Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Si això és un home

Per

Editor: Edicions 62 (labutxaca)

4.5
(12995)

Language:Català | Number of Pàgines: 276 | Format: Mass Market Paperback | En altres llengües: (altres llengües) English , French , German , Italian , Spanish , Swedish , Dutch , Portuguese

Isbn-10: 8496863646 | Isbn-13: 9788496863644 | Data publicació:  | Edition 1

Translator: Francesc Miravitlles

També disponible com: Others , Paperback

Category: Biography , Fiction & Literature , History

Do you like Si això és un home ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Registra't gratis
Descripció del llibre
Primo Levi, supervivent dels camps d'extermini d'Auschwitz, va escriure aquesta obra, publicada l'any 1947, amb la intenció de llegar a la humanitat un material de primer ordre per a l'estudi de l'ànima i el comportament humans. Aquest llibre és, per tant, un testimoni colpidor de la vida i la supervivència a l'infern dels lager polonesos durant els últims anys de l'ocupació nazi; però també és, i sobretot, una anàlisi ponderada- en la mesura en què això és possible- de la dignitat i de l'abjecció en l'home enfrontat a l'extermini. Escrit amb una prosa vivíssima i gens afectada, la lectura de Si això és un home emociona al lector i alhora li permet de fondejar en les grandeses i les misèries de l'existència humana.
Sorting by
  • 4

    Meglio tardi che mai...

    Una visita all'ex campo di concentramento di Fossoli, dove era in corso una mostra dedicata a Primo Levi, mi ha spinto a rileggere questo libro dopo tanti anni dalla prima volta.
    Credo di averlo appre ...continua

    Una visita all'ex campo di concentramento di Fossoli, dove era in corso una mostra dedicata a Primo Levi, mi ha spinto a rileggere questo libro dopo tanti anni dalla prima volta.
    Credo di averlo apprezzato e capito veramente solo ora...

    dit a 

  • 5

    "I personaggi di queste pagine non sono uomini. La loro umanità è sepolta, o essi stessi l'hanno sepolta, sotto l'offesa subita o inflitta altrui"

    Aberrante,
    inumano,
    mostruoso,
    incivile,
    brutale,
    orrido...
    ...quanti aggettivi scorrono nella mente del lettore!
    Eppure legge avvolto in un morbido plaid e attinge dalla scatola dei cioccolatini assa ...continua

    Aberrante,
    inumano,
    mostruoso,
    incivile,
    brutale,
    orrido...
    ...quanti aggettivi scorrono nella mente del lettore!
    Eppure legge avvolto in un morbido plaid e attinge dalla scatola dei cioccolatini assaporando i privilegi ormai scontati.
    "E' successo e non succederà mai più!" si sorprende a pensare.
    Ma nello stesso momento sul pianeta terra corpi sono straziati e resi inumani.
    La storia ripete se stessa e il civile occidentale continua ad essere cieco e sordo permettendo che ciò accada.

    dit a 

  • 4

    Per non dimenticare

    Lettura obbligata che ben fa capire cosa provasse un essere umano sottoposto a tali oscene ed ingiuste sofferenze, ma che comunque cerca di non farsi spogliare mai completamente della sua dignità. ...continua

    Lettura obbligata che ben fa capire cosa provasse un essere umano sottoposto a tali oscene ed ingiuste sofferenze, ma che comunque cerca di non farsi spogliare mai completamente della sua dignità.

    dit a 

  • 5

    Se lo si legge con la acuta razionalità, la calma e l'onestà seria (ma non tragica) con le quali fu scritto, si gode ancora di più.

    dit a 

  • 5

    Un libro per non dimenticare. Una testimonianza forte, cruda e cruenta, così come è stato il genocidio di milioni di persone, non soltanto ebrei come si ricorda ogni anno nella Giornata della Memoria. ...continua

    Un libro per non dimenticare. Una testimonianza forte, cruda e cruenta, così come è stato il genocidio di milioni di persone, non soltanto ebrei come si ricorda ogni anno nella Giornata della Memoria. Un libro che tutti dovrebbero leggere, proprio per non dimenticare, affinchè non si ripeta tutto quello che è stato perpetrato a persone innocenti: il loro annientamento psicologico e fisico, nonché la morte sicura a cui essi sono stati crudelmente destinati.
    Questo libro presenta inoltre in appendice risposte dirette dell'autore a domande che gli sono state poste da alunni piuttosto che dai lettori stessi. Risposte sagge che riescono a far capire al lettore lo stato d'animo e il modo con cui Primo Levi ha affrontato questo orribile periodo della sua vita, nonostate poi il triste epilogo che questa ha avuto.

    dit a 

  • 4

    Molto meglio di quanto mi aspettassi

    Sapendo il tema del libro, sono partito con le prime pagine del libro aspettandomi un resoconto alla Shinder's List, tanto per intenderci.
    È stata, invece, una piacevole sorpresa scoprire che il roman ...continua

    Sapendo il tema del libro, sono partito con le prime pagine del libro aspettandomi un resoconto alla Shinder's List, tanto per intenderci.
    È stata, invece, una piacevole sorpresa scoprire che il romanzo si dipani attraverso le vicende della quotidianità della vita nel campo, spiegando, di rimbalzo, come vivessero gli internati, senza fare facile affidamento sulla pietà che deriva dal raccontare come i prigionieri fossero eliminati (quando e se non più utili).
    Sono preponderanti i rapporti umani e l'umanità, che viene inevitabilmente ad essere atterrata in tale contesto, costringendo gli uomini ad essere ladri o approfittatori, scatenando un istinto di sopravvivenza ed autoconservazione a discapito del prossimo, di cui gli individui stessi finiscono per sorprendersi, non riconoscendo la proprio natura, se confrontata con quella precedente alla deportazione.

    Una lettura piacevole, seppur con qualche errore grammaticale da parte dell'autore, conservato appositamente dall'editore, per certo.
    D'altronde, l'autore stesso, nell'appendice a cui risponde a domande frequenti postegli dagli studenti, precisa di non essere stato proprio una cima in italiano, ai tempi della sua frequentazione scolastica.

    dit a 

  • 5

    L'avevo letto da ragazzino. Rileggerlo mi ha provocato la stessa enorme emozione. Un libro che è un pugno nello stomaco dato con una compostezza e un'educazione, sì è la parola giusta, d'altri tempi. ...continua

    L'avevo letto da ragazzino. Rileggerlo mi ha provocato la stessa enorme emozione. Un libro che è un pugno nello stomaco dato con una compostezza e un'educazione, sì è la parola giusta, d'altri tempi. Quest'uomo, proprio attraverso il suo tono pacato, riesce a sottolineare in modo straordinario il suo essere appunto uomo, un individuo con una grande sensibilità umana, sbattuto sul fondo nel tentativo di cancellarlo. Un libro che dovrebbe essere in ogni classe delle nostre scuole.

    dit a 

Sorting by