Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Siamo solo amici

Di

Editore: A. Mondadori

3.4
(472)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 244 | Formato: eBook

Isbn-10: 8852017623 | Isbn-13: 9788852017629 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Copertina rigida , Altri

Genere: Fiction & Literature

Ti piace Siamo solo amici?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Giacomo è un portiere d'albergo veneziano. Rafael è un ex-portiere di calcio brasiliano. Sono entrambi a un appuntamento con il destino ma l'essere stati davanti a una porta è l'unica cosa che hanno in comune. Il primo, dopo cinque anni di attesa, sta per rivedere la donna della sua vita: una signora sposata il cui mantra è "non si bada a spese", eternamene in conflitto tra i precetti religiosi e quelli astrali. Il secondo insegue un'attrice di telenovela, in fuga dal personaggio che le ha rubato l'anima. In un incontro fortuito e surreale Giacomo e Rafael instaureranno un rapporto singolare a tratti equivoco, che li porterà a capire chi sono e cosa desiderano. A sparigliare i piani, in una storia squisitamente teatrale, ci si metteranno altre due donne: una prostituta d'alto bordo che pensa di assomigliare a Gesù, e una giovane cassiera ostaggio della famiglia meridionale e dei look di Lady Gaga. Sullo sfondo, oltre il via vai dei clienti dell'hotel, una Venezia tratteggiata come un acquerello, lontana dalle cartoline, in cui la gente parla ancora in dialetto, ha paura degli stranieri e non sa rinunciare a un prosecco prima di cena.
Ordina per
  • 4

    Lettura piacevole e scorrevole che mostra, come un calendoscopio, le mille sfaccettature dell' amore, ma che alla fine ti colpisce, lasciandoti un po' di amaro in bocca.

    ha scritto il 

  • 3

    Bianchini è innamorato delle persone, le descrive con cura e affetto, le rende reali, non si ha mai l'idea di avere di fronte un personaggio di carta. Le sue storie non sono intricatissime, ma appassionano, si svolgono con leggerezza e ti portano fino all'ultima pagina. Il finale è una doccia fre ...continua

    Bianchini è innamorato delle persone, le descrive con cura e affetto, le rende reali, non si ha mai l'idea di avere di fronte un personaggio di carta. Le sue storie non sono intricatissime, ma appassionano, si svolgono con leggerezza e ti portano fino all'ultima pagina. Il finale è una doccia fredda, è un romanzo piacevole scorre via senza impegno.

    ha scritto il 

  • 4

    Venezia e l'amore

    Comprato e letto, naturalmente, dopo aver letto le vicende di Polignano de “io che amo solo te” e “la cena di Natale”. Scritto prima di quelli, e vorrei dire che si vede: lo stile avrebbe, infatti, forse mezzo punto in meno, rispetto a quelli, e la trama scorre un po’ “piatta” per un terzo, o qua ...continua

    Comprato e letto, naturalmente, dopo aver letto le vicende di Polignano de “io che amo solo te” e “la cena di Natale”. Scritto prima di quelli, e vorrei dire che si vede: lo stile avrebbe, infatti, forse mezzo punto in meno, rispetto a quelli, e la trama scorre un po’ “piatta” per un terzo, o quasi metà del libro.
    Poi prende la rincorsa e tutto si snoda nella seconda metà.
    Certo, è difficile giudicare un libro se poi presenta un finale tanto “ingombrante” come quello di “siamo solo amici”, ed è maggiormente difficile riuscire a parlarne evitando gli spoiler! D’altronde, a posteriori viene da chiedersi “ok, ma quale finale alternativo si poteva prevedere?!” e la risposta è: nessuno che valesse la pena…
    Giacomo, Rafael, e poi Frida, Elena, l’ingegnere, Regina, la signora Silvana, l’architetto, Tamara, l’ombra onnipresente di Salvo... Luca Bianchini ce li mostra così, come sono, persone semplici, come noi, come li incontreremmo per strada... e chissà che magari non ci sia mai capitato di incontrarli davvero, senza accorgercene... ma in realtà loro sono solo comparse: perché il vero protagonista è l’amore in tutte le sue sfaccettature: l’amore venduto e comprato, l’amore tradito e vendicato, l’amore idealizzato, l’amore mai compreso o mai svelato, l’amore che non è amore, ma amicizia, o l’amicizia che non è amicizia ma amore, l’amore maturo, l’amore-sbandata, l’amore fraterno e protettivo.
    Un libro da leggere in poche ore, per sorridere, piangere, emozionarsi, affezionarsi ai protagonisti.

    ha scritto il 

  • 3

    Una storia un pò strana che inizialmente ho fatto fatica a seguire e per questo forse ho perso qualche "passaggio"!!
    Giacomo e Rafael sono due persone compleatamente diverse: hanno storie diverse e progetti diversi ma entrambi inseguono un sogno.
    Giacomo è un portiere d'albergo mentre ...continua

    Una storia un pò strana che inizialmente ho fatto fatica a seguire e per questo forse ho perso qualche "passaggio"!!
    Giacomo e Rafael sono due persone compleatamente diverse: hanno storie diverse e progetti diversi ma entrambi inseguono un sogno.
    Giacomo è un portiere d'albergo mentre Rafael è un ex portiere di calcio, il primo sta per rivedere quella che crede la donna della della sua vita, Rafael invece sta inseguendo un'attrice di telenovela. Da loro incontro nascerà un rapporto speciale che, con il tempo, si avvicinerà ad un'amicizia, insieme i due personaggi vivranno vicende a volte surreali ma riusciranno a conoscere un po' meglio se stessi.

    ha scritto il 

  • 3

    Siamo solo amici è la conferma dell’abilità di Bianchini di tratteggiare personaggi particolari in modo minuzioso ma mai noioso. Parte piano, con un incipit di tutto rispetto sull’importanza dei traslochi, con un protagonista, Giacomo, che viene svelato a poco a poco e ad un certo punto si conten ...continua

    Siamo solo amici è la conferma dell’abilità di Bianchini di tratteggiare personaggi particolari in modo minuzioso ma mai noioso. Parte piano, con un incipit di tutto rispetto sull’importanza dei traslochi, con un protagonista, Giacomo, che viene svelato a poco a poco e ad un certo punto si contende la scena con Rafael e le sue vicissitudini.
    Bella l’ambientazione nella Locanda, bella la Venezia che emerge dalla descrizione e che mi è venuta voglia di tornare a visitare.
    Il finale mi ha lasciata malissimo, una di quelle scelte narrative che ti fanno gridare “NO!!!” mentre leggi. Non il miglior Bianchini secondo me, ma decisamente la conferma del fatto che con la penna ci sa proprio fare!

    ha scritto il 

Ordina per