Sonavan le quiete stanze

Sullo stile dei «Canti» di Leopardi

Voto medio di 9
| 3 contributi totali di cui 3 recensioni , 0 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
Appassionato studioso di poesia italiana, Mengaldo mette a frutto le sue conoscenze di filologia, storia della lingua, linguistica e stilistica per indagare nel profondo uno dei capolavori massimi della nostra storia letteraria: i "Canti" d ...Continua
[radek]
Ha scritto il 20/02/13

non mi è piaciuto per niente

Ossimoro
Ha scritto il 05/02/10
Sonavan le grevi stanze
Pesante, come un po'tutto ciò che scrive Mengaldo. Il capitolo più bello è "perchè Leopardi non è un poeta metaforico", con un bel corredo di confronti con tutti i romantici europei. Per il resto mi è rimasto sullo stomaco. Indispensabili conoscenze...Continua
Ciriffo
Ha scritto il 05/09/09
SPOILER ALERT

Esso è un libro che l'autore si è già sbagliato, i leopardi non cantano, ma ruggiscono. ebbè, per fare un libro del genere bisogna conoscere i versi. ma lui mi sa che mica li conosce. mah.


- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una citazione!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi