Shotgun Lovesongs

Di

Editore: Marsilio (Romanzi e racconti)

3.7
(342)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 318 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Spagnolo , Tedesco , Inglese

Isbn-10: 8831719041 | Isbn-13: 9788831719049 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Claudia Durastanti

Disponibile anche come: eBook

Genere: Famiglia, Sesso & Relazioni , Narrativa & Letteratura , Musica

Ti piace Shotgun Lovesongs?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Henry, Lee, Kip e Ronny sono cresciuti insieme a Little Wing, una cittadina rurale del Wisconsin. Amici fin dall'infanzia, hanno poi preso strade diverse. Henry è rimasto nella fattoria di famiglia e ha sposato il suo primo amore, mentre gli altri se ne sono andati altrove in cerca di fortuna. Ronny è diventato una star del rodeo, Kip ha fatto i soldi in città e il musicista Lee ha trovato la fama ma ha avuto il cuore spezzato. Ora tutti e quattro sono tornati in paese per un matrimonio. Ma vecchie rivalità si insinuano nel clima di festa e nella felicità del ritrovarsi, e il segreto di una moglie minaccia di distruggere un matrimonio e un'amicizia. "Shotgun Lovesongs" è un vibrante inno alle cose che contano davvero nella vita, l'amore e la lealtà, il potere della musica e la bellezza della natura.
Ordina per
  • 2

    quando la banalità comincia a diventare irritante ti accorgi che non hai più vent'anni e non sei più disposto a farti prendere per il naso dall'ennesimo ritratto della piccola provincia americana, dov ...continua

    quando la banalità comincia a diventare irritante ti accorgi che non hai più vent'anni e non sei più disposto a farti prendere per il naso dall'ennesimo ritratto della piccola provincia americana, dove non c'è amicizia che non si possa aggiustare con due cazzotti e una bella sbronza e non c'è ragazza che non prepari la colazione indossando la camicia di flanella del proprio uomo.

    ha scritto il 

  • 4

    Amore e amicizia con la A maiuscola

    Non l'ho trovato per niente banale, al contrario di molte recensioni che mi è capitato di leggere e, onestamente, non ho capito in cosa consiste questa banalità: la storia di quattro amici di lunga da ...continua

    Non l'ho trovato per niente banale, al contrario di molte recensioni che mi è capitato di leggere e, onestamente, non ho capito in cosa consiste questa banalità: la storia di quattro amici di lunga data che si ritrovano in occasione di un matrimonio e che ripercorrono le loro esistenze. Si, certo, tanti romanzi e/o film hanno lavorato in questa direzione, ma sempre con risultati diversi. Nel caso di questo primo romanzo di Butler, il risultato è ottimo nel suo complesso: la scrittura è davvero notevole, lo stile rende scorrevolissima la lettura. E' un romanzo sul rispetto dei sentimenti, nonostante tutto. Amore e amicizia con la A maiuscola. Si condivide, si solidarizza, si vive e si muore tutti insieme; si partecipa e si rende onore ai migliori, non si invidia nessuno, ci si vuole bene. Il tutto è intriso da grande melanconia: “Melancolia è una parola così drammatica, ma a volte è quella giusta. Quando ti senti sia un po’ allegro sia un po’ triste; è il sentimento che la maggior parte delle persone provano quando finiscono il liceo o quando vedono il loro bambino che sale sullo scuolabus per la prima volta.”
    E poi c'è questo grande protagonista che è Little Wing, un piccolo paesino del Wisconsin dove la vicenda è ambientata e dove questi uomini si ritrovano sempre, come attratti da una forza di gravità: “ritornare dove sei cresciuto, dove sei stato stupido, giovane e forte, e sentirti il caldo del sole nelle ossa.”. Mai stucchevole, mai sopra le righe, un gran bell'esordio, da leggere accompagnati dalle morbide note di Bon Iver, amico e compagno di liceo dell'autore, cui pare sia ispirato il personaggio di Lee.

    ha scritto il 

  • 2

    Questo libro non mi ha convinto, non perché la storia sia tutto sommato banale. La letteratura è piena di storie banali, presentate però in maniera sublime, tale da renderle eccezionali.
    Non dipende n ...continua

    Questo libro non mi ha convinto, non perché la storia sia tutto sommato banale. La letteratura è piena di storie banali, presentate però in maniera sublime, tale da renderle eccezionali.
    Non dipende neanche dall'ambientazione, questo scorcio di America, che poi è quella vera, fatta di pick up, fattorie, paesi di mille anime, cavalli, qualcuno che prova a sfondare e paesaggi meravigliosi. Il problema per me è che nella narrazione ho provato noia, e non è un buon indice in un libro.
    Forse il tema centrale, quello dell'amicizia, è il filo che si snoda meglio e che fa affiorare ogni tanto un moto, una scossa, una reazione.
    Ho apprezzato l'alternarsi dei narratori/protagonisti capitolo dopo capitolo: è un artificio che mi piace molto. Però pure qui stesso registro per tutti, sembrano creati con lo stampino.
    Peccato, perché la storia in sé sarebbe godibile, ma non c'è una scrittura interessante e dinamica a sostenerla.

    ha scritto il 

  • 5

    Loved it!

    A story of friendship and of simple life and simple values, written beautifully, with great characters and a stunning setting. Absolutely loved it.

    Full review on http://matiminireviews.blogspot.co.uk ...continua

    A story of friendship and of simple life and simple values, written beautifully, with great characters and a stunning setting. Absolutely loved it.

    Full review on http://matiminireviews.blogspot.co.uk/2017/02/book-review-shotgun-lovesongs-n-butler.html

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    5

    Shotgun lovesongs

    Shotgun Lovesongs” è la storia di un gruppo di amici, nati e cresciuti in un piccolo paese del Wisconsin: cinque amici trentenni che, ad un certo punto del percorso, si ritrovano alle prese con i bila ...continua

    Shotgun Lovesongs” è la storia di un gruppo di amici, nati e cresciuti in un piccolo paese del Wisconsin: cinque amici trentenni che, ad un certo punto del percorso, si ritrovano alle prese con i bilanci della propria esistenza.
    I capitoli attraverso cui si snoda la narrazione vengono raccontati in “prima persona” da ognuno dei personaggi, esponendo punti di vista, ricordi e modi di concepire la vita estremamente diversi tra loro. Attraverso questa scelta narrativa, i protagonisti della vicenda si mettono a nudo, mostrando ciò che sono realmente, rivelando gli aspetti più trasparenti del proprio carattere ma anche – e soprattutto - quelli più reconditi.
    Nickolas Butler, pur essendo uno scrittore esordiente, padroneggia perfettamente i meccanismi della narrazione. Con una scrittura semplice ma diretta riesce pienamente nell’intento di ricostruire l’atmosfera di una piccola enclave americana, trattando temi importanti: i legami con le proprie radici, il desiderio di fuga dall’angusto (benché sicuro) mondo rurale e – per qualcuno dei protagonisti - il ritorno alle origini dopo un lungo girovagare.
    Ben scritto, toccante, con personaggi realistici e pieni di sfaccettature, il romanzo riesce nel duplice intento di commuovere e di spingere alla riflessione.
    E, giunti alla fine del racconto, si riuscirà a capire qual è la reale importanza di quel posto chiamato “casa”. Un luogo non esclusivamente fisico, ma emozionale e trascendente, capace comunque di unire anime profondamente diverse. Una sorta di culla confortevole ed accogliente sempre pronta ad accogliere i protagonisti in occasione del ritorno che, di tanto in tanto, può far seguito ad una partenza.
    Giudizio: uno dei migliori romanzi letti quest’anno.

    ha scritto il 

  • 4

    Ero, e così era lui, in quello spazio a metà dei vent'anni, quando un numero sufficiente di amici o compagni di classe aveva già trovato qualche forma di successo, abbastanza da incombere su tutti noi ...continua

    Ero, e così era lui, in quello spazio a metà dei vent'anni, quando un numero sufficiente di amici o compagni di classe aveva già trovato qualche forma di successo, abbastanza da incombere su tutti noi che non c'eravamo riusciti

    Shotgun Lovesongs è uno di quei romanzi che non avrà un commento lungo, perché non so dare una spiegazione approfondita al fatto che mi sia piaciuto. È uno di quei romanzi che ti piace o non ti piace, senza mezze misure. È un romanzo di quattro amici e delle strade che hanno intrapreso, uno scorcio di vita che potrebbe essere anche il nostro. Un romanzo "quotidiano", con un ritmo lento, per questo posso comprendere che questo genere non piaccia a tutti. A me invece con questi romanzi capita di sentirmi parte di qualcosa. Mi capita di sentirmi vicino a Lee, Ronny, Henry, Kip e Beth. È un romanzo introspettivo, che ci mostra scorci della loro giovinezza nel mentre che li conosciamo da adulti, quando la loro amicizia si è un po' allentata e alcuni segreti stridono più di altri. Una storia di amicizia e d'amore, di sbagli e di famiglia, con un retrogusto dolceamaro, oltre che malinconica.

    ha scritto il 

  • 2

    "Quelle settimane a casa mia furono tra le più felici della mia vita. Chloe che camminava scalza per casa in una delle mie camicie di flanella." E altre immagini originali della stessa serie.

    ha scritto il 

  • 4

    Non sono una grande appassionata di romanzi americani, però è capitato che io mi trovassi, durante la Grande Invasione di Ivrea 2015, all'incontro con l'autore Nickolas Butler. Che è una gran bel raga ...continua

    Non sono una grande appassionata di romanzi americani, però è capitato che io mi trovassi, durante la Grande Invasione di Ivrea 2015, all'incontro con l'autore Nickolas Butler. Che è una gran bel ragazzone bruno, con una barba autentica (altro che hipster), uno di quegli uomini che vengono in mente quando si pensa al Wisconsin, alle mandrie di mucche, a gente che lavora nei campi, che si trova la sera a bere una birretta nell'unico pub cittadino.
    Aveva una camicia rosa sotto una giacca blu, dei jeans e degli stivali: aveva due mani grosse come piatti da portata. E insomma, questo omone barbuto con l'aria da mandriano si siede, e con una delicatezza incredibile ha raccontato alla platea cosa ci fosse dentro e dietro Shotgun Lovesongs.
    E noi lì ad ascoltare rapiti. Perchè il fattore che rende questo romanzo diverso da altri romanzi di "uomini, grano e mucche" è la focalizzazione sul senso di appartenenza alla comunità e sui rapporti umani. Non sulla campagna, le gioie della vita agreste, l'aspirazione e il desiderio di fuga; non i pettegolezzi dei piccoli paesi. No, no. Shotgun lovesong racconta soprattutto dell'effetto che fa vivere e lavorare fra persone che condividono quasi totalmente il background: persone nate nello stesso ospedale, grazie alla stessa ostetrica, che hanno frequentato la stessa scuola, comprato il gelato nello stesso posto. Descritto così bene, non mi era mai capitato.
    Realistico, efficace e ricco di sfumature.

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per
Ordina per
Ordina per