Siamo solo amici

Di

Editore: A. Mondadori

3.4
(546)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 244 | Formato: eBook

Isbn-10: 8852017623 | Isbn-13: 9788852017629 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Copertina rigida , Altri

Genere: Narrativa & Letteratura

Ti piace Siamo solo amici?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Giacomo è un portiere d'albergo veneziano. Rafael è un ex-portiere di calcio brasiliano. Sono entrambi a un appuntamento con il destino ma l'essere stati davanti a una porta è l'unica cosa che hanno in comune. Il primo, dopo cinque anni di attesa, sta per rivedere la donna della sua vita: una signora sposata il cui mantra è "non si bada a spese", eternamene in conflitto tra i precetti religiosi e quelli astrali. Il secondo insegue un'attrice di telenovela, in fuga dal personaggio che le ha rubato l'anima. In un incontro fortuito e surreale Giacomo e Rafael instaureranno un rapporto singolare a tratti equivoco, che li porterà a capire chi sono e cosa desiderano. A sparigliare i piani, in una storia squisitamente teatrale, ci si metteranno altre due donne: una prostituta d'alto bordo che pensa di assomigliare a Gesù, e una giovane cassiera ostaggio della famiglia meridionale e dei look di Lady Gaga. Sullo sfondo, oltre il via vai dei clienti dell'hotel, una Venezia tratteggiata come un acquerello, lontana dalle cartoline, in cui la gente parla ancora in dialetto, ha paura degli stranieri e non sa rinunciare a un prosecco prima di cena.
Ordina per
  • 4

    xe consigliato

    A Venezia in una elegante locanda s'incontrano le vite dei personaggi di questo romanzo.Giacomo il direttore, Raphael il portiere brasiliano, Elena la siura torinese, Frida la puta e la saggia signora ...continua

    A Venezia in una elegante locanda s'incontrano le vite dei personaggi di questo romanzo.Giacomo il direttore, Raphael il portiere brasiliano, Elena la siura torinese, Frida la puta e la saggia signora Silvana. Tutti i personaggi sono in cerca di una identità nonostante le loro vite lavorative/amorose siano già ben avviate...ma la soluzione non è alla portata di tutti e quando la scopri ti godi quell'attimo di felicità dato dalla consapevolezza che finalmente sai chi sei e cosa vuoi....purtroppo però, dura un istante

    ha scritto il 

  • 3

    Giacomo,48 anni vive a Venezia,precisamente in una stanza d'albergo,alla locanda dell'Abadessa,dove lavora da quindici anni come consierge.
    é una persona metodica,paranoica,guarda sempre le scarpe che ...continua

    Giacomo,48 anni vive a Venezia,precisamente in una stanza d'albergo,alla locanda dell'Abadessa,dove lavora da quindici anni come consierge.
    é una persona metodica,paranoica,guarda sempre le scarpe che indossano le persone per farsi un idea del loro carattere.
    Si dedica al lavoro con tutto se stesso,si concede solo un po di sesso con una prostituta al mercoledi e vive per lo più di rimpianti.Intrattiene una relazione epistolare con Elena,alla quale ha rubato un bacio anni prima,un singolo bacio che lo ha portato ad idealizzarla e poggiarla su un piedistallo.
    Elena è una signorotta Torinese benestante,sposata e con due figlie,"le pupe",tutta casa e chiesa si accontenta della sua vita perfetta solo all'apparenza.
    Raphael è un ex calciatore brasiliano,che ha perso la testa per un attrice di telenovelas,Frida invece è una prostituta,disillusa dalla vita.
    l'arrivo di Elena all'albergo,scappata da Torino dopo aver scoperto un tradimento del marrito darà il via ad un susseguirsi di episodi che provocherà cuori infranti,nuovi amori,ammissioni sulla propria sessualità,tradimenti e inganni,mentre le vicende dei personaggi si intrecceranno tra loro.
    Con un finale che è un vero e proprio pugno nello stomaco.
    Si tratta del secondo romanzo di questo autore che leggo e devo dire che questo l'ho apprezzato di più,è di facile lettura,appassionante e non banale.Non è il tipo di lettura che affronto di solito,ma nel complesso l'ho trovato godibile e piacevole,una bella lettura d'evasione ma che può fare anche riflettere,
    I personaggi sono molto caratterizzati ed è piacevole vedere come si sviluppa la trama del romanzo.
    Il finale è molto forte,inaspettato,me lo aspettavo banale e invece è decisamente una sorpresa.

    ha scritto il 

  • 2

    cercavo qualcosina di leggero e garbato, e Bianchini ci sa fare.
    In questo caso c'è più attenzione ai personaggi che alla trama, che sembra inventata via via fino al finale inaspettato da favola tris ...continua

    cercavo qualcosina di leggero e garbato, e Bianchini ci sa fare.
    In questo caso c'è più attenzione ai personaggi che alla trama, che sembra inventata via via fino al finale inaspettato da favola triste. Aveva paura Bianchini di essere troppo melenso? beh.. lo è stato lo stesso

    ha scritto il 

  • 3

    un romanzo a zig-zag

    Sostanzialmente mi è piaciuto...ma non troppo
    Scritto in maniera scorrevole e pieno di premure per i personaggi descritti; ma ho trovato un po' incostante la trama. Mi spiego meglio. La sensazione che ...continua

    Sostanzialmente mi è piaciuto...ma non troppo
    Scritto in maniera scorrevole e pieno di premure per i personaggi descritti; ma ho trovato un po' incostante la trama. Mi spiego meglio. La sensazione che ho avuto è che l'autore non sapesse nemmeno lui dove voleva andare a parare, cioè ha lasciato che la trama ed i personaggi prendessero vita autonomamente, a scapito della fluidità.
    Il finale poi lascia perplessi ed è senz'altro un pugno in un occhio.
    Comunque è stato una piacevole lettura, senza infamia e senza lode.

    ha scritto il 

Ordina per