Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Smiley's People

By John le Carré

(14)

| Paperback | 9780330262729

Like Smiley's People ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

From the author of THE HONOURABLE SCHOOLBOY, TINKER TAILOR SOLDIER SPY and THE SPY WHO CAME IN FROM THE COLD, a Cold War thriller in which George Smiley, chief of the British Secret Service, prepares to engage in his final battle with his Soviet coun Continue

From the author of THE HONOURABLE SCHOOLBOY, TINKER TAILOR SOLDIER SPY and THE SPY WHO CAME IN FROM THE COLD, a Cold War thriller in which George Smiley, chief of the British Secret Service, prepares to engage in his final battle with his Soviet counterpart.

11 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Della trilogia il migliore. Il documento di un'epoca che sembra lontanissima.

    Is this helpful?

    federicobandini said on Mar 11, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Un finale delizioso per la trilogia. Non ha il fascino della Talpa, ma è molto più godibile.

    Is this helpful?

    sassospicco said on Feb 1, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Bello. Per me il migliore della trilogia di Karla. Senz'altro il più avvincente dei tre, con uno splendido finale.

    Is this helpful?

    Federico said on Feb 13, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    讀勒卡雷的書 好似看一部黑白慢動作的電影 景物與人物的動作都有不同的氛圍
    尤其面對重大轉折點的時候 更是讓人屏息讀著緩慢流過的文字
    很享受這樣的閱讀經驗

    Is this helpful?

    就是愛讀書 said on Feb 1, 2013 | Add your feedback

  • 2 people find this helpful

    *** This comment contains spoilers! ***

    Una vittoria amara

    Mi sono lasciata totalmente assorbire dall'universo di questo libro; bisogna dire che l'ho letto nel momento giusto.
    La mia empatia e l' immedesimazione nel personaggio di George Smiley è stata quasi totale e tutto il romanzo è stato una lenta agoni ...(continue)

    Mi sono lasciata totalmente assorbire dall'universo di questo libro; bisogna dire che l'ho letto nel momento giusto.
    La mia empatia e l' immedesimazione nel personaggio di George Smiley è stata quasi totale e tutto il romanzo è stato una lenta agonia in attesa della liberazione, che però ha ben poco il sapore della rivincita e della vittoria.
    Questo non è un romanzo corale, George è quasi totalmente solo, non ha Peter Guillam ad aiutarlo (che compare solo nell'ultimissima parte): è un testa a testa con Karla, un ritorno nel passato, un continuo ricordare.
    La trama del romanzo è davvero molto lineare e facilmente seguibile (non si hanno i problemi presenti invece ne La talpa): inizialmente sono presentate varie situazioni che poi si appianano e confluiscono in una sola, tant'è vero che alla fine non dobbiamo più occuparci della Ostrakova, del Generale o di Otto Leipzing, ma solo di Smiley. Si tratta di una lunga, lenta e dolorosa discesa all'interno del personaggio, nel suo intimo. L'azione in questo romanzo è quasi totalmente assente e anche il grande nemico, la Nemesi di Smiley appare come non reale, Smiley combatte fino alla fine contro fantasmi, ombre; ci sono solo due omicidi a confermare che non si tratta di fantasia. La grande battaglia non è tra i buoni e i cattivi, ma all'interno dello stesso George Smiley: non rari sono i riferimenti ai fatti de La Talpa, a Bill Haydon, ai tradimenti di Ann. E, alla fine, quando Karla compare nell'ultima pagina, dimesso e piccolo, sconfitto per la sua unica debolezza, per il troppo amore, lo stesso Smiley capisce che non è poi troppo diverso da lui. Buoni e cattivi non sono termini assoluti, ma relativi. Karla è stato costretto ad arrendersi, ma al suo posto poteva esserci benissimo Smiley.
    Qual è stata la sua vittoria: consegnare un il SUO nemico agli uomini che non gli hanno mai creduto? Costringere un uomo a tradire i suoi ideali approfittando del suo affetto per la figlia?
    Sì, forse è stata una vittoria, ma di sicuro è stata amara.

    Is this helpful?

    Elisa said on Nov 12, 2012 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book

Groups with this in collection