.
    mi ha fatto volare fino alla guerra afgana.
    poi mi sembrava di leggere un James Bond, per mia fortuna nel finale ho rivolato ma......
    l'americanata non serviva..

    ha scritto il 

  • 2

    Il livello medio del lettore si è vertiginosamente abbassato.
    La "fiction" statunitense ha formato le menti di ogni generazione rimasta in vita.
    Di conseguenza il plauso entusiasta per questi imbarazz ...continua

    Il livello medio del lettore si è vertiginosamente abbassato.
    La "fiction" statunitense ha formato le menti di ogni generazione rimasta in vita.
    Di conseguenza il plauso entusiasta per questi imbarazzanti brodazzi letterari, cotti dal correttore di bozze, è ormai pressoché unanime.

    ha scritto il 

Ordina per