Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Si això és un home

Per

Editor: Edicions 62 (labutxaca)

4.5
(13121)

Language:Català | Number of Pàgines: 276 | Format: Mass Market Paperback | En altres llengües: (altres llengües) English , French , German , Italian , Spanish , Swedish , Dutch , Portuguese

Isbn-10: 8496863646 | Isbn-13: 9788496863644 | Data publicació:  | Edition 1

Translator: Francesc Miravitlles

També disponible com: Others , Paperback

Category: Biography , Fiction & Literature , History

Do you like Si això és un home ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Registra't gratis
Descripció del llibre
Primo Levi, supervivent dels camps d'extermini d'Auschwitz, va escriure aquesta obra, publicada l'any 1947, amb la intenció de llegar a la humanitat un material de primer ordre per a l'estudi de l'ànima i el comportament humans. Aquest llibre és, per tant, un testimoni colpidor de la vida i la supervivència a l'infern dels lager polonesos durant els últims anys de l'ocupació nazi; però també és, i sobretot, una anàlisi ponderada- en la mesura en què això és possible- de la dignitat i de l'abjecció en l'home enfrontat a l'extermini. Escrit amb una prosa vivíssima i gens afectada, la lectura de Si això és un home emociona al lector i alhora li permet de fondejar en les grandeses i les misèries de l'existència humana.
Sorting by
  • 5

    È veramente difficile recensire "Se questo è un uomo". Quella di Primo Levi è una testimonianza sconvolgente ed agghiacciante, perché diretta, della vita nel campo di sterminio di Auschwitz. Lo stile ...continua

    È veramente difficile recensire "Se questo è un uomo". Quella di Primo Levi è una testimonianza sconvolgente ed agghiacciante, perché diretta, della vita nel campo di sterminio di Auschwitz. Lo stile narrativo è estremamente razionale, quasi freddo, lo scopo evidentemente non è quello di drammatizzare o sconvolgere il lettore, quanto piuttosto quello di raccontare le cose così come sono andate, perché nessuno possa dimenticare.
    Ma è davvero possibile ridurre un uomo ad un Haftling (pezzo) come venivano chiamati gli ebrei nel campo? È possibile mantenere la propria dignità di uomo in quelle condizioni? Alcuni come Levi ce l'hanno fatta e sono sopravvissuti, ma sono pochissimi fortunati.
    Un libro che chiunque dovrebbe leggere.

    Se vi va passate sulla mia pagina Facebook, possiamo scambiarci opinioni e consigli! www.facebook.com/quandounlibroticambialavita

    dit a 

  • 5

    "Mi pare superfluo aggiungere che nessuno dei fatti è inventato". Non si può raccontarlo, né spiegarlo...... Lo si deve leggere per capire.

    dit a 

  • 5

    non si può non leggerlo, anche nel 2015

    Mio nonno non ebbe mai il coraggio di raccontare ai familiari cosa accadeva in quei campi. E non era ebreo..

    Difficile immedesimarsi nelle vicende del protagonista, che sembrano ormai remote, ma il li ...continua

    Mio nonno non ebbe mai il coraggio di raccontare ai familiari cosa accadeva in quei campi. E non era ebreo..

    Difficile immedesimarsi nelle vicende del protagonista, che sembrano ormai remote, ma il libro scorre veloce, i dettagli non sono mai troppi e le riflessioni sempre interessanti e attuali. Non si può non l'effetto, anche nel 2015.

    dit a 

  • 5

    necessario

    un libro che fa crescere. Lo fanno leggere già alle medie, perchè è di facile approccio, certo. Ma i temi che tratta sono pesanti come il mondo intero,che a quella età devi ancora imparare a conoscere ...continua

    un libro che fa crescere. Lo fanno leggere già alle medie, perchè è di facile approccio, certo. Ma i temi che tratta sono pesanti come il mondo intero,che a quella età devi ancora imparare a conoscere.

    dit a 

  • 5

    ...Hundert Vierundsiebzig Fünf Hundert Siebzehn sono io, non c'è dubbio possibile.

    Quando si termina questo libro si ha solo tanta ma tanta fame, una fame di sogni, di obiettivi, di nuovi propositi, d ...continua

    ...Hundert Vierundsiebzig Fünf Hundert Siebzehn sono io, non c'è dubbio possibile.

    Quando si termina questo libro si ha solo tanta ma tanta fame, una fame di sogni, di obiettivi, di nuovi propositi, di desideri... Pian piano che si legge sembra che sprofondi giù in un fosso o che ruzzoli giù dalle scale, nonostante coscienti e lucidi ma in attesa che qualcuno ti fermi e ti salvi. Non esiste salvezza nella scrittura di Levi: veloce, rapida, circoncisa e lapidaria. Vicino alla memorialistica, ma ancora più vicino al diario terapeutico, al bisogno di sciogliere e ricordare eventi e dettagli della propria vita e persona per potersi sentire ancora umano. Non c'è ordine in quello che scrive Levi, la stessa cattura e deportazione viene più volte ripresa dall'autore come un evento latente e latitante nella sua memoria. A volte riaffiora pensando alla fame e a quei lussi che pensava permanenti. Durante la lettura si corre, si scappa e si cerca di non affogare in un oceano di distruzione. La stessa stesura è molto rapida e, per quanto piacevole, delle volte è tortuosa, determinando sempre più il lato memorialistico dell'opera. Non c'è finzione. Man mano che si scorrono le pagine si sente l'involuzione e la metamorfosi bestiale di Levi, unica al suo bisogno di sopravvivenza.

    Trai libri presenti nella mia libreria, subito penso a Fenoglio e Pavese. Anche loro scrivono dei romanzi memoriali ma c'è una grande differenza trai tre. In Fenoglio il suo tormento militare e la sua tortuosa esperienza partigiana spinge lo stesso scrittore a resettare più volte gli accaduti e a cambiarli o strutturarli diversamente per continuare a rinnovare il suo messaggio: "Da qualunque parte si combatteva, quasi un po' tutti non sapevano come vincere". In Pavese si rinnova sempre il messaggio della incapacità collettiva e individuale dei civili e politici, che diventano fantasmi anche a sé stessi perché non riescono a prendere mai grandi decisioni. Ma in Levi, il messaggio è tutt'altro. Lui dimostra che nel ricordo si esiste ma soprattutto che non esiste veramente alcun dio finché ci saranno tante voci che ricorderanno la bestialità umana. Non importa di che crimine all'umanità si stia parlando, basta solo ricordare per esistere. E' forse per questa ragione che leggendo si ha come la sensazione che tutt'oggi, nonostante il tempo e la morte, Levi stia ancora correndo, tirando avanti per sopravvivere e resistere.

    dit a 

  • 4

    Storia Agghiacciante!

    Ho letto questo libro per la tesina di maturità visto che era incentrata nel raccontare i fatti accaduti all'interno dei campi di concentramento... Primo Levi racconta cronologicamente la vicenda dei ...continua

    Ho letto questo libro per la tesina di maturità visto che era incentrata nel raccontare i fatti accaduti all'interno dei campi di concentramento... Primo Levi racconta cronologicamente la vicenda dei fatti dal suo arresto al giorno della liberazione (il 27 gennaio 1945 quando i sovietici entrarono nel lager!) soffermandosi sulla brutalità dei tedeschi e la forza di tutte le vittime... Ve lo straconsiglio!!!

    dit a 

Sorting by