Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Shantaram

Di

Editore: Neri Pozza

4.4
(4150)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 1177 | Formato: eBook | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Spagnolo , Francese , Catalano , Chi tradizionale , Tedesco , Chi semplificata , Danese , Svedese , Norvegese , Polacco , Olandese , Russo , Portoghese

Isbn-10: 8854504858 | Isbn-13: 9788854504851 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: Vincenzo Mingiardi

Disponibile anche come: Paperback , Copertina morbida e spillati

Genere: Biography , Fiction & Literature , Travel

Ti piace Shantaram?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Il bus della scalcagnata Veterans' Bus Service, una compagnia di veterani dell'esercito indiano, è appena arrivato al capolinea di Colaba, la zona di Bombay dove si concentrano gli alberghi a buon mercato. Greg è il primo a mettere piede sul predellino e a farsi largo tra la folla di faccendieri, venditori di droga e trafficanti d'ogni genere in attesa davanti alla portiera. Ha una chitarra a tracolla, un passaporto falso in tasca e un turbinio di pensieri ed emozioni in testa. Nel tragitto dall'aeroporto a Colaba ha pensato di essere sbarcato in una città dopo una catastrofe. Davanti ai suoi occhi si è spalancata una distesa sterminata di miserabili rifugi fatti di stracci, fogli di plastica e carta, stuoie e stecchi di bambù. In preda allo stupore, Greg ha visto donne bellissime avvolte in stoffe azzurre e dorate incedere a piedi nudi in quella rovina, e uomini dai denti candidi e dagli occhi a mandorla, bambini dalle membra incredibilmente aggraziate. Ovunque, poi, aleggiava un odore acre e intenso. Quell'odore in cui, a Bombay, fiuti di colpo l'aroma del mare e il metallo delle macchine, il trambusto, il sonno, la lotta per la vita, i fallimenti e gli amori di milioni di esseri umani.Greg è un uomo in fuga. Dopo la separazione dalla moglie e l'allontanamento dalla sua bambina, la vita si è trasformata per lui in un abisso senza fine. Era un giovane studioso di filosofia e un brillante attivista politico all'università di Melbourne, è diventato "un rivoluzionario che ha soffocato i propri ideali nell'eroina", un "filosofo che ha smarrito l'integrità nel crimine", uno dei "most wanted men" australiani, condannato a 19 anni di carcere per una lunga serie di rapine a mano armata, catturato e scappato dal carcere di massima sicurezza di Pentridge. Eccolo ora a Bombay, nel bizzarro assortimento della sua folla, con i documenti di un certo Linsday in tasca e una strana esilarante gioia nel cuore... A Bombay, infatti, il destino ha calato per Greg la sua carta. A Bombay, diventerà uno Shantaram...
Ordina per
  • 5

    Shantaram

    E' stupendo. Uno dei libri più belli che abbia mai letto. Un capolavoro.
    E' molto lungo, e a tratti molto descrittivo però si entra a far parte della vita dei protagonisti; ci si avventura nei vicoli ...continua

    E' stupendo. Uno dei libri più belli che abbia mai letto. Un capolavoro.
    E' molto lungo, e a tratti molto descrittivo però si entra a far parte della vita dei protagonisti; ci si avventura nei vicoli bui di Mumbay ..si conosce la vita dello slum .. Ami i personaggi e soffri con loro.
    Io ho dovuto aspettare almeno un mese prima di poter iniziare un nuovo libro .. Mi ha coinvolto molto.

    ha scritto il 

  • 1

    La storia di un cazzaro

    La cosa da riconoscere a questo libro è che lo stile è semplice e anche se spesso ridondante e inutilmente dettagliato, ma si legge abbastanza bene.
    Per il resto non ricordo di aver letto un romanzo i ...continua

    La cosa da riconoscere a questo libro è che lo stile è semplice e anche se spesso ridondante e inutilmente dettagliato, ma si legge abbastanza bene.
    Per il resto non ricordo di aver letto un romanzo in cui non esiste un personaggio che ti ispira simpatia o empatia: tutti intenti a complicarsi la vita, a consumarsi per drammi inutili, così noiosi che sembrano usciti da un libro di De Carlo. Meriterebbe un discorso a parte il personaggio di Karla... ma preferisco lasciar perdere... se tutte le donne fossero come lei l'umanità si sarebbe estinta diverse migliaia di anni fa.
    L'unico personaggio che rimane impresso è Prabaker, che è una sorta di Virgilio dello Slum.
    Ambientato a Bombay, città di 20 milioni di abitanti, i 20/30 personaggi si incontrano quasi sempre "casualmente" nei posti più disparati, come se vivessero in una frazione montana della Valtellina.
    Il protagonista poi è un gran cazzaro. Praticamente vive TUTTE le esperienze di questa terra uscendone ovviamente indenne e vittorioso (Si spaccia per dottore vincendo un epidemia di colera, diventa contrabbandiere, braccio destro di un capo mafia, spacciatore e pure combattente nel conflitto URSS/Afghanistan). Si consuma per dei drammi di cui non si capisce bene la natura e si fa dei pipponi pseudo religiosi sull'esistenza degne di Ruggero (si proprio lui, il personaggio di Verdone).
    L'India raccontata poi è quanto di più stereotipato un occidentale possa raccontare.
    Le storie sono tirare per le lunghe, con scene e dettagli spesso inutili (a parte allungare il brodo).
    Ecco non ho capito come possa aver riempito di entusiasmo tanti lettori.

    ha scritto il 

  • 5

    Dà il tempo di scoprire, stupirsi, affezionarsi, abituarsi, ri-stupirsi.
    Ben scritto, emozionante, piacevole, alcuni elementi eccezionali, come alcuni personaggi e la lunghissima parte nello slum, il ...continua

    Dà il tempo di scoprire, stupirsi, affezionarsi, abituarsi, ri-stupirsi.
    Ben scritto, emozionante, piacevole, alcuni elementi eccezionali, come alcuni personaggi e la lunghissima parte nello slum, il resto comunque regge sempre e tiene alta la tensione e attenzione.
    Non è un saggio sull'India né l'apologia di un criminale convertitosi a santo. E' semplicemente un grande romanzo (che sia autobiografico alla fine poco importa).

    ha scritto il 

  • 3

    due delle stelline sono per il sorriso di Prabaker

    e la rimanente per il resto del libro.
    libro che avevo inseguito per mesi, cercato e voluto fortemente. ma come spesso succede, ahimè, mi ha lasciato con l'amaro in bocca.
    impegnativo sicuramente, ma ...continua

    e la rimanente per il resto del libro.
    libro che avevo inseguito per mesi, cercato e voluto fortemente. ma come spesso succede, ahimè, mi ha lasciato con l'amaro in bocca.
    impegnativo sicuramente, ma a me non hanno mai spaventato i tomi di oltre mille pagine.
    il problema è che il protagonista, nel narrare la sua autobiografia, per riscattare la sua miserevole condizione di drogato cronico e malvivente, dipinge un sè che diventa un consensato abbastanza inverosimile di supereroi.
    se escludiamo la parte - obiettivamente bella - in cui narra la sua esperienza nello slum, il resto delle pagine scorrono intorno alle avventure-disavventure più o meno reali dell'autore, dove spesso un certo senso di autocompiacimento celebrativo rende il racconto irritante e permeato di falsa attività introspettiva.
    un uomo consapevole della sua condizione di reietto che nulla fa - e vuole fare - per risollevarsi, tranne imbarcarsi in operazioni di salvataggio estreme che nemmeno le più ardite americanate avrebbero saputo inventare.
    il tutto infarcito da un amore impossibile per una Karla insopportabilmente saccente e crudele da farsi odiare dal lettore in maniera ferocissima.
    se a ciò aggiungiamo circa 400 pagine di elucubrazioni pseudo-filosofiche, espresse da ferocissimi mafiosi musulmani in simposi che mascherano solo occasioni di imbottimento di droga, è facile comprendere come un libro così impostato possa diventare un'opera veramente detestabile.
    io credo che l'India sia altro, pur riconoscendo le problematiche e i drammi che la contraddistinguono.
    io penso che l'India si sia affacciata solo nello slum, in quell'immenso sorriso di Prabaker, e che lì sia rimasta, in quelle poche centinaia di pagine soffocate dalla inutile frattaglia delle altre mille.
    si vede che non mi è piaciuto?

    ha scritto il 

  • 2

    Per definirlo uso la descrizione che mi aveva fatto un utente qui su anoobi a cui avevo chiesto un parere
    "È pedante, goffo, didascalico e soprattuto retorico"
    ed è verissimo, non mi spiego assolutame ...continua

    Per definirlo uso la descrizione che mi aveva fatto un utente qui su anoobi a cui avevo chiesto un parere
    "È pedante, goffo, didascalico e soprattuto retorico"
    ed è verissimo, non mi spiego assolutamente il perche di tutto questo rumore attorno a questo mattone.
    Tra l'altro è un libro-copia di un romanzo scritto ben prima, e molto migliore sotto ogni punto di vista, in cui ci sono praticamente gli stessi personaggi, le stesse situazioni, gli stessi accadimenti, gli stessi aspetti dello straniero in terra foresta che viene apprezzato per il fatto che conosce la lingua, le tradizioni e gli aspetti sociali della vita di ogni giorno, la stessa ascesa al potere da pezzente a braccio destro della persona piu potente del luogo.. il romanzo era "Shogun" di James Clavell.

    ha scritto il 

  • 5

    FANTASTICO! letto d'un fiato e con immenso piacere tanto da centellinarne le pagine verso il finale perchè mi dispiaceva finirlo!
    Un romanzo ricchissimo di luoghi personaggi emozioni colori e profumi, ...continua

    FANTASTICO! letto d'un fiato e con immenso piacere tanto da centellinarne le pagine verso il finale perchè mi dispiaceva finirlo!
    Un romanzo ricchissimo di luoghi personaggi emozioni colori e profumi, mondi interiori, dialoghi e forza vitale intensissimi. MOLTO BELLO

    ha scritto il 

  • 5

    Ho amato tanto questo libro, fa riflettere e lo consiglio a chi ama l'India: 1777 pagine lette a Gennaio 2014

    "A volte la fortuna consiste semplicemente nel trovarsi nel posto giusto al momento giusto ...continua

    Ho amato tanto questo libro, fa riflettere e lo consiglio a chi ama l'India: 1777 pagine lette a Gennaio 2014

    "A volte la fortuna consiste semplicemente nel trovarsi nel posto giusto al momento giusto, proprio come a volte l'ispirazione è fare la cosa giusta nel modo giusto. Sono due possibilità che ti captano solo se svuoti il cuore da ambizioni, scopi e progetti e ti abbandoni completamente al momento magico che ti offre il destino."

    ha scritto il 

  • 2

    La mia è una voce fuori dal coro nel senso che non ho trovato il capolavoro che tanti lettori descrivono. Il libro è noioso, a tratti ripetitivo negli schemi e nelle situazioni. La vita di Lin non è u ...continua

    La mia è una voce fuori dal coro nel senso che non ho trovato il capolavoro che tanti lettori descrivono. Il libro è noioso, a tratti ripetitivo negli schemi e nelle situazioni. La vita di Lin non è un esempio o un modello da imitare, a meno che non si voglia mostrare indulgenza per chi si droga, per chi aderisce alla mafia e per chi delinque in generale.

    ha scritto il 

Ordina per