Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Someday This Pain Will Be Useful to You

By Peter Cameron

(101)

| Hardcover | 9780374309893

Like Someday This Pain Will Be Useful to You ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

It’s time for eighteen-year-old James Sveck to begin his freshman year at Brown. Instead, he’s surfing the real estate listings, searching for a sanctuary—a nice farmhouse in Kansas, perhaps. Although James lives in twenty Continue

It’s time for eighteen-year-old James Sveck to begin his freshman year at Brown. Instead, he’s surfing the real estate listings, searching for a sanctuary—a nice farmhouse in Kansas, perhaps. Although James lives in twenty-first-century Manhattan, he’s more at home in the faraway worlds of Eric Rohmer or Anthony Trollope—or his favorite writer, the obscure and tragic Denton Welch. James’s sense of dislocation is exacerbated by his willfully self-absorbed parents, a disdainful sister, his Teutonically cryptic shrink, and an increasingly vague, D-list celebrity grandmother. Compounding matters is James’s growing infatuation with a handsome male colleague at the art gallery his mother owns, where James supposedly works at his summer job but where he actually plots his escape to the prairie.

In the tradition of The Catcher in the Rye and The Perks of Being a Wallflower (Booklist has hailed Cameron as “one of the best writers about middle-class youth since Salinger”), Peter Cameron paints an indelible portrait of a teenage hero holding out for a better grownup world.

1127 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Lo stile è accettabile, la storia non è un granchè e il protagonista, il più delle volte, è talmente insolente e arrogante che ti viene voglia di smettere di leggere.

    Is this helpful?

    Domenico Marshall Laccone said on Sep 15, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Mi stanno particolarmente simpatici i disadattati alla James Sveck. Ma credo che Cameron avrebbe potuto/dovuto osare di più. Alla fine sono rimasta con un leggerissimo amaro in bocca.

    Is this helpful?

    la zia bea said on Sep 7, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Il romanzo non è eccezionale, ma l'ho trovato avvincente. Il mio palato selettivo e sopraffino, è riuscito a gustarlo e a trovarlo piacevole.
    L'ho trovato scritto (e tradotto) molto bene e forse lo stile dell'autore è quanto mi ha conquistato di più ...(continue)

    Il romanzo non è eccezionale, ma l'ho trovato avvincente. Il mio palato selettivo e sopraffino, è riuscito a gustarlo e a trovarlo piacevole.
    L'ho trovato scritto (e tradotto) molto bene e forse lo stile dell'autore è quanto mi ha conquistato di più.

    Is this helpful?

    Amica Immaginaria said on Sep 4, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Mi sono convinta a dargli una possibilità dopo aver letto la postfazione di Cameron a Stoner.
    E ho fatto bene. Molto bene.
    Piccolo e moderno romanzo di formazione.

    Is this helpful?

    Babdelicious said on Sep 3, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Credo che la scoperta inquietante di questo libro sia stata che James, il protagonista, venga definito "disturbato". Prima che il problema sia esplicitato dai genitori, preoccupati perché non ha amici e "non è felice", la mia identificazione con lui ...(continue)

    Credo che la scoperta inquietante di questo libro sia stata che James, il protagonista, venga definito "disturbato". Prima che il problema sia esplicitato dai genitori, preoccupati perché non ha amici e "non è felice", la mia identificazione con lui era così percentualmente rilevante che non me n'ero accorta. Non che io abbia problemi a relazionarmi (per quanto venga affettuosamente definita sociopatica dalle mie colleghe - insomma, solo perché metto la borsa nella sedia accanto in modo che nessuno che non conosca possa sedersi accanto a me durante la lezione) ma alcuni passaggi mi hanno steso. Come quello sul linguaggio. O come il crollo delle sicurezze davanti a una svolta - quella di James è l'università.
    Ad ogni modo, il libro è scorrevole e offre alcuni spunti di riflessione, ma non lo ritengo paragonabile al Giovane Holden, sebbene sia un buon libro di formazione. La prosa è diretta, volutamente incartata nei pensieri logorroici di James - che contribuiscono a creare un personaggio fortemente reale. Di solito capisco se un libro è "rimasto" quando mi capita di pensarci a settimane, mesi o addirittura anni di distanza. Ho l'impressione che con questo sarà così, e magari mi pentirò delle sole tre stelle

    Is this helpful?

    Malitia said on Aug 27, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    La mia recensione di questo libro la trovate sul mio blog: http://ali3385.blogspot.it

    Is this helpful?

    Ali said on Aug 27, 2014 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book