Solo per fumatori

Di

Editore: La Nuova Frontiera

3.8
(22)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 162 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8883732340 | Isbn-13: 9788883732348 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Nicoletta Santoni

Ti piace Solo per fumatori?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
"Pur non essendo stato un fumatore precoce, da un certo punto in poi la mia storia si confonde con quella delle mie sigarette." Inizia così "Solo per fumatori", il racconto che dà il titolo alla raccolta. Dopo aver passato in rassegna le prime sigarette, il tabacco nero peruviano, il pacchetto perfetto delle Lucky Strike, le Gauloises e le Gitanes che gli tennero compagnia a Parigi, Ribeyro ricorda il momento più triste della sua vita da fumatore quando, ormai senza soldi, è costretto a vendere i suoi libri: baratta Balzac per un pacchetto di Lucky Strike, i poeti surrealisti per delle Players, Flaubert per una manciata di Gauloises. Con una prosa limpida e corrosiva queste otto brevi storie confermano Ribeyro come uno dei più grandi maestri dell'arte del racconto.
Ordina per
  • 4

    Ero indecisa tra le tre e le quattro stelline, per cui suppongo sia un 3 1/2. Nonostante questi racconti non mi abbiano del tutto convinta, sono comunque curiosa di leggere altri lavori di questo auto ...continua

    Ero indecisa tra le tre e le quattro stelline, per cui suppongo sia un 3 1/2. Nonostante questi racconti non mi abbiano del tutto convinta, sono comunque curiosa di leggere altri lavori di questo autore.

    ha scritto il 

  • 4

    Ribeyro racconta, nell'introduzione, la sua vita di fumatore e di come questo vizio, a tratti ossessivo, abbia più o meno incessamentemente condizionato i suoi giorni e le sue attività di letterato. P ...continua

    Ribeyro racconta, nell'introduzione, la sua vita di fumatore e di come questo vizio, a tratti ossessivo, abbia più o meno incessamentemente condizionato i suoi giorni e le sue attività di letterato. Poi prosegue con una mezza dozzina di racconti che a me pare parlino di un altro vizio, di un'altra dipendenza, che è quella dalla letteratura. E qui allora si parla di lettori e non di fumatori.
    Il penultimo racconto, quello ambientato a Capri, è magistrale e come atmosfere mi ricorda un po' Goffredo Parise e i suoi sillabari.

    #IBC16 2/50

    ha scritto il 

  • 3

    Negli otto racconti di Solo per fumatori non c'è nulla del variegato mondo umano dei Genietti: niente sicari, teppisti, puttane, burocrati, professori, illusioni frustrate, ubriaconi, proprietari terr ...continua

    Negli otto racconti di Solo per fumatori non c'è nulla del variegato mondo umano dei Genietti: niente sicari, teppisti, puttane, burocrati, professori, illusioni frustrate, ubriaconi, proprietari terrieri, finti rivoluzionari, vagabondi, falliti, ciarlatani. Inoltre, tranne in due o tre casi (l'albergo di Chosica in Assente a tempo indeterminato, le stradine di Capri in Nuit caprese, gli spazi costieri e il deserto ne La casa al mare), i racconti non hanno quasi nessuna scenografia: un salotto, un aranceto, una panchina al parco bastano a esaurire le necessità del contesto. Un minimalismo scenico che consente a Ribeyro di lasciare quasi tutto il campo ai personaggi, dando modo alle specifiche pulsioni di ognuno di liberarsi con un'assolutezza che nei Genietti subiva influssi e distorsioni del rumore di fondo della grande città. Pulsioni che poi erano anche le sue: non per niente Ribeyro definiva i suoi racconti "espejo de mi vida", specchio della mia vita.

    Il risultato è un Ribeyro allo stadio quasi puro. Il che fa dei racconti (questi otto e le altre decine ancora inedite in Italia) l'inevitabile anello intermedio tra la la forma estesa del romanzo, che concedeva a Ribeyro uno spazio maggiore per sviluppare temi e istanze narrative vincolandolo però a più complesse esigenze di struttura che non riuscì mai a sentire a sé congeniali, e la scrittura frammentaria e occasionale dei diari e degli aforismi (La tentación del fracaso, i Dichos de Luder, le Prosas apátridas), l'altra grande sezione dell'opera ribeyriana, nonché quella che Ribeyro considerò sempre la più autentica espressione di sé.

    Continua qui: http://www.criticaletteraria.org/2015/05/ribeyriana-2-solo-per-fumatori-poco.html

    ha scritto il 

  • 3

    DUE STELLE E MEZZA

    Uno stile asciutto, lineare, senza sbavature ma anche senza troppi picchi.
    Storie anch’esse piuttosto semplici, trame che si allungano nella naturalezza del tempo, sulla consequenzi ...continua

    DUE STELLE E MEZZA

    Uno stile asciutto, lineare, senza sbavature ma anche senza troppi picchi.
    Storie anch’esse piuttosto semplici, trame che si allungano nella naturalezza del tempo, sulla consequenzialità degli eventi.
    La raccolta si apre e si chiude con i due racconti migliori: “Solo per fumatori” (l’unico veramente e interamente incentrato sul vizio del tabagista) e “La casa al mare”. Degni di segnalazione anche “Tè letterario” e “Nuit caprese cirius illuminata”, gli altri invece, seppur scritti tutt'altro che male, scivolano via senza lasciare un gran segno.

    http://www.subliminalpop.com/?p=8483

    ha scritto il 

  • 5

    (Non) Solo per fumatori

    Un titolo ingannevole che cela otto racconti spettacolari, dei quali uno solo è propriamente (di titolo e di fatto) "Solo per fumatori". La recensione che ne ha dato "La Stampa" è sufficientemente uni ...continua

    Un titolo ingannevole che cela otto racconti spettacolari, dei quali uno solo è propriamente (di titolo e di fatto) "Solo per fumatori". La recensione che ne ha dato "La Stampa" è sufficientemente universale per poter comprendere di che libro si tratta:
    "Ribeyro è un maestro ineguagliato nell'arte del racconto".

    ha scritto il 

  • 3

    Solo per raffinati amanti del racconto. Gli otto che compongono questa raccolta dello scrittore peruviano sono quasi tutti animati dal più classico dei moventi: il protagonista ha un desiderio che cer ...continua

    Solo per raffinati amanti del racconto. Gli otto che compongono questa raccolta dello scrittore peruviano sono quasi tutti animati dal più classico dei moventi: il protagonista ha un desiderio che cerca di realizzare. Spesso non ci riesce, nonostante questo non stiamo per leggere storie di perdenti. C'è di fondo una malinconia positiva carica di sana accettazione per quelli che sono i limiti della vita di un uomo, dello spazio e del tempo che gli sono concessi, della volatilità delle occasioni, limiti che non pregiudicano e non rendono vana la tendenza al sogno nè l'importanza effettiva che questa ha nella realtà, perchè in fondo concorre a determinarla e anche nel
    fallimento qualcosa di essenziale si è realizzato. Racconti che spesso sono allegorie di una morale o di un consiglio dispensato con saggezza e serenità.
    Con una scrittura affatto complicata, lineare, Ribeyro racconta ciò che vuole raccontare senza ambiguità, accompagna il lettore per strade che si lasciano camminare, lontano da certe indeterminatezze e fantasie inquiete tanto ricorrenti nella letteratura sudamericana, dosate quanto basta. Fa eccezione lo sconclusionato dialogo di "Conversazione al parco" che si presta a più di una interpretazione. Quanto al male, è il racconto a tinte gialle "La soluzione" l'unico in cui fa capolino.
    Peccato che la materia universale che Ribeyro maneggia abilmente non riguarda il popolo e le sue tribolazioni - il rifiuto di una condizione che non si è scelta - bensì un mondo un po' snob in cui il dolore è un accessorio che dà un tocco di eleganza in più.

    "In realtà erano molte le donne che lo colpivano durante le sue aranciate mattutine, per la loro eleganza, la loro bellezza o la loro sensualità, ma si limitava a registrarne il passaggio per immergersi nuovamente nella sua lettura. Stavolta, però, questa donna gli fece battere forte il cuore".

    ha scritto il 

  • 4

    Notevole raccolta di racconti, Ribeyro luccica per la narrazione, lo spiccato senso umano e certe invenzioni che avvalorano e affermano la sua grandezza di scrittore, avvicinandolo al cuore del lettor ...continua

    Notevole raccolta di racconti, Ribeyro luccica per la narrazione, lo spiccato senso umano e certe invenzioni che avvalorano e affermano la sua grandezza di scrittore, avvicinandolo al cuore del lettore.

    ha scritto il 

  • 4

    Grande ritmo ed ironia sono caratteristiche della sua scrittura. Un paio di racconti, quello che dà il titolo alla raccolta ed uno su Capri, sono veramente notevoli. Da leggere, per provare qualcosa d ...continua

    Grande ritmo ed ironia sono caratteristiche della sua scrittura. Un paio di racconti, quello che dà il titolo alla raccolta ed uno su Capri, sono veramente notevoli. Da leggere, per provare qualcosa di nuovo. Dal Perù.

    ha scritto il 

  • 3

    bellissimo il racconto che dà il titolo alla raccolta, molto divertenti "tè letterario" e "la casa al mare". il migliore per me rimane "nuit caprese cirius illuminata"- struggente.

    ha scritto il 

Ordina per