Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Sol levante

Di

Editore: Garzanti

3.8
(997)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 348 | Formato: Altri | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Chi tradizionale , Spagnolo , Francese , Tedesco , Giapponese , Olandese , Portoghese , Polacco

Isbn-10: 8878181439 | Isbn-13: 9788878181434 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Copertina rigida , Paperback , eBook

Genere: Crime , Fiction & Literature , Mystery & Thrillers

Ti piace Sol levante?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Il titolo del libro è "Sol Levante" di Michael Crichton anche se non compare.
Ordina per
  • 5

    Profetico

    Il buon Crichton era forse al suo primo e ultimo libro politico. Un giallo avvincente e rapido, ma che racconta una storia in secondo piano. Crichton è mago nel lasciare qualcosa nell'animo anche dopo ...continua

    Il buon Crichton era forse al suo primo e ultimo libro politico. Un giallo avvincente e rapido, ma che racconta una storia in secondo piano. Crichton è mago nel lasciare qualcosa nell'animo anche dopo la lettura. Uno scrittore che insegna e anche stavolta ci parla di qualcosa che ci sfugge. Le corporazioni giapponesi e la stanca economia USA che volge al tramonto. Poi è arrivata la recessione anche per il Giappone e il romanzo sembra di colpo datato, ma provate a sostituire i giapponesi con i cinesi e vedrete che la magia continua e la profezia si avvera.

    ha scritto il 

  • 4

    Come tutti i libri di Crichton si legge di corsa. Ovviamente non siamo dalle parti dei capolavori della letteratura: non ci dicono niente di nuovo nella sulla natura umana ne sulle tecniche di scrittu ...continua

    Come tutti i libri di Crichton si legge di corsa. Ovviamente non siamo dalle parti dei capolavori della letteratura: non ci dicono niente di nuovo nella sulla natura umana ne sulle tecniche di scrittura o di narrazione del mondo sia fisico che mentale. Sono però libri che ci parlano di argomenti legati alla realtà del momento e ci danno l'opportunità di informarci su alcuni processi economici o sociali in corso di sviluppo nel mondo; tutto ciò vale anche per "Stato di paura" o "Punto critico". Insomma un libro divertente con alcuni spunti socio-economici che varrebbe la pena approfondire.

    ha scritto il 

  • 4

    Rileggerlo oggi con la lunga recessione giapponese sembra un po' anacronistico ma la lettura irsulta comunque avvincente. L'intreccio romanzesco è serrato e appassionante, le tesi sostenute forse disc ...continua

    Rileggerlo oggi con la lunga recessione giapponese sembra un po' anacronistico ma la lettura irsulta comunque avvincente. L'intreccio romanzesco è serrato e appassionante, le tesi sostenute forse discutibili ed estreme ma hanno l'indubbio vantaggio di far riflettere.

    ha scritto il 

  • 5

    "Un perfetto congegno narrativo che vi lascerà senza un attimo di respiro. The New York times book review" vero, anzi verissimo, "l'incantatore" mi ha nuovamente incantato con 1 dei suoi bellissimi li ...continua

    "Un perfetto congegno narrativo che vi lascerà senza un attimo di respiro. The New York times book review" vero, anzi verissimo, "l'incantatore" mi ha nuovamente incantato con 1 dei suoi bellissimi libri.
    E' vero che era geniale, geniale perchè scriveva e gli scrittori non muiono mai.

    La multinazionale giapponese Nakamoto organizza una festa per inaugurare il suo nuovo grattacielo a Los Angeles. Alla festa sono invitate importanti personalità del mondo della finanza e della politica, ma la festa viene turbata dal ritrovamento del cadavere di una donna sul tavolo del consiglio di amministrazione della società. I dirigenti temendo uno scandalo chiamano di nascosto la polizia e decidono di tenere nascosta la notizia lasciando che la festa continui. Il giovane agente di collegamento Peter Smith viene convocato sul luogo per aiutare la polizia nelle indagini, in questo viene assistito dall'anziano agente John Connor, molto esperto di cultura e tradizioni giapponesi. Arrivati sul luogo del delitto i due agenti cominciano ad indagare e si immergono in un mondo di corruzione, affari poco chiari e giri di prostitute che vedono coinvolti importanti personaggi politici. Tutto questo ha come sfondo un'importante vendita di una ditta americana al colosso giapponese. E qui Cricthon scrive del gioco politico giapponesse e americano , di come i 2 stati siano legati tra di loro e della guerra che si svolge tra le diverse società per arrivare al dominio l'una dell'altra.

    ha scritto il 

  • 0

    Romanzo interessante: tratta le relazioni Usa- Giappone dal punto di vista americano.
    Dal punto di vista economico e politico, l’autore denuncia la mollezza americana; dal punto di vista umano e cultu ...continua

    Romanzo interessante: tratta le relazioni Usa- Giappone dal punto di vista americano.
    Dal punto di vista economico e politico, l’autore denuncia la mollezza americana; dal punto di vista umano e culturale invita alla reciproca comprensione. Tre personaggi americani riflettono altrettanti atteggiamenti: chiuso e razzista, odio nato dalla paura di perdere il posto privilegiato di potenza di fronte al progresso di una nazione diversa; saggio e aperto, di una persona che conosce bene entrambe le culture; l’ultimo, quello indeciso e inesperto di un giovane che non capisce bene la situazione né il modo di fare giapponese, indignato da modi di fare di entrambe le parti, più spesso quella avversa, ma non completamente chiuso, sa ascoltare la persona esperta, insomma un uomo che con il maestro giusto arriva a buoni risultati.
    Michael Crichton non è Fosco Maraini, ma vuole comprendere. Si vede bene dal confronto con un romanzo che tratta temi simili in modo diverso, “Dragon” di Clive Cussler.
    Stesso periodo, si parla delle relazioni America- Giappone, comprese le questioni economiche e politiche: ma qui l’atteggiamento di tutti i personaggi, da ambo le parti, è solo il primo, perché l’autore stesso prova solamente questo. Due potenze arrogantemente convinte di dover essere il centro del mondo, l’idea di fondo è che gli Usa devono vincere, i giapponesi del libro o sono poveri innocenti, o soldatini, o odiosi pazzoidi che devono essere tutti uccisi in modo cruento affinché giustizia trionfi.
    È un atteggiamento che ignora la cultura vera, la profondità di pensiero, la comprensione, la riflessione, che non agisce per cercare il male ma è un modo superficiale di costruire a tutti i costi e ovunque il bene, senza interrogarsi su cosa sia veramente.
    È proprio per questo che libri diversi sono importanti. Se non ne leggi tanti, se non trovi quelli giusti, rimani intrappolato senza possibilità di capire come uscire.

    ha scritto il 

Ordina per