Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Rechercher Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Solea

By

Editeur: Gallimard

4.3
(1807)

Language:Français | Number of pages: 298 | Format: Paperback | En langues différentes: (langues différentes) Italian , English , German , Spanish , Dutch

Isbn-10: 2070417182 | Isbn-13: 9782070417186 | Publish date: 

Aussi disponible comme: Others

Category: Crime , Fiction & Literature , Mystery & Thrillers

Aimez-vous Solea ?
Devenez membre de aNobii, voyez si vos amis l'ont lu et découvrez des livres du mème genre!

Inscrivez-vous gratuitement
Description du livre
Sorting by
  • 4

    Ho acquistato Solea seguendo le indicazioni della più bella e affascinante nipponista che conosca e, come al solito, ho fatto bene. Il titolo - bello, bellissimo - è una citazione da Miles Davis, uno degli autori preferiti dal protagonista, il detective, ex poliziotto, Montale. Si tratta dell'ult ...continuer

    Ho acquistato Solea seguendo le indicazioni della più bella e affascinante nipponista che conosca e, come al solito, ho fatto bene. Il titolo - bello, bellissimo - è una citazione da Miles Davis, uno degli autori preferiti dal protagonista, il detective, ex poliziotto, Montale. Si tratta dell'ultimo atto di una trilogia noir di Izzo ambientata in una sensuale Marsiglia, di cui si percepiscono nettamente profumi e sapori, una città che trasuda di erotismo, di clandestinita, di border line culturale e morale. La narrazione è cinematografica, la tensione continua, il racconto di fantasia ben intrecciato coi fili della cronaca e di informazioni ben documentate prese dai giornali (Le Monde, innanzitutto) e dai report dell'Onu sulla criminalità internazionale.
    Non manca una certa cruenza ed è facile proiettarsi in Montale, antieroe, umano, troppo umano, dalla sbornia facile, la vita precaria, i gusti ben educati, a tratti sofisticati, ma non leziosi.
    Non vi racconto il contenuto perché vi rovinerei la sorpresa. Non vi nascondo che l'ho terminato in un amen, con nel naso il profumo della bouillabaisse e sul palato del buon rosé di Cassis e Bandol.
    Ho già preso un altro volume del trittico. Lo leggerò e vi dirò.
    A la santé.

    dit le 

  • 5

    Marsiglia città di luce...anche in un noir

    Un libro così o si ama o si odia ma non lascia indifferenti. Ti conquista ed è bellissimo perdersi in questo incantesimo che coinvolge tutti i tuoi sensi. La trama è quasi in secondo piano rispetto alla protagonista indiscussa, Marsiglia.

    dit le 

  • 5

    Non è la solita trilogia...

    Chi vuol leggere una trilogia consolante, che ti tenga per mano, che ti dica che l'amore vince su tutto, non deve leggere Izzo....La trilogia porta il lettore a scoprire il buoi dei sentimenti, la difficoltà di tenersi gli affetti e la vicinanza della morte...

    dit le 

  • *** Ce commentaire dévoile des détails importants de l\'intrigue ! ***

    4

    La trilogia si conclude con un massacro che non risparmia quasi nessuno. C'è una disperazione ancora superiore ai due capitoli precedenti. A posteriori, sembra quasi che Izzo avesse preventivato la sua (pur meno cruenta) morte.

    dit le 

  • 2

    Il lirismo nascosto nella cuccuma

    Avevo bisogno di Chandler per capire cosa non funziona (per me) di Izzo.
    Dopo The long goodbye (Il lungo addio) e The little sister (La sorellina), ho lasciato la California e ho letto il terzo capitolo della famosa trilogia marsigliese, dedicata al personaggio di Fabio Montale.
    Il qu ...continuer

    Avevo bisogno di Chandler per capire cosa non funziona (per me) di Izzo.
    Dopo The long goodbye (Il lungo addio) e The little sister (La sorellina), ho lasciato la California e ho letto il terzo capitolo della famosa trilogia marsigliese, dedicata al personaggio di Fabio Montale.
    Il quale Montale non ha un minimo di ironia.
    Trovatemi una frase in cui quest'uomo che prende tutto tremendamente, tragicamente sul serio, si fa la proverbiale risata. Mai.
    Aggiungo: a quest'uomo capitano solo tragedie, peraltro spesso onestamente inverosimili (tralascio di esprimermi sull'ingenuità dell'assunto di base della trama: magari la mafia fosse fatta di ammazzasette armati di coltello).
    Concludo: tutto quello che fa questo Montale deve assumere per forza un carattere esasperatamente lirico.
    Mette su il caffè, e per forza parte una tirata sul caffè che simboleggia non si sa che.
    Mette su una cassetta, e per forza si scatena un'epifania di ricordi, emozioni, sensazioni, mondi che si aprono, che si chiudono.
    Viene mollato dalla donna della sua vita e dopo due giorni ne rimorchia un'altra in un bar ed è anche quella la donna della sua vita. Non arriva il fine settimana che ne incontra una terza, non ci crederete, pure quella scatena tutta una tormenta.
    Non c'è niente da fare, a me la bouillabasse (qualunque cosa sia) resta sullo stomaco.
    Meglio un sandwich loffio e una birra al bar di sotto in Cahuenga Boulevard con Phil.

    PS: le disquisizioni di alta politica e criminologia di cui il romanzo è disseminato possono essere saltate a piè pari

    dit le 

  • 1

    Dopo le prime pagine uno pensa:
    "Insostenibile romanzetto per donnicciole in fregola estiva"
    tanti però me ne hanno parlato benissimo, indaghiamo quindi analizzando i dati certi:

    1 - Prezzo: se un giallo mondadori costa 2 euro e 99, un Harmony costa 3,20 e questa por ...continuer

    Dopo le prime pagine uno pensa:
    "Insostenibile romanzetto per donnicciole in fregola estiva"
    tanti però me ne hanno parlato benissimo, indaghiamo quindi analizzando i dati certi:

    1 - Prezzo: se un giallo mondadori costa 2 euro e 99, un Harmony costa 3,20 e questa porcheria costa 8 euro e 50 (scontato) chi lo legge appartiene allo strato più ricco della società, è un primo indizio.

    2 - Qualità: il libro è scritto con i piedi, la cosa non è giustificata dall'essere "narrativa di genere" (e comunque dopo Hammett questa non è più una scusa) quindi, se fior di lettori lo idolatrano dev'essere per quello che dice. Cosa c'è in questo libro che da tanta soddisfazione a un lettore benestante e mediamente acculturato?

    3 - Razzismo: l'autore, e il suo personaggio, non avranno mai conosciuto una vecchia vicina algerina che vota fronte nazionale e ti invita a casa sua per mangiare il couscous.
    Per lui i piednoir sono sempre quelli da salvare, da redimere, da "sottrarre alle strumentalizzazioni".
    Questa è una chiave del grande successo del libro; offre un modello di razzismo politically correct.
    Se il fascista discrimina il magrebino per quello che è, Izzo lo discrimina perché non si adegua al modello di riscatto che lo stato gli offre. La scuola, per diventare un poliziotto, giudice, o insegnante e magari lo sport dove nei casi peggiori si potrà riscattare facendosi riempire di pugni su un ring, nei casi migliori qualche miliardario socialista gli darà una maglia dell'OM, e potrà sognare di essere Zidane.

    4 - Politica: siamo proprio sicuri che tutta questa ostinazione a ripetere chi sono i cattivi non è il vecchio metodo di indicare per differenza (senza nominarli) chi sono i "buoni"? I marsigliesi che conosco sono troppo cazzuti per appassionarsi a queste miserie.

    5 - Mafia: qui cita studi serissimi e poi sovverte completamente le cose. Tralasciamo.
    La mafia comunque uccide solo col coltello...

    6 - Polizia: l'eroe è sempre un poliziotto. Se è un ex-poliziotto c'è sempre un poliziotto onesto ancora in servizio.

    7 - Donne: se tutte le donne si innamorano di lui, (e ha capito che grazie a dio alle donne belle piacciono gli uomini brutti) perché si comporta, ragiona e parla come un segaiolo?

    8 - Musica: Miles Davis descritto è un vero pezzo comico, davvero irresistibile.
    Se la gioca con Gian Maria Testa maitre a penser.

    9 - Alcol: qui il messaggio è chiaro. Bere fa bene; bevendo una ventina di bottiglie in tre giorni si conduce un'indagine, si seminano pedinatori, si va a piedi in cima a una montagna, e, se si va a trovare un'amico, se ne approfitta per fare venti minuti di boxe. Ma...
    Io il vecchio A., che beveva la metà di Montale, e sicuramente scopava il doppio, non vado a trovarlo: vive sempre a Marsiglia, ma ha cambiato casa, ora sta in una clinica, non riconosce più quasi nessuno, e persino qando vede sua madre la chiama signora. Ma...
    Ora ho capito: A. beveva whiskey, anzi, diceva uischí. Al suo sorriso non importava la marca bastava fosse buono. ecco il suo errore. Doveva bere Lagavulin. Quindi:
    Bere fa bene, ma solo prodotti del gruppo Pinault. L'autodistruzione si, ma griffata LVMH, parbleu!

    Vabbè, sto esagerando, bastava dire
    "Pastis e superficialità: a paragone di qust'accozzaglia di luoghi comuni politicamente corretti su Marsiglia, al commissario Montalbano dobrebbero dare il Nobel per la letteratura."
    e infatti l'avevo scritto, mi è rimasto qui in fondo alla pagina,
    ma...

    10 - Marsiglia: non si può perdonare a questo libro lo sfregio che fa allo spirito della città.
    Qualcuno (mi dicono) lo utilizza addirittura come guida turistica. Speriamo che qualcun altro si organizzi per rapinarlo.

    dit le 

Sorting by
Sorting by