Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Signorina Cuorinfranti

By Nathanael West

(266)

| Paperback | 9788875213640

Like Signorina Cuorinfranti ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Ingiustamente sottovalutato in vita, il talento narrativo di Nathanael West ha ottenuto il meritato riconoscimento solo dopo la sua morte, avvenuta nel 1940 per un incidente d'auto, a trentasette anni. Oggi West è annoverato tra i grandi classici del Continue

Ingiustamente sottovalutato in vita, il talento narrativo di Nathanael West ha ottenuto il meritato riconoscimento solo dopo la sua morte, avvenuta nel 1940 per un incidente d'auto, a trentasette anni. Oggi West è annoverato tra i grandi classici del Novecento americano. La "Signorina Cuorinfranti" del titolo è la firma di una seguitissima rubrica di consigli ai lettori di un quotidiano newyorkese, dietro la quale si nasconde in realtà un uomo. Quello che era nato come il semplice scherzo di una redazione troppo cinica genera però una vicenda umana di grande sofferenza: intimamente coinvolto dai problemi dei suoi lettori, e frustrato nella propria incapacità di offrir loro un aiuto reale, il protagonista precipita in una spirale di autodistruzione, ricercando sollievo di volta in volta nel sesso, nell'alcol, nella religione. Ambientato nella New York della Grande Depressione, questa originalissima novella a episodi offre uno spaccato grottesco ma profondamente empatico di una società in lotta con le proprie disillusioni.

85 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Sarà anche considerato un classico, ma ammetto che io non ne avevo mai sentito parlare e che mi ha anche annoiato e non mi è piaciuto.

    Is this helpful?

    Maurisia said on Aug 31, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    "Signorina Cuorinfranti" di Nathanael West

    Protagonista di questo romanzo breve è la New York della Grande Depressione, contraddizione pulsante tra il benessere rappresentato dai grattacieli e la disperazione dei suoi abitanti.
    West visse quei difficilissimi anni '30 e se ne fece il cantore ...(continue)

    Protagonista di questo romanzo breve è la New York della Grande Depressione, contraddizione pulsante tra il benessere rappresentato dai grattacieli e la disperazione dei suoi abitanti.
    West visse quei difficilissimi anni '30 e se ne fece il cantore disincantato: asprezza, durezza, crudeltà sono i soli termini che secondo me si possono utilizzare per cercare di spiegare l'atmosfera che l'autore ricrea in "Signorina Cuorinfranti".
    La prosa asettica e lineare, con elementi gergali, fa rivivere figure realissime, personaggi troppo umani: non c'è spazio per illusioni e speranze.
    La Signorina Cuorinfranti gestisce una rubrica di posta del cuore su di un giornale: le lettere che riceve sono scritte da persone che depositano in esse le loro frustrazioni, la loro disperazione, la loro grossolanità, i loro desideri.
    Eppure non ispirano compassione, ma sono fastidiose e irritanti.
    West non lascia alcuno spiraglio: non c'è possibilità di riscatto per nessuno.
    Ovviamente, se consideriamo il periodo storico in qui fu pubblicato questo romanzo, possiamo facilmente intuire il motivo del suo tiepidissimo successo.
    In questo senso è un libro claustrofobico che spezza il cuore. [...]

    http://lanostralibreria.blogspot.it/2014/06/libro-signo…

    Is this helpful?

    Glò said on Jun 19, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    “Forse posso farti capire. Cominciamo dall’inizio. Un uomo è assunto per dare consigli ai lettori di un giornale. Il lavoro è una trovata redazionale e tutto lo staff lo ritiene uno scherzo. L’uomo accetta con entusiasmo il lavoro, perché gli permett ...(continue)

    “Forse posso farti capire. Cominciamo dall’inizio. Un uomo è assunto per dare consigli ai lettori di un giornale. Il lavoro è una trovata redazionale e tutto lo staff lo ritiene uno scherzo. L’uomo accetta con entusiasmo il lavoro, perché gli permette di curare una colonna di gossip, e comunque è stanco di fare il reporter. Anche lui pensa che il lavoro sia una burla, ma dopo diversi mesi questo aspetto della burla comincia a sfuggirgli. Egli vede che la maggior parte delle lettere sono suppliche che chiedono con un’umiltà assoluta un consiglio morale e spirituale – che sono espressioni inarticolate di una sofferenza autentica. Scopre anche che i corrispondenti lo prendono sul serio. E per la prima volta nella propria vita, è costretto a prendere in esame i valori con i quali vive. E questo esame dimostra che egli è la vittima dello scherzo e non il suo autore.”

    lettura terribile ma bellissima

    Is this helpful?

    Jane Austen said on Jun 17, 2014 | Add your feedback

  • 2 people find this helpful

    Non inganni il rosa confetto della busta in copertina, la tinta pastello della confezione, il titolo civettuolo: questo libro, dentro, è cianuro e napalm.

    La sedicente Miss Lonelyhearts, redattrice della posta del cuore di un quotidia ...(continue)

    Non inganni il rosa confetto della busta in copertina, la tinta pastello della confezione, il titolo civettuolo: questo libro, dentro, è cianuro e napalm.

    La sedicente Miss Lonelyhearts, redattrice della posta del cuore di un quotidiano, è in realtà il figlio di un pastore battista del New England che entra in piena crisi quando comprende che non esiste differenza tra lui e le sue sventurate lettrici (derise cinicamente da tutta la redazione) e che lui stesso è solo l’ennesima casalinga disperata che chiede inutilmente risposte e consolazione a Dio, ovvero la suprema Miss Lonelyhearts.

    Persa ogni capacità di aiutare se stesso ad uscire dal suo tunnel personale di disillusione, si ritrova impotente ad aiutare gli altri; così, per evitare di sostituire l’odio all’empatia, di infierire su quest’umanità dolente, indifesa e petulante, di finire metaforicamente queste bestie ferite fracassando loro il cranio con una pietra (come fa in sogno con un agnello sacrificale), si inventa un delirio mistico e messianico alimentato a whisky.

    Va detto che West è disperato ma non serio: l’umore nero, distribuito con estrema generosità, lo salva da ogni eccessiva asprezza, nonostante la scrittura mantenga sempre un’ombra di trasognata violenza. Il libro tuttavia, frammentario come una sequenza di quadretti espressionisti, è talmente breve ed involuto da lasciare più l’impressione di una carica inesplosa che quella di un'opera compiuta.

    Is this helpful?

    Calibano said on Jan 29, 2014 | 1 feedback

  • 1 person finds this helpful

    Trovato per errore in una vecchia biblioteca .lit, letto per curiosità.... non mi è piaciuto.
    la storia disfatta di un uomo depresso che tiene una rubrica di "posta del cuore" e riceve le peggio cose....
    Sempre ai limiti della coscienza per via dell' ...(continue)

    Trovato per errore in una vecchia biblioteca .lit, letto per curiosità.... non mi è piaciuto.
    la storia disfatta di un uomo depresso che tiene una rubrica di "posta del cuore" e riceve le peggio cose....
    Sempre ai limiti della coscienza per via dell'alcool non riesce ad essere lucido e si lascia vivere fino ad autodistruggersi per un equivoco.

    Is this helpful?

    Maretto61 said on Jan 8, 2014 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book