Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Shosha

By Isaac Bashevis Singer

(22)

| Paperback

Like Shosha ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

46 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 2 people find this helpful

    Shosha è un classico romanzo di formazione (come dicono quelli bravi) in cui si racconta l’educazione sentimentale tutta yiddish di Aaron Greidinger, il figlio del rabbino della via Krochmalna a Varsavia, che abbandona l'ortodossia chassidi ...(continue)

    Shosha è un classico romanzo di formazione (come dicono quelli bravi) in cui si racconta l’educazione sentimentale tutta yiddish di Aaron Greidinger, il figlio del rabbino della via Krochmalna a Varsavia, che abbandona l'ortodossia chassidim, l’universo della sua infanzia chiuso ermeticamente su ogni lato dall’idea di Dio, per inoltrarsi nel multiforme e contraddittorio mondo delle idee, delle donne, della politica, della letteratura, del teatro, con tutto il vagone di smarrimenti, complessi e sensi di colpa che ne consegue. Dopo un inizio un po' troppo sommario e sbrigativo il ritmo si assesta e il libro prende a scorrere con l'ampia e placida sicurezza dei classici.

    Il nucleo del libro è l’amore “impossibile” di Aaron per Shosha, un tempo compagna di giochi, oggi donna-bambina mai cresciuta per chissà quale strana malattia e rimasta mentalmente all’età di sei anni, una fuga illogica verso un angolo d'innocenza perduto nel microcosmo del ghetto, un fragilissimo guscio d’uovo deposto nella Polonia di fine anni Trenta che attende di essere sbriciolata dagli enormi ingranaggi d’acciaio di Hitler e Stalin. Nel controluce di questo sentimento malinconico Singer fotografa con fatalismo e disincanto l'anima di un mondo sull’orlo del baratro, come un uomo che si guarda allo specchio un attimo prima di diventare un fantasma.

    Is this helpful?

    Calibano said on Sep 12, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Non tra i migliori di Singer. Tra l'altro personalmente amo molto di più il fratello Israel J. Singer.

    Is this helpful?

    mgt said on Aug 26, 2014 | 2 feedbacks

  • 2 people find this helpful

    Una bellissima storia commovente. Scrittura avvincente.
    Da leggere!

    Is this helpful?

    stefy said on Jul 4, 2014 | 1 feedback

  • 1 person finds this helpful

    Non tra i migliori libri di Singer, ne' i personaggi ne' lo svolgimento della trama mi hanno convinta.

    Is this helpful?

    cris56 said on Jun 8, 2014 | Add your feedback

  • 5 people find this helpful

    è un amore sgraziato, incomprensibile, ingenuo, mistico quello tra aron e shosha- che pervade tutto il libro, straripa e corre parallelo con l'amore per un mondo ormai scomparso- quello della varsavia prebellica, con le sue miserie, le sue contraddiz ...(continue)

    è un amore sgraziato, incomprensibile, ingenuo, mistico quello tra aron e shosha- che pervade tutto il libro, straripa e corre parallelo con l'amore per un mondo ormai scomparso- quello della varsavia prebellica, con le sue miserie, le sue contraddizioni, i suoi sfarzi poi spazzati via dall'invasione nazista. è un libro di donne questo romanzo- oltre a shosha ci sono sua madre bashele, dora, betty, celia, tekla: tutte diverse fra loro, tutte inquiete e preda di pulsioni, fermenti, ideali, sconforto. è un romanzo nostalgico, appassionato, un po' sconclusionato eppure pieno di umanità- teso tra ragione, religione, innocenza e paura; forse non il miglior singer, ma l'ho trovato splendido e imperfetto.

    Is this helpful?

    fiamma said on Jun 6, 2014 | 4 feedbacks

  • 3 people find this helpful

    l'amore, che tanto sembra essere presente in questo libro, è un amore fuori dagli schemi, un po' malato e sgraziato, forse incomprensibile, estremamente umano nel suo non sembrarlo. Non so, ma a tratti l'impressione è di una quasi irriverente e sicur ...(continue)

    l'amore, che tanto sembra essere presente in questo libro, è un amore fuori dagli schemi, un po' malato e sgraziato, forse incomprensibile, estremamente umano nel suo non sembrarlo. Non so, ma a tratti l'impressione è di una quasi irriverente e sicuramente dolorosa allegoria dell'amore divino nei confronti dell'uomo, un'allegoria bagnata nell'attesa, battezzata in questo modo a non essere mai completa.

    Is this helpful?

    Ettore BilBo said on Jun 4, 2014 | 1 feedback

Book Details

Improve_data of this book