Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Shopaholic Abroad

By

Publisher: Transworld, London

3.8
(5172)

Language:English | Number of Pages: 350 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) Chi traditional , Italian , Chi simplified , Spanish , Japanese

Isbn-10: 0552773476 | Isbn-13: 9780552773478 | Publish date: 

Also available as: Mass Market Paperback , Audio Cassette , Audio CD , eBook , Others

Category: Fiction & Literature , Humor , Romance

Do you like Shopaholic Abroad ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
For Rebecca Bloomwood, life is peachy. She has a job on morning TV, her bank manager is actually being nice to her, and when it comes to spending money, her new motto is Buy Only What You Need - and she's really (sort of) sticking to it. The icing on the brioche is that she's been offered a chance to work in New York. New York! The Museum of Modern Art! The Guggenheim! The Metropolitan Opera House! And Becky does mean to go to them all. Honestly. It's just that it seems silly not to check out a few other famous places first. Like Saks. And Bloomingdales. And Barneys. And one of those fantastic sample sales where you can get a Prada dress for $10. Or was it $100? Anyway, it's full of amazing bargains. Shopaholic Abroad - because there just aren't enough shops at home.
Sorting by
  • 2

    Lo lessi molto tempo fa, e di certo allora non avevo i gusti che ho adesso, ma sarò sincera questo libro mi è piaciuto poco. Lo trovai molto noioso e per finirlo ci misi un po, mi è bastato a capire che dell'autrice non comprerò più altri libri, poi chissà potrei cambiare idea.

    said on 

  • 3

    Mistero Kinsella

    Che ho intenzione di risolvere al più presto. Ho sicuramente letto tutta la serie I love shopping. Non ho segnato le date di lettura perchè sono libri che ho letto anni fa, ancora non ero iscritta su anobii e non avevo un rapporto quotidiano con i social network. Mi sono ripromessa di rileggere q ...continue

    Che ho intenzione di risolvere al più presto. Ho sicuramente letto tutta la serie I love shopping. Non ho segnato le date di lettura perchè sono libri che ho letto anni fa, ancora non ero iscritta su anobii e non avevo un rapporto quotidiano con i social network. Mi sono ripromessa di rileggere questi libri perchè so che sono letture piacevoli, grazie alle quali potrò rilassarmi e sorridere insieme a Rebecca.

    said on 

  • 4

    Eccoci qui per il secondo capitolo che ha come protagonista Rebecca Bloomwood.


    Alla mia amica, eh sì ormai la considero tale, sembra andare tutto alla grande: i debiti sono ormai pagati, la vita con il suo bel Luke va bene, il lavoro pure… insomma.. che c’è da lamentarsi?? nulla!! Soprattu ...continue

    Eccoci qui per il secondo capitolo che ha come protagonista Rebecca Bloomwood.

    Alla mia amica, eh sì ormai la considero tale, sembra andare tutto alla grande: i debiti sono ormai pagati, la vita con il suo bel Luke va bene, il lavoro pure… insomma.. che c’è da lamentarsi?? nulla!! Soprattutto se poi le si propone di trasferirsi. Non in una città qualsiasi, ma bensì New York.

    Io ci sono stata in viaggio di nozze, e vi assicuro che resistere alla voglia di shopping è davvero un’impresa ardua. Già solo entrare da Macy’s.. vabbé quindi, immaginatevi, se resistere per noi comuni mortali è dura, cosa potrebbe combinare la mia amica Rebecca? Ecco brave/i vi siete dati la risposta esatta!

    Di certo per lei trasferirsi per seguire il suo amore, è un gran passo avanti per la relazione. Ma cosa farà lì? Non impensieritevi, Luke penserà anche a quello :) chi non vorrebbe un fidanzato che pensa anche a quello?

    La cosa più importante è darsi un contegno e non cadere nei vecchi errori, nella vecchia dipendenza, perché diciamocelo .. è una dipendenza
    Quindi che bisogna fare? Fare un piano d’azione, un piano delle spese giornaliere, ormai si è grandi e le persone adulte fanno così, e soprattutto rispettarlo! Eco forse questo è già un po’ più difficile, vero Rebecca?

    W cosa più terribile è essere scoperta, sbattuta in prima pagina, e rovinare anche il fidanzato ma ovviamente qualcosa non torna, come hanno fato a scoprire il “suo problema”? Che ne sarà di Luke? Cosa succederà alla sua impresa?

    La qualità di Rebecca è che non è stupida, e in alcuni casi è in grado di trovarsi al posto giusto al momento giusto e di sapere che due più due fa quattro.
    Come dice mio marito “tutto si incastra” e si incastra anche questa volta.

    E Rebecca? Rebecca sceglierà Londra o la grande mela? Che ne sarà del suo rapporto con Luke?

    Non vi dico molto altro, dovete leggerlo, ma forse è bene quello che finisce bene.

    said on 

  • 2

    Irritante e diseducativo

    Della saga ho letto solo due libri ma se anche gli altri quattro sono sullo stesso andazzo è terrificante. Non riesco a capire come questa roba possa essere definita un fenomeno letterario. Che una "consulente finanziaria" (le virgolette sono d'obbligo per stessa ammissione d'incompetenza della ...continue

    Della saga ho letto solo due libri ma se anche gli altri quattro sono sullo stesso andazzo è terrificante. Non riesco a capire come questa roba possa essere definita un fenomeno letterario. Che una "consulente finanziaria" (le virgolette sono d'obbligo per stessa ammissione d'incompetenza della protagonista) con una mania compulsiva allo shopping possa far morire dal ridere è al di là della mia comprensione.
    Sinceramente, tutto di questa serie mi irrita a morte: la superficialità con la quale la protagonista opera nel lavoro è agghiacciante; la facilità con la quale scialacqua i suoi soldi in cose inutili è inquietante; le scuse usate per giustificarsi sono imbarazzanti; gli stratagemmi e le bugie per nascondere agli altri il suo problema sono a dir poco puerili; le soluzioni con cui immagina di risolvere la situazione economica sono fuori dalla realtà; e la leggerezza con la quale ignora i continui avvertimenti di banche, istituti di credito nonché amici, rasenta l'incoscienza.
    Che la bolla finisca per esplodere è inevitabile, così come inevitabili sono le lacrime di coccodrillo e le promesse del tipo "non lo farò più", "salderò i miei debiti" ecc.
    E quando speri che la protagonista abbia imparato la lezione e si avvii a risalire lentamente la china per rimettersi in sesto, ecco che puntualmente arriva un deus ex machina che le salva il c*lo e le migliora persino la vita (sia sul lavoro che in amore), così che possa ricominciare tutto da capo... quando lei, o chi per lei, dovrebbe prendere coscienza che ha un grosso problema e andare dritto filato a farsi curare da uno bravo.
    Un'occasione persa per eviscerare un problema estremamente attuale ma che è finita per diventare una presa in giro.

    said on 

  • 3

    Continuo a confermare la stranezza di questa serie. Mi è piaciuto più questo del primo libro. Sarà che Becky prende finalmente coscienza del suo problema, anche se non nego la grandissima probabilità di ricaduta.

    said on 

  • 4

    Migliore del primo della saga...

    Premetto, come è scontato, che le 4 stelle date non sono le stesse assegnate a altri libri, come, ad esempio, I miserabili o Grandi speranze. Non sono libri che si possono giudicare sullo stesso piano e con lo stesso metro di giudizio.


    La saga di I love shopping mi sta veramente divertendo ...continue

    Premetto, come è scontato, che le 4 stelle date non sono le stesse assegnate a altri libri, come, ad esempio, I miserabili o Grandi speranze. Non sono libri che si possono giudicare sullo stesso piano e con lo stesso metro di giudizio.

    La saga di I love shopping mi sta veramente divertendo, e devo dire che ho trovato il secondo libro migliore del primo.
    L'ideale per svagarsi e per farsi qualche risata.

    said on 

  • 2

    Ancora?!?!?!?!?!

    Gioco dell'oca letterario. Casella 15: Libro pubblicato sotto pseudonimo.


    Ok, rischierò il linciaggio... ma non la sopporto proprio questa Becky... ok si riscatta negli ultimi capitoli, come era stato per il primo libro, ma giuro che se anche nel prossimo si ripeterà la stessa storia scriv ...continue

    Gioco dell'oca letterario. Casella 15: Libro pubblicato sotto pseudonimo.

    Ok, rischierò il linciaggio... ma non la sopporto proprio questa Becky... ok si riscatta negli ultimi capitoli, come era stato per il primo libro, ma giuro che se anche nel prossimo si ripeterà la stessa storia scriverò una lettera di protesta alla Kinsella... c'è stato un momento che ho guardato le pagine mancanti del libro disperata!!!
    Come dicevo gli ultimi capitoli sono più interessanti e quasi quasi mi commuovevo anche un pochino (sono una lettrice dalla lacrima facile! ;)).
    Comunque non lascerò la saga a metà... vi farò sapere come proseguirà la mia lettura! ;)

    said on 

  • 3

    Non avevo voglia di leggere niente, quindi ho letto questo, che è come leggere niente. Però a modo suo è divertente, e mi sono stupita del fatto di trovarlo divertente. Il primo libro della serie l'avevo ODIATO, veramente, ma saranno passati gli anni o sarò cambiata io, com'è come non è, questo m ...continue

    Non avevo voglia di leggere niente, quindi ho letto questo, che è come leggere niente. Però a modo suo è divertente, e mi sono stupita del fatto di trovarlo divertente. Il primo libro della serie l'avevo ODIATO, veramente, ma saranno passati gli anni o sarò cambiata io, com'è come non è, questo mi ha fatto riderino. Così ho riletto pure il primo, visto che non me lo ricordavo più. E mi ha fatto riderino anche lui.
    Devo preoccuparmi, che dite?

    said on 

  • 1

    Vedi la recensione di I love shopping...

    ...tanto è sempre la stessa solfa, solo con l'aggravante che più la storia va avanti e più la protagonista fa la figura della fessa.
    Io sta storia che non si sappia controllare proprio non la digerisco, mi fa infuriare; ragazza mia, i casi sono due: o hai una malattia o sei scema oltre ogni ...continue

    ...tanto è sempre la stessa solfa, solo con l'aggravante che più la storia va avanti e più la protagonista fa la figura della fessa.
    Io sta storia che non si sappia controllare proprio non la digerisco, mi fa infuriare; ragazza mia, i casi sono due: o hai una malattia o sei scema oltre ogni dire; in entrambi i casi fatti vedere da uno bravo!

    said on 

Sorting by