Siddharta

Di

Editore: CDE

4.0
(22923)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 169 | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Spagnolo , Chi tradizionale , Portoghese , Tedesco , Francese , Galego , Olandese , Sloveno , Chi semplificata , Greco , Catalano , Svedese , Russo , Danese , Ceco , Rumeno , Esperanto

Isbn-10: A000014173 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Altri , Copertina morbida e spillati , Paperback , Tascabile economico

Genere: Narrativa & Letteratura , Filosofia , Religione & Spiritualità

Ti piace Siddharta?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Nell’India di un tempo sconosciuto crebbe Siddharta, figlio di un ricco Brahmino. Sin da piccolo aveva seguito diligentemente tutti gli insegnamenti del padre. Egli era sempre accompagnato dal suo fedele amico Govinda che lo ammirava moltissimo e che viveva sempre nella sua ombra. Quando Siddharta camminava per la strada, suscitava l’ammirazione delle persone, l’amore delle ragazze e l’orgoglio dei suoi genitori, felici di avere un figlio così studioso. Ma egli non si sentiva soddisfatto dalla sua dottrina, non trovava la felicità interiore, l’appagamento dell’anima e la liberazione dal dolore. Fu per questo che un giorno decise di andare a vivere con i Samana del bosco per apprendere la loro dottrina. Quindi partì accompagnato dal suo fedele compagno. Fu accolto dai Samana dai quali apprese in tre anni tutto ciò che potevano insegnargli.Un giorno però si accorse che avrebbe potuto imparare tutto ciò anche nella più sporca bettola del mondo. Proprio in quei giorni giunse la notizia che in città era arrivato il venerabilissimo Gotama, il Buddha, l’Illuminato e Siddharta decise di ascoltare questa nuova dottrina. Lasciarono così i Samana e giunsero al boschetto di Jetavana, dove ascoltarono la dottrina del Buddha alla quale aderì Govinda. Quindi si congedò da lui e dal suo amico che lo aveva abbandonato dopo tanti anni. Allontanandosi cominciò a riflettere sulla sua vita e capì che quello che aveva cercato di ottenere era sempre stato a portata di mano e che lui lo aveva sempre evitato, mentre tutto quello che cercava lo avrebbe trovato conoscendo meglio se stesso e imparando dal suo Io, dal quale aveva sempre cercato di liberarsi. Ora il mondo appariva più bello ai suoi occhi ed egli, con il tempo, imparava sempre di più. Si sentiva felice e quindi partì per la città alle cui porte incontrò una splendida donna trasportata su una portantina. Venne a sapere che si trattava di Kamala, una ricca cortigiana . E fu proprio quell’incontro a stravolgere la vita del giovane Brahmino Samana che diventò ricco lavorando per un facoltoso mercante di nome Kamaswami per potersi permettere gli incontri con la dolce Kamala, saziò la sua vita di piaceri terreni e materiali e perse la sua felicità interiore. Allora, resosi conto che aveva perso anche le capacità che aveva appreso durante la sua giovinezza. Quella sera, aveva deciso che si sarebbe suicidato gettandosi nel fiume, ma a un certo punto risentì quella voce dentro di sé che sussurrava il sacro Om. Quando si risvegliò dal lungo sonno di quella notte notò poi vicino a lui un monaco dalla tonaca gialla che si destò e che lui riconobbe essere il suo antico amico Govinda. Il monaco gli disse che aveva vegliato su di lui durante il sonno. Siddharta lo salutò e lo chiamò per nome e solo dopo Govinda lo riconobbe. Scambiarono quindi qualche parola come ai vecchi tempi, quindi si congedarono. Siddharta si sentiva di nuovo integro interiormente e ancora felice. Incontrò un barcaiolo al quale chiese di insegnargli l’arte di condurre una barca e di ascoltare, dato che l’uomo, che si chiamava Vasudeva, aveva ascoltato fino a tarda notte le vicende del suo ospite, stupendolo. I due uomini passarono molti anni insieme come fratelli, alternandosi i compiti e ascoltando il fiume che ogni volta insegnava loro qualcosa di nuovo. Un giorno arrivò alla capanna Vasudeva che portava in braccio una donna accompagnata da un bambino. Quella donna era Kamala che si era convertita alla dottrina del Buddha e il bambino era figlio di Siddharta. Kamala morì la notte stessa poiché era stata morsa da un serpente. Siddharta e Vasudeva tennero il ragazzino con loro, ma scappò in città. Invano il padre lo seguì, ma alla fine Vasudeva gli fece capire che il figlio stava seguendo le orme di quel ragazzino di nome Siddharta, che aveva abbandonato la sua vita per seguire la propria strada, e che ora si rendeva conto del gran dolore che aveva dato al padre quando lo lasciò. Un giorno Vasudeva comunicò al suo compagno che lo avrebbe lasciato e che sarebbe andato nel bosco. Poco dopo Siddharta rincontrò il suo amico Govinda che però nuovamente non lo riconobbe subito. Il monaco brillava di ammirazione per il suo amico che aveva veramente trovato la felicità, così gli chiese quale fosse il suo segreto. Allora Siddharta glielo svelò, avvertendolo però che ciò che diceva poteva sembrare qualcosa di insensato e bizzarro, e così apparirono le sue parole all’amico, che comunque continuava a pensare che la persona che gli stava innanzi fosse un santo e s’inchinò davanti a lui .
Ordina per
  • 4

    un classicone, certamente da leggere e forse da rileggere. l'essere un concept book sul buddhismo è il suo maggior pregio, ma anche il suo più grande limite, se nel frattempo non sei diventato buddhis ...continua

    un classicone, certamente da leggere e forse da rileggere. l'essere un concept book sul buddhismo è il suo maggior pregio, ma anche il suo più grande limite, se nel frattempo non sei diventato buddhista.

    ha scritto il 

  • 0

    L'India fà da sfondo a questo romanzo dalla forma asciutta e semplice ma carico di misticismo e filosofia, in cui Siddharta, personaggio che si distingue dalla massa per saggezza e profondità di pensi ...continua

    L'India fà da sfondo a questo romanzo dalla forma asciutta e semplice ma carico di misticismo e filosofia, in cui Siddharta, personaggio che si distingue dalla massa per saggezza e profondità di pensiero, riesce a decifrare il complicato meccanismo della Vita solo grazie alla profonda conoscenza di sé stesso.
    È un libro che amplifica la nostra sensibilità e suggerisce nuovi strumenti interpretativi al fine di comprendere meglio noi stessi e ciò che ci circonda, ma non codifica regole e concetti, anzi, invoglia all' Emancipazione, allo sperimentare, al non soffermarsi sull' unico lato della medaglia che consideriamo veritiero e "apparentemente" più consono al nostro Essere.

    ha scritto il 

  • 4

    Chi è senza maestro ne può avere molti

    Bellissimo questo romanzo filosofico di Hesse che esprime il suo modo di vedere la vita e il suo senso attraverso il personaggio di Siddharta, un uomo sicuro di se e di ciò che vuole, anche quando cap ...continua

    Bellissimo questo romanzo filosofico di Hesse che esprime il suo modo di vedere la vita e il suo senso attraverso il personaggio di Siddharta, un uomo sicuro di se e di ciò che vuole, anche quando capisce che la strada che ha intraperso nella vita non è veramente ciò che vuole, e cambia, adattandosi, verso la ricerca del proprio io perfetto e sublime.
    Non gli ho dato 5 stellette soltanto perchè preferisco le letture più corpose, e Siddharta non lo è, ma per il resto esprime pienamente ciò che penso della in generale della vita e quindi lo conisglio pienamente.

    "Tutti sono riconoscenti, mentre avrebbero essi stessi diritto a riconoscenza. Tutti sono sottomessi, tutti desiderano essere amici, desiderano obbedire e pensare meno che si può. Bambini son gli uomini."

    ha scritto il 

  • 5

    Lo considero un libro dalla scrittura leggera, comprensibile nell'esposizione dei contenuti.
    E' un viaggio con lo scopo la ricerca di se stessi, tramite la scoperta di filosofia di vita lontana, quant ...continua

    Lo considero un libro dalla scrittura leggera, comprensibile nell'esposizione dei contenuti.
    E' un viaggio con lo scopo la ricerca di se stessi, tramite la scoperta di filosofia di vita lontana, quanto irraggiungibile dal nostro modo di vivere e pensare stile consumistico.

    ha scritto il 

  • 4

    Un bel racconto di ricerca interiore. Dicono sia un libro giovanile ma francamente lo trovo molto più indicato per un età più matura, più cosciente, con più consapevolezza della vita. Un libro per chi ...continua

    Un bel racconto di ricerca interiore. Dicono sia un libro giovanile ma francamente lo trovo molto più indicato per un età più matura, più cosciente, con più consapevolezza della vita. Un libro per chi è alla ricerca del senso dell'esistenza, trascendentale e metaforico. Un pellegrinaggio alla ricerca del significato vero della vita.

    ha scritto il 

Ordina per