Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Shroud for a Nightingale

By P. D. James

(5)

| Paperback | 9780571204052

Like Shroud for a Nightingale ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

The young women of Nightingale House are there to learn to nurse and comfort the suffering. But when one of the students plays patient in a demonstration of nursing skills, she is horribly, brutally killed. Another student dies equally mysteriousl Continue

The young women of Nightingale House are there to learn to nurse and comfort the suffering. But when one of the students plays patient in a demonstration of nursing skills, she is horribly, brutally killed. Another student dies equally mysteriously, and it is up to Adam Dalgliesh of Scotland Yard to unmask a killer who has decided to prescribe murder as the cure for all ills.

The New York Times called Shroud for a Nightingale "mystery at its best."

19 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Gialle - 01 set 13

    La signora del poliziesco d’intreccio non si smentisce. Era qualche anno che avevo lasciato da parte i suoi romanzi, per pigrizia o altro. Nella messe degli acquisti dello scorso anno, ha trovato posto anche questo. Ed un buon posto. Una trama linear ...(continue)

    La signora del poliziesco d’intreccio non si smentisce. Era qualche anno che avevo lasciato da parte i suoi romanzi, per pigrizia o altro. Nella messe degli acquisti dello scorso anno, ha trovato posto anche questo. Ed un buon posto. Una trama lineare ma efficace. Morti che si accumulano. E l’ispettore – poeta Adam Dalglish indaga. Tutto sul filo della parola. Un po’ d’azione ma laterale. Certo all’inizio è un po’ difficile entrare nella trama, data la difficoltà linguistica del titolo. In inglese, letteralmente, “Sudario per un usignolo” (o anche bara, o comunque qualcosa che ha a che fare con la morte). Ma l’autrice gioca sul doppio senso, perché Nightingale è anche l’infermiera per antonomasia, la famosa Florence fondatrice dell’assistenza infermieristica moderna. E qui c’è il romanzo, che le morti sono infermiere, e tutto si aggira intorno a questa tipologia di personaggi. L’azione si svolge in una scuola per infermiere, annessa ad un ospedale. E tutti i personaggi, morti e sospettati, sono infermiere. C’è il circolo delle “anziane” che gestisce ospedale e scuola, capeg-giata dalla severa capo-infermiera coadiuvata dalla sua fida capo-sala con cui da sempre fa “cop-pia”. E c’è il circolo delle giovani, le apprendiste, con i loro problemi di crescita (istruzione, inna-moramenti, dissapori, e tutto quanto ci può essere intorno a giovani che vivono a stretto contato). Dopo la prima, inspiegabile morte, sulla scena entra, in punta di piedi, il nostro ispettore. Non ci sono indizi palesi, ma il buon Adam è della vecchia scuola, quella aulica dei Maigret per intenderci. Cominciano così pagine e pagine di interrogatori e di susseguenti deduzioni. Come detto, l’azione è ridotta al minimo essenziale. È tutto un ragionare, costruire, poi buttare a mare e ricominciare di nuovo. Ed in questo Dalglish, per mano dell’anziana scrittrice, è un maestro. Ricostruisce passo dopo passo il primo e poi gli altri omicidi, collegandoli alla fine al lontano passato. Un passato che ancora è legato alle poco più che trentennali vicende precedenti di guerre e nazismi. Un libro ma-gistrale quindi, anche se, di natura essendo stato scritto quaranta anni fa, sicuramente datato, se non altro nelle tecniche mediche. Ma piacevole di lettura e di argomentazioni. Poi mi è simpatico l’ispettore, e quel suo essere anche poeta (citazione incrociata: nella libreria di un’infermiera della scuola c’è un suo libro di poesie). Che mi sollecita anche ad altri rimandi: anni dopo, un cinese laureato in letteratura ed emigrato in America (Qiu Xialong) scriverà di un poliziotto cinese che scrive poesie moderniste (e quando ne parlerò vedremo di capirne meglio). Ci saranno state “filia-zioni” trans-nazionali? Per finire un’ultima domanda cui non so dare risposta. La James, a pagina 177, per spiegare le inspiegabili morti, fa dire ad un personaggio una battuta che lei riferisce allo scrittore inglese G. K. Chesterton: “Quando non esistono spiegazioni possibili, allora l’improbabile di-venta verità”. A me non suona tanto perché mi rimanda maggiormente a quanto Conan Doyle mette in bocca al suo Sherlock Holmes: “Una volta eliminato l’impossibile, ciò che resta, per quanto improbabile, deve essere la verità”. Chi avrà ragione?
    “Aveva un terrore folle della vecchiaia, delle malattie incurabili e delle invalidità. Temeva la perdita dell’autosufficienza, le umiliazioni della tarda età, la rinuncia alla propria privacy, l’abominio del dolore fisico, gli sguardi di paziente compassione degli amici.” (158)
    “L’amore non era una prerogativa delle persone giovani e attraenti.” (210)

    Is this helpful?

    Giogio53 said on Aug 31, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Por fin lo he terminado! .... Creí que no se acababa nunca.
    La verdad es que hace muchos años que lo tengo y no me acordaba de nada de que iba y al reelerlo entiendo porque lo tenia abandonado.

    En una escuela de enfermeria se cometen dos presuntos a ...(continue)

    Por fin lo he terminado! .... Creí que no se acababa nunca.
    La verdad es que hace muchos años que lo tengo y no me acordaba de nada de que iba y al reelerlo entiendo porque lo tenia abandonado.

    En una escuela de enfermeria se cometen dos presuntos asesinatos ya que uno parece un accidente haciendo unos ejercicios de prácticas y el otro un suicidio. El detective Dalgliesh es el encargado de llevar la investigación y averiguar el porque de estos dos asesinatos.

    La novela es tediosa. Demasiados personajes, demasiadas relaciones entre si, que te llevan en un momento dado a no saber ni de quien estan hablando. La verdad en ocasiones no sabia ni de que iba ya el tema. Un final decepcionante, ya que el motivo de los asesinatos es muy rebuscado.

    No lo encuentro tan estupendo como lo ponen las críticas.

    Is this helpful?

    Maribel said on Feb 26, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    E' un giallo..

    Bisogna mettersi in testa che è un thriller e non un giallo, e per questo bisogna calarsi in un mondo particolare e leggerlo nel modo giusto, altrimenti ci si annoia e basta..

    Is this helpful?

    La Giaco said on Feb 22, 2012 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Un giallo leggero che fa compagnia quando la testa è molto piena d'altro.
    Vorrei dare 3.5 stellina ma non si può.

    Is this helpful?

    Fabiana Rossi said on Nov 7, 2011 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Quarta indagine dell'ispettore Dalgliesh.
    Durante un'ispezione alla scuola per infermiere di un ospedale di provincia, una delle studentesse muore, avvelenata mentre fa da paziente in un'esercitazione. Si pensa a uno scherzo finito in tragedia, ma qu ...(continue)

    Quarta indagine dell'ispettore Dalgliesh.
    Durante un'ispezione alla scuola per infermiere di un ospedale di provincia, una delle studentesse muore, avvelenata mentre fa da paziente in un'esercitazione. Si pensa a uno scherzo finito in tragedia, ma quando muore un'altra studentessa e si ipotizza il suicidio, Scotland Yard vuole vederci chiaro...

    È stato scritto nel 1971, ma sembra così antico... le infermiere che rimangono single a vita, le studentesse che devono vivere tutte assieme e che vengono ricoverate per un'influenza...

    Florence Nightingale: http://it.wikipedia.org/wiki/Florence_Nightingale

    Is this helpful?

    HermioneGinny said on Sep 20, 2011 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book