Sonata a Kreutzer

By

Publisher: Letras Universales

3.9
(3396)

Language: Español | Number of Pages: 165 | Format: Mass Market Paperback | In other languages: (other languages) English , Chi traditional , German , Italian , Dutch , French , Turkish , Catalan , Portuguese , Russian , Japanese , Chi simplified

Isbn-10: 9871290039 | Isbn-13: 9789871290031 | Publish date:  | Edition 1

Also available as: Paperback , Others , Hardcover

Category: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Philosophy

Do you like Sonata a Kreutzer ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Escrita a lo largo de 1889, en una época dominada por una crisis ética y personal, así como por la revisión de diversos principios morales, LEÓN TOLSTOI (1828-1910) quiso reafirmar en LA SONATA A KREUTZER los valores del espíritu frente al precipitado fluir de las pasiones y los sentidos. La narración que hace el consejero Pozdnyshev de su relación conyugal, basada en el imperio de los mismos, y que culmina con el adulterio y el crimen, es la historia de una degradación provocada por una sociedad enferma. En muchos aspectos trasunto novelado de su relación con su esposa, Sofía Andreievna, así como de episodios reales, la «Sonata», obra en la que se revela la influencia del naturalismo, es un minucioso y despiadado análisis de una relación matrimonial común en la sociedad en la que los protagonistas se mueven, realizado a través de la visión crítica y dolorida de un espíritu atormentado por la mediocridad y fragilidad de la naturaleza humana.
Sorting by
  • 4

    Un viaggio in treno, si sa, può dare l’occasione di scambiare qualche parola con sconosciuti e casuali compagni di viaggio. Accade a volte, poi, che si accendano discussioni se l’argomento è di quelli ...continue

    Un viaggio in treno, si sa, può dare l’occasione di scambiare qualche parola con sconosciuti e casuali compagni di viaggio. Accade a volte, poi, che si accendano discussioni se l’argomento è di quelli che animano e stuzzicano lo scontro di opinioni.
    « (…)come si fa a vivere con una persona quando non c’è l’amore? »
    Amore e matrimonio sono oggetto di diverbio tra una donna ed un vecchio mercante e quando lei perentoria sentenzierà: «solo l’amore consacra il matrimonio e che un matrimonio è vero soltanto se consacra l’amore.» un agitato passeggero si opporrà dichiarando che la realtà è ben altra.
    Rimasto solo con un altro compagno di viaggio- e voce narrante- l’irrequieto signore si presenta e raccontando la sua storia esordisce dicendo:
    ” Sono Pozdnyšev, uno a cui è successo l’episodio critico a cui alludevate, infatti ho ucciso mia moglie…”
    Inizia così il racconto che prende il ritmo della corsa accelerata del treno.
    Pozdnyšev espone le sue opinioni frutto della sua esperienza.
    L’amore ne esce come artefatto: un costrutto sociale vero e proprio.
    Null’altro che l’infimo tranello in cui l’uomo può cadere.
    Tolstoj dimostra in questo racconto il suo grande talento che emoziona per quel dono di sapere tradurre in parole le immagini di un profondo sconvolgimento psichico.
    L’evidente intento che strumentalizza la letteratura per sostenere un messaggio non è cosa né nuova né sbagliata. Qui, tuttavia, Tolstoj offre una dichiarazione di quel radicalismo ascetico a cui giunse dopo la sua famigerata crisi spirituale.
    Segue una postfazione che l’autore dovette pubblicare a seguito delle numerose proteste che seguirono la prima pubblicazione. In queste pagine argomenta cercando di dare logicità a un’interpretazione dei rapporti umani che, in realtà, soffre dell’irragionevolezza propria di ogni estremismo mistico.
    “La sonata a Kreutzer” di Beethoven è un’opera che va ascoltata e meritevole è anche l’uso metaforico che Tolstoj ne fa.
    Il racconto è stato per me doppiamente inquietante per l’evolversi di una psicosi che sfocia nel dramma e per il risvolto autobiografico che esprime una concezione del sesso, delle donne, dell’amore e dell’esistenza tutta con toni di puro delirio.

    said on 

  • 3

    Il divario che separa il Tolstoj di Guerra e pace e Anna Karenina da questo Tolstoj è immenso, ed è una premessa necessaria da fare.
    Romanzo breve (o racconto lungo) rabbioso, drammaticamente attuale ...continue

    Il divario che separa il Tolstoj di Guerra e pace e Anna Karenina da questo Tolstoj è immenso, ed è una premessa necessaria da fare.
    Romanzo breve (o racconto lungo) rabbioso, drammaticamente attuale. Avvincente, sotto certi aspetti. Moraleggiante, e questo è a mio avviso l'unico limite.

    said on 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    3

    Un testo interessante, questo di Tolstoj, che pone l’accento sull’eterna diatriba uomo/donna in cui, ovviamente, l’uomo riveste il ruolo di cacciatore che sfodera tutte le sue armi per conquistare ma ...continue

    Un testo interessante, questo di Tolstoj, che pone l’accento sull’eterna diatriba uomo/donna in cui, ovviamente, l’uomo riveste il ruolo di cacciatore che sfodera tutte le sue armi per conquistare ma anche per condannare quella donna che, come preda, si è servita della sua arte di conquistatrice attirando a sé colui che, in seguito, non riconoscerà più indispensabile.
    A questo punto non resta che una domanda/riflessione quanto mai retorica: ma è possibile che nel corso dei millenni uomini e donne si siano dati e si stiano dando una caccia spietata senza fermarsi un po’ a considerare che cacciatori e prede si può esserlo, in partenza, solo entro certi limiti, mentre lo si può diventare al di là di ostacoli/premi o di azioni/reazioni che governano il mondo di cui uomini e donne sono parte integrante?
    Senza prendere le parti di nessuno dei due ‘contendenti’ si percepisce, attraverso il racconto di un viaggiatore logorroico, che intrattiene alcuni compagni di viaggio con notizie relative alla sua vita di coppia, un forte e totale ‘egoismo’ nel ‘rapporto affettivo’ coniugale, una forma di convivenza fin troppo collaudata da parte di entrambi, altro che confusione e/o inganno, per dirla con le sue parole: “È incredibile che totale illusione sia il ritenere che il bello sia il bene”, quando la realtà viene vista e interpretata con gli occhi della “volgarità” e della “depravazione”, come egli ama ripetere.
    Un punto significativo e rilevante è la definizione che egli fa della donna trattata come “oggetto del desiderio...strumento di piacere”, condizione che sembra essere l’ago della bilancia per chiarire il concetto di ‘schiavitù’ che, accomunando l’uomo e la donna, non rende liberi né l’uno né l’altra nel momento in cui si ‘mercanteggia’ l’amore visto qui come ‘passione dissoluta’ solo perché è lui/uomo a parlarne in primis, riferendo, non si sa se a ragione o a torto, parole non sue ma da lui offerte all’ascoltatore/lettore come vere.
    Ecco che l’inganno e la sopraffazione si fanno largo, perché è la sua imposizione che li crea, tanto che sembra possa aver modo di esistere la sua affermazione: “...se c’è uno scopo nella vita, allora è chiaro che la vita deve finire, una volta raggiunto lo scopo”, e si comprende quale sentimento di tristezza e senso di nullità possano emergere da una visione così limitata della vita, l’ideale di bontà, visto solo come continenza e purezza, non fa altro che porre sullo stesso piano due comportamenti che non necessariamente devono seguire il medesimo percorso.
    Successivamente viene esposto con particolare veemenza il prodotto dannoso dell’altro sentimento, la “gelosia” che fa il paio con l’egoismo quasi a giustificare l’esito finale del suo rapporto ‘malato’ con una donna che non ha mai amato realmente, ma che ha solo usato in funzione dei propri personali capricci. Però nel momento in cui un altro uomo trova un’intesa con sua moglie sul piano puramente platonico, almeno per quanto possiamo supporre noi in veste di lettori/ascoltatori, un senso di smarrimento per l’eventuale tradimento si impossessa di lui tanto che egli vede nella ‘musica’ l’ipotetica spinta all’abbandono. Non è un caso se l’autore sceglie una sonata per pianoforte e violino così carica di pathos da suscitare emozioni via via più forti, ne è testimonianza la sua affermazione: “Cos’è la musica? Cosa fa? E perché fa ciò che fa? Dicono che la musica agisca sull’animo elevandolo; sciocchezze, non è vero!...La musica eccita, ma non porta a una soluzione”, ciò, naturalmente, è solo per colui che si lascia accecare da un sentimento di ‘privazione’ generato dall’incapacità di mantenersi obiettivo nella formulazione di giudizi avventati. Ed è proprio per questo motivo che egli sente di cadere in un “cerchio di contraddizioni senza soluzioni”, perché scoprire che quel ‘corpo’ da lui ritenuto ormai conquistato si riveli essere, per sacrosanto diritto, proprietà di colei che egli ora vede con occhi nuovi, dà origine ad una serie di sentimenti opposti da lui difficilmente gestibili quali amore/odio, gioia/dolore o, peggio, piacere/sofferenza.
    Non può esistere un sentimento forte che inglobi amore/gioia/piacere in nessuno, se non si è in grado di attribuire ad esso il giusto significato, nel suo egoismo anzi egocentrismo, egli avverte solo un’assenza non una presenza, soprattutto quando afferma: “sentivo...che non potevo possedere questo corpo che non era mio e che lei poteva disporne come voleva lei e non come volevo io”. Il ‘male generato dall’essere’ più che il ‘malessere causato dall’esistere’ è racchiuso tutto in queste parole 'virtù/vizio' in nome delle quali si continua ancora a sottomettere, a calunniare, a calpestare l’animo e il corpo delle donne.

    Della postfazione di Tolstoj mi piace riportare questa analisi sui due differenti modi di seguire sia le leggi del credere che le leggi del vivere: L’uomo che professa una legge esteriore è paragonabile a un uomo collocato sotto la luce proiettata da una lanterna appesa a un palo. Sta sotto la luce della lanterna, il punto in cui si trova è illuminato, ma non può spingersi in nessun’altra direzione. L’uomo che professa la dottrina di Cristo è simile a un uomo che porti davanti a sé una lanterna appesa a una pertica più o meno lunga: egli è sempre preceduto dalla luce, questa lo stimola incessantemente a seguirla e gli dispiega dinanzi un nuovo spazio illuminato che lo attira verso di sé.”.

    said on 

  • 5

    Ecco perchè insisto con i gdl

    L’inizio di un commento deve essere il più accattivante possibile per non annoiare e raggiungere, così, i fini dello scrivente, tutti legittimi anche se non sempre confessabili (V. Daniele ecc… ecc.. ...continue

    L’inizio di un commento deve essere il più accattivante possibile per non annoiare e raggiungere, così, i fini dello scrivente, tutti legittimi anche se non sempre confessabili (V. Daniele ecc… ecc.. ).

    Nella fattispecie il mio inizio coincide con la fine (facile gioco di parole che avrei potuto risolvere con un sinonimo più decente ): mettere in w.l. I diari 1862-1910 di Sof'ja Tolstaja, la mitica Sonia, perchè non tutti i detti lasciano il tempo che trovano e quello che dietro un grande uomo (e il talento di Lev è infinito, altro che grande) c’è una grande donna è assolutamente vero in questo caso.

    Sentite che dice la poveretta, che gli sfornò ben tredici figli, dopo aver letto La Sonata, (che peggiorò di brutto il loro rapporto di odio /amore): « Sarebbe terribile restare incinta. Tutti lo verranno a sapere e ripeteranno con gioia maligna una battuta uscita ora nell'ambiente di Mosca: «Ecco la vera conclusione della Sonata a Kreutzer: […] predica la continenza, mentre nei fatti...».
    E poi:
    « Non so perché abbiano avvicinato la Sonata a Kreutzer alla nostra vita coniugale, ma è un fatto. E tutti, dallo zar sino al fratello di mio marito e al suo migliore amico Dikov, mi hanno biasimata. Ma d'altronde perché cercare dei terzi? Io stessa ho sentito che questo racconto mi chiamava in causa, che mi infliggeva una ferita diretta, mi sminuiva agli occhi del mondo intero distruggendo ciò che restava del nostro amore »

    Potremmo dire, con facile psicologismo, che il poveretto non riuscì mai ad amare questa sua irruenza sessuale da caprone e che il capolavoro non fosse che una amara confessione: accusare il maschio senza riuscire ad assolvere la femmina, eterna Eva tentatrice approfittatrice del suo Disturbo (in cui però Sof'ja non si rispecchiava punto).
    E’ tale l’avversione contro la donna che il vecchio scrittore arriva a confessare di aver perso la trebisonda solo per i maschi pur provando ribrezzo al solo pensiero di un rapporto fisico.

    Un uomo che non amava le donne e che, sotto le mentite spoglie di Poz (abbreviativo del cognome impossibile del narratore della Sonata), si accusa e ricusa la condanna senza pena per delitto d’onore: la colpa vera era il disgustoso soggiacere agli appetiti della carne di una coppia sposata che si sente a posto con Cristo .

    E per non farsi mancare nulla, scrive una postfazione delirante in cui ribadisce principi che avevano già sconvolto la povera Sonja, quando Tolstoj aveva cominciato a praticare un millenarismo pauperista:
    - « Critica avversa all'ortodossia e alla chiesa [...], critica della nostra vita, biasimo per tutto ciò che facevo e facevano i miei. Era intollerabile. [...] Ma un giorno … stavo scrivendo e sentii che arrossivo, il sangue mi affluì alla testa e mi sentii invadere da una crescente indignazione. Presi tutti i fogli e li portai a Lev, dichiarando che non avrei ricopiato più nulla: non posso. »

    Certo non dev’essere stato facile vivere con uomo così pieno di talento ma anche di contraddizioni tutte dispiegate nei suoi capolavori ma mai così specchiate come nella Sonata a Kreutzer: da leggere assolutamente perchè libro fondamentale per la storia ancora in fieri delle donne.

    P.S. Non avendo ancora letto i diari di Sonia, tutti gli incisi sono estrapolati da Wicki, di cui sono pecuniarmente sostenitrice.

    said on 

  • 3

    Storia attualissima di un femminicidio raccontata da Tolstoj. Ritmo, limpidezza, rigore, precisione. Era un gigante, poco da dire. Mentre lo leggo mi viene in mente sempre la parola "abitare". È uno d ...continue

    Storia attualissima di un femminicidio raccontata da Tolstoj. Ritmo, limpidezza, rigore, precisione. Era un gigante, poco da dire. Mentre lo leggo mi viene in mente sempre la parola "abitare". È uno dei pochi che riga per riga costruisce al lettore uno spazio in cui ci si trasferisce: ci stai comodo, ci abiti appunto. Anche quando si tratta di uno spazio angusto come in questo caso: sia che si alluda allo scompartimento ferroviario dove l'uxoricida si confessa ai suoi compagni di viaggio. Sia che si pensi al numero esiguo di pagine. Il che conferma che in Guerra e pace o in Anna Karenina non è la mole della narrazione a produrre quella sensazione, ma il modo in cui l'autore costruisce la storia e il mondo in cui si sviluppa.

    Questo naturalmente a prescindere dai contenuti. In queste pagine Tolstoj (ci aggiunse pure una postfazione terrificante, per paura che non fosse stato abbastanza chiaro), con rispetto parlando, delira. La morale che ricava dal femminicidio è aberrante, tanto per l'uomo che per la donna. Arriva a definire non solo il sesso, ma anche l’amore che induce allo scambio sessuale “qualcosa di decisamente schifoso, di sporco, che solo a parlarne e a pensarci fa nausea e vergogna”. Insomma, davvero roba da coma etico (molto peggio di quello etilico).

    La teoria sull'astinenza sessuale come fonte di salute morale e bussola etica è stata una teoria che gran parte di noi (nati dal '50 in qua) ha preso in considerazione solo per riderci sopra (tranne i cattolici ovviamente e qualche isolata frangia zen). E anche stavolta ho pensato solo cose da ridere, mentre ammiravo come si possano scrivere così bene, cose così osceme.
    Tanto per fare un esempio, mi è tornato in mente il metodo "Oggi-no" (e dunque l'astinenza assoluta, prematrimoniale e non, che come antifecondativo indubbiamente funziona) con cui negli anni '70 si sfotteva il famoso metodo anticoncezionale "Ogino” (dal nome di uno dei due ginecologi che lo inventarono). I cattolici lo praticavano entusiasti, con risultati più esilaranti delle nostre battute. La sua fortuna fu di sicuro una delle concause dell'ultima fase del baby boom.

    E c'è un altro esempio in quegli anni di riscoperta del valore morale (e anche fisico, proprio come dice Tolstoj) della castità. E fu quello dell'educazione sessuale propagandata dalle organizzazioni giovanili cattoliche, in particolare da Comunione e Liberazione: "vergini al matrimonio” era il motto. E anche quella si risolse in una ulteriore contributo alla crescita demografica. Perché persino ai ciellini accadeva che gli ormoni, resisti-resisti-resisti, ad un certo punto tracimassero. E accadeva spesso nel momento topico (con rispetto parlando) per cui del motto restava solo il matrimonio, con prole in arrivo (pancioni in tulle – mestamente bianco sporco o avana - facevano la fila per entrare nelle chiese in quegli anni).

    Insomma caro Lev, la castità (tranne casi eccezionali) oltre ad essere noiosa, oltre ad essere una perversione sessuale grave, ha un altro problema: non funziona. A Napoli dicono "lassa perde: nunn'è cosa".

    said on 

  • 3

    Ho provato un odio profondo verso il protagonista di questa storia: un omuncolo a cui piace giocare al padre-padrone e che per proteggere il suo orgoglio ferito si sente in diritto di uccidere la prop ...continue

    Ho provato un odio profondo verso il protagonista di questa storia: un omuncolo a cui piace giocare al padre-padrone e che per proteggere il suo orgoglio ferito si sente in diritto di uccidere la propria moglie avendo il dubbio (e solo quello) che lei abbia potuto tradirlo. Un folle misogino, bipolare, attaccato alle apparenze. Un uomo che vede la moglie come di sua proprietà. Vi ricorda fatti di cronaca recente? A me pure troppi. Da donna, questa storia è stata insopportabile. Da lettrice, ho apprezzato tantissimo la scrittura di Tolstoj.

    said on 

  • 4

    A dispetto delle idee maschiliste e antiquate che pervadono il libro e soprattutto di un poscritto dell'autore impregnato di moralità cristiana molto lontano dai giorni nostri, non posso dire che il r ...continue

    A dispetto delle idee maschiliste e antiquate che pervadono il libro e soprattutto di un poscritto dell'autore impregnato di moralità cristiana molto lontano dai giorni nostri, non posso dire che il romanzo di Tolstoj non mi abbia colpita.
    Si tratta di un romanzo breve che colpisce in maniera repentina sin dalle prime pagine, perchè fin dall'inizio il lettore capisce in che cosa si sta cimentando: la trama si svolge durante un viaggio in treno e sarà uno sconosciuto ad ascoltare le parole di un uxoricida e come la folle gelosia lo abbia portato ad quel gesto estremo.

    Il racconto ha le sembianze di un monologo, sono poche infatti le domande che interrompono le parole di Pozdnysev: l'omicidio della moglie viene raccontato con fervore, passione ma anche con una lucidità irrequieta, tutti i pensieri sono frutto di una follia interiore.
    Per certi versi è un romanzo che inquieta, Tolstoj condanna a gran voce la prostituzione e il matrimonio come semplice atto carnale, in favore di un legame che dovrebbe essere puramente casto, ma quello che più mette in difficoltà sono le parole che esprime nei confronti delle donne: donne viste come semplici oggetti istruite a dovere per accalappiare e forviare l'uomo, donne che civettano e che usano a proprio favore la bellezza.
    Ci sono pensieri che diventano quasi imbarazzanti da leggere e da capire ma va da sé che il romanzo debba essere contestualizzato a dovere: siamo lontano anni luce dal realismo di Anna Karenina e credo che il romanzo sia la diretta conseguenza della la cristi esistenziale che colpì l'autore; un'opera che tra l'altro causò dispiacere anche alla moglie Sofja la quale in risposta al marito scrisse "Amore colpevole", anche questo un romanzo che vede la gelosia come tema centrale o piuttosto come causa di morte ma con l'affermazione di idee quasi opposte a quelle espresse dal marito sul matrimonio e sulla donna.

    Nonostante quindi le diverse idee di pensiero, La sonata a Kreutzer mi ha catturata dalla prima all'ultima riga, la passione con cui sono espressi sentimenti seppur non condivisibili non è così facile da trovare e percepire, in poche pagine sono raccontati sentimenti forti e il romanzo, seppur breve, è di un'intensità da un parte allarmante ma dall'altra travolgente.

    Ma fino a che punto si può ritenere Tolstoj del tutto lucido e non annebbiato dal fervore religioso quando scrisse queste parole?!

    said on 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    4

    Tra ideale e passione

    Sulle note dell'omonima opera di Beethoven, si è un po' portati a ripensare a quanto ha scritto il vecchio T. in merito alla sua personale esperienza e su alcune tematiche calate nella Russia del temp ...continue

    Sulle note dell'omonima opera di Beethoven, si è un po' portati a ripensare a quanto ha scritto il vecchio T. in merito alla sua personale esperienza e su alcune tematiche calate nella Russia del tempo (il rapporto uomo-donna, il matrimonio, la visione dell'amore, ..). Queste pagine dalla travagliata storia compositiva ed editoriale sono ineccepibili: Tolstoj offre un'analisi psicologica dei personaggi ben strutturata e delineata. Quell'anonimo signore anziano che racconta sul treno la propria storia potrebbe essere chiunque, forse una proiezione dello scrittore stesso. Nonostante sia apparentemente una narrazione semplice, che si sente tuttora ai ns giorni, ciò che pienamente caratterizza questo romanzo breve è, a mio avviso, il rimorso e sottilmente anche l'orrore per il gesto sconsiderato compiuto da quell'ignoto signore, un omicidio di cui il movente è ben chiaro al lettore. Le passioni non possono nascondere la volontarietà del gesto, perchè inescusabile, indipendentemente dal fatto che il tradimento della moglie sia avvenuto o meno.

    Doveroso l'ascolto della Sonata per pianoforte e violino in la maggiore n. 9, op. 47, comunemente nota come Sonata a Kreutzer.

    said on 

Sorting by
Sorting by