Siddharta

La biblioteca di Repubblica - Novecento, 3

Di

Editore: Gruppo Editoriale L'Espresso

4.0
(22921)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 126 | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Spagnolo , Chi tradizionale , Portoghese , Tedesco , Francese , Galego , Olandese , Sloveno , Chi semplificata , Greco , Catalano , Svedese , Russo , Danese , Ceco , Rumeno , Esperanto

Isbn-10: 8481304484 | Isbn-13: 9788481304480 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Altri , Copertina morbida e spillati , Paperback , Tascabile economico

Genere: Narrativa & Letteratura , Filosofia , Religione & Spiritualità

Ti piace Siddharta?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Quando uscì, nel 1922, Siddharta non aggiunse molto alla già solida fama di Hermann Hesse. Il successo mondiale del libro arrivò più tardi, sull'onda del premio Nobel che nel 1946 incoronò definitivamente il suo autore; e fu un successo decretato soprattutto dai giovani, che a poco a poco, generazione dopo generazione, fecero della figura di Siddharta una sorta di stemma dell'inquietudine adolescenziale, dell'ansia di una ricerca di sé assetata di miti e di maiuscole, di un decisivo quanto favoloso soprassalto d'orgoglio dell'individuo nei confronti del mondo e della storia, accomunati in un rifiuto senza appello.
Figlio di un brahmino in un'India remota e in fondo senza tempo, omonimo di quel Siddharta Gautama che si dirà Buddha, il protagonista del romanzo abbandona la casa paterna per sperimentare l'ascesi sapienziale che dovrebbe condurlo alla perfezione. Ma si accorge ben presto che per uscire dal proprio io, condizione necessaria per il compimento del cammino, deve prima conoscerlo a fondo, misurandolo col metro del mondo. Il distacco e l'acquisizione della vera sapienza giungeranno perciò proprio nel momento di massimo coinvolgimento di Siddharta nelle cose terrene, al massimo livello possibile di autocoscienza.
Considerato da Hesse un "poema", e precisamente un "poema indiano", il romanzo si impianta su un registro originalissimo, che fonde lirica ed epica, narrazione e meditazione, elevazione mistica e sensualità: una miscela perfettamente dosata, che non smette di affascinare e di far riflettere.
Ordina per
  • 4

    un classicone, certamente da leggere e forse da rileggere. l'essere un concept book sul buddhismo è il suo maggior pregio, ma anche il suo più grande limite, se nel frattempo non sei diventato buddhis ...continua

    un classicone, certamente da leggere e forse da rileggere. l'essere un concept book sul buddhismo è il suo maggior pregio, ma anche il suo più grande limite, se nel frattempo non sei diventato buddhista.

    ha scritto il 

  • 0

    L'India fà da sfondo a questo romanzo dalla forma asciutta e semplice ma carico di misticismo e filosofia, in cui Siddharta, personaggio che si distingue dalla massa per saggezza e profondità di pensi ...continua

    L'India fà da sfondo a questo romanzo dalla forma asciutta e semplice ma carico di misticismo e filosofia, in cui Siddharta, personaggio che si distingue dalla massa per saggezza e profondità di pensiero, riesce a decifrare il complicato meccanismo della Vita solo grazie alla profonda conoscenza di sé stesso.
    È un libro che amplifica la nostra sensibilità e suggerisce nuovi strumenti interpretativi al fine di comprendere meglio noi stessi e ciò che ci circonda, ma non codifica regole e concetti, anzi, invoglia all' Emancipazione, allo sperimentare, al non soffermarsi sull' unico lato della medaglia che consideriamo veritiero e "apparentemente" più consono al nostro Essere.

    ha scritto il 

  • 4

    Chi è senza maestro ne può avere molti

    Bellissimo questo romanzo filosofico di Hesse che esprime il suo modo di vedere la vita e il suo senso attraverso il personaggio di Siddharta, un uomo sicuro di se e di ciò che vuole, anche quando cap ...continua

    Bellissimo questo romanzo filosofico di Hesse che esprime il suo modo di vedere la vita e il suo senso attraverso il personaggio di Siddharta, un uomo sicuro di se e di ciò che vuole, anche quando capisce che la strada che ha intraperso nella vita non è veramente ciò che vuole, e cambia, adattandosi, verso la ricerca del proprio io perfetto e sublime.
    Non gli ho dato 5 stellette soltanto perchè preferisco le letture più corpose, e Siddharta non lo è, ma per il resto esprime pienamente ciò che penso della in generale della vita e quindi lo conisglio pienamente.

    "Tutti sono riconoscenti, mentre avrebbero essi stessi diritto a riconoscenza. Tutti sono sottomessi, tutti desiderano essere amici, desiderano obbedire e pensare meno che si può. Bambini son gli uomini."

    ha scritto il 

  • 5

    Lo considero un libro dalla scrittura leggera, comprensibile nell'esposizione dei contenuti.
    E' un viaggio con lo scopo la ricerca di se stessi, tramite la scoperta di filosofia di vita lontana, quant ...continua

    Lo considero un libro dalla scrittura leggera, comprensibile nell'esposizione dei contenuti.
    E' un viaggio con lo scopo la ricerca di se stessi, tramite la scoperta di filosofia di vita lontana, quanto irraggiungibile dal nostro modo di vivere e pensare stile consumistico.

    ha scritto il 

  • 4

    Un bel racconto di ricerca interiore. Dicono sia un libro giovanile ma francamente lo trovo molto più indicato per un età più matura, più cosciente, con più consapevolezza della vita. Un libro per chi ...continua

    Un bel racconto di ricerca interiore. Dicono sia un libro giovanile ma francamente lo trovo molto più indicato per un età più matura, più cosciente, con più consapevolezza della vita. Un libro per chi è alla ricerca del senso dell'esistenza, trascendentale e metaforico. Un pellegrinaggio alla ricerca del significato vero della vita.

    ha scritto il 

Ordina per