Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Skellig

By David Almond

(27)

| Paperback | 9780340716007

Like Skellig ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

When a move to a new house coincides with his baby sister's illness, Michael's world seems suddenly lonely and uncertain. Then, one Sunday afternoon, he stumbles into the old, ramshackle garage of his new home, and finds something magical. A strange Continue

When a move to a new house coincides with his baby sister's illness, Michael's world seems suddenly lonely and uncertain. Then, one Sunday afternoon, he stumbles into the old, ramshackle garage of his new home, and finds something magical. A strange creature - part owl, part angel, a being who needs Michael's help if he is to survive. With his new friend Mina, Michael nourishes Skellig back to health, while his baby sister languishes in the hospital. But Skellig is far more than he at first appears, and as he helps Michael breathe life into his tiny sister, Michael's world changes forever...

157 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Leggetelo.
    E fatelo leggere a chiunque abbia più di 10 anni.. (sono stata molto tentata con mio filgio di 8, appassionato lettore come la mamma.. ma mi devo trattenere, ne perderebbe qualcosa che fra un paio d'anni riuscirà a cogliere..)

    Is this helpful?

    chia said on Aug 21, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Che bel personaggio. Non volevo che diventasse fantastico il racconto, invece, senza farsene accorgere lasciava sulle strade scalcinate tutti i generi fagocitati.
    Chissà perchè Nadia me l'ha consigliato, ecco, il mistero del libro si sposa con questa ...(continue)

    Che bel personaggio. Non volevo che diventasse fantastico il racconto, invece, senza farsene accorgere lasciava sulle strade scalcinate tutti i generi fagocitati.
    Chissà perchè Nadia me l'ha consigliato, ecco, il mistero del libro si sposa con questa domanda e fa diventare quei personaggi, quei luoghi e Nadia come un unico fantastico motivo per continuare a leggere cose così.

    Is this helpful?

    Peppesta said on Jun 14, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Non è un bel periodo per Michael: nuova casa, nuova scuola, una nuova sorellina che nasce pericolosamente prematura, una tensione familiare insopportabile. Micheal si rifugia nel garage e tra gli scatoloni trova Skellig: un barbone davvero strano, ch ...(continue)

    Non è un bel periodo per Michael: nuova casa, nuova scuola, una nuova sorellina che nasce pericolosamente prematura, una tensione familiare insopportabile. Micheal si rifugia nel garage e tra gli scatoloni trova Skellig: un barbone davvero strano, che somiglia ad un gufo ma è simpatico. Micheal decide di occuparsi lui, gli porta il cinese, la birra e le aspirine che gli piacciono tanto. Colto dal dubbio che Skellig sia solo una sua allucinazione, Michael chiede alla sua amica Mina di aiutarlo con questo essere bizzarro, anche perché Mina è pure lei un po’ stramba, va matta per le poesie di William Blake, che di visioni se ne intendeva: insieme assistono Skellig che tona in forma e annuncia che presto se ne andrà. Intanto, la sorellina di Michael deve essere sottoposta ad un intervento delicatissimo… Almond scrive una storia di comprensione, sensibilità e compassione che ci arrivano attraverso la voce di Michael, la cui paura e frustrazione sono sì infantili ma mature, e che insegna che occuparsi degli altri fa bene soprattutto a noi stessi. Mary Poppins is back, per grandi e piccini!

    Is this helpful?

    Paola Rinaldi @pippipaoli said on Apr 24, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Altrettanto bello di Mina. Qui centrale è la trama, dalle svolte inaspettate. Il senso profondo è proprio di lasciarsi sempre sorprendere da quello che la vita ci riserva e trovarne il senso profondo positivo.
    Per tutti gli over 10.

    Is this helpful?

    cd61 said on Mar 13, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Skellig, una grande storia

    I genitori di Michel si trasferiscono in una nuova casa che il padre cerca di ristrutturare, ma non vuole riparare il garage perché è troppo vecchio. Nel frattempo la madre di Michel trascorre gran parte del suo tempo in ospedale con la figlia nata p ...(continue)

    I genitori di Michel si trasferiscono in una nuova casa che il padre cerca di ristrutturare, ma non vuole riparare il garage perché è troppo vecchio. Nel frattempo la madre di Michel trascorre gran parte del suo tempo in ospedale con la figlia nata prematura. Un giorno Michel, sentendosi trascurato, decide di entrare nel garage e qui trova una creatura umana: il suo nome è Skellig...

    Is this helpful?

    Stefanodinardo9 said on Feb 13, 2014 | Add your feedback

  • 2 people find this helpful

    Provo e riprovo a scrivere una recensione convincente su “Skellig”, ma sento che sto banalizzando il tutto.. Senza ombra di dubbio il mio consiglio spassionato è “Leggetelo! Non perdete questo piccolo gioiello!”
    Devo dire che le aspettative erano par ...(continue)

    Provo e riprovo a scrivere una recensione convincente su “Skellig”, ma sento che sto banalizzando il tutto.. Senza ombra di dubbio il mio consiglio spassionato è “Leggetelo! Non perdete questo piccolo gioiello!”
    Devo dire che le aspettative erano parecchio alte anche perché avevo letto recensioni entusiaste, altre sognanti e altre ancora estasiate.. E devo dire che non ho trovato ciò che mi aspettavo, ma non in senso negativo: la storia, lo svolgimento e anche l’impostazione del romanzo mi hanno stupito e meravigliato, non sono riuscita a mettere giù il libro, divorato in un pomeriggio :)
    A posteriori avrei voluto leggere il libro all’età giusta perché è un romanzo magico intriso di quella magia che solo un bambino può apprezzare a pieno; ci sono poi elementi un po’ “scomodi” che a 24 anni si notano (sì, lo so. Ho dei problemi a lasciar correre le cose ma tanto per dire una cavolata, a me l’angelo un po’ ha fatto impressione e disgusto O.O), mentre a dieci sono superflui o non creano disagio affatto!
    È un romanzo bellissimo e profondo perché sebbene la storia sembra procedere lentamente o non procedere affatto, ci sono tanti elementi di contorno che scaldano il cuore: è una storia di speranza e incrollabile fiducia, di generosità gratuita e di amicizia vera.. Insomma, tanti bei sentimenti, tante sensazioni positive che non vengono lasciati lì al caso o presentati in maniera analitica ma traspaiono dalle azioni e dalle parole dei protagonisti, pagina dopo pagina.
    Il libro racconta la storia di Michael (di età indefinita, o meglio: in teoria è piccino dal modo in cui pensa e agisce, ma a volte mi ha turbato per la sua maturità e il suo “essere più grande”.. A volte lo credevo alle elementari.. Altre me lo sono immaginato alle superiori, addirittura!), che con i suoi genitori e la sorellina malata si trasferisce in una nuova casa; è un po’ abbandonato a sé stesso perché la neonata (senza un nome.. Ecco, un’altra cosa che mi ha turbato parecchio!) è malata e i genitori non riescono a seguirlo come vorrebbero (ma ci provano e si vede tantissimo quanto adorino Michael.. Insomma, pur non potendo essere presenti, il loro affetto traspare da una parolina, un abbraccio, uno sguardo.. Dolcissimo, davvero!), così che si trova a girovagare nei dintorni della casa, essenzialmente una giungla.. Nel garage trova una creatura, a prima vista un uomo dall’alito fetido (sì. E’ la caratteristica che più mi è rimasta impressa ahah!), dai vestiti consunti, debolissimo e scontroso ai limiti dell’aggressività. Dove io me ne sarei andata a gambe levate (forse per il disgusto), Michael cerca di capire e aiutare quella strana creatura. Conosce poi Mina, la bambina che non va a scuola perché “la scuola inibisce la curiosità la creatività e l’intelligenza naturali dei bambini” il cui motto, ripreso da William Blake è “Un uccello, ch'è nato per la gioia, può mai cantare se lo chiudi in gabbia?” (Qui mi ha conquistato definitivamente.. Blake è super presente, una gioia musicale per i sensi!), con la quale dividerà il segreto dell’essere sconosciuto (che teme di vedere solo lui) dopo che ella le ha mostrato il suo luogo segreto.
    Insieme si prenderanno cura della creatura, dandogli da mangiare e da bere (cibo cinese e birra :D) e soprattutto, con una semplicità commovente, dandogli affetto.
    Mi è piaciuto moltissimo anche perché Skellig non ha paura di raccontare il male, le cose brutte o le “storture”.. Pur essendo un libro per bambini, non tutto è roseo e felice al suo interno, anzi! Tanti elementi rendono la fiaba un po’ dark, a tratti c’è un po’ di malinconia e tristezza.. Ma veniamo ripagati dalla quantità di speranza che il libro infonde.. Garantito!

    Is this helpful?

    Sery-amente said on Jan 2, 2014 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book

Groups with this in collection