Sons and Lovers

Average vote of 1.090
| 10 total contributions of which 4 reviews , 5 quotes , 0 images , 1 note , 0 video
Lawrence's first major novel was also the first in the English language to explore ordinary working-class life from the inside. No writer before or since has written so well about the intimacies enforced by a tightly-knit mining community and by a ... Continua
Ha scritto il 03/03/12
This book undoubtly represents that D.H. Lawrence is one of the greatest writers in the twentieth century. The extremely intimate, almost lover-like relationship between Paul and his mother is on every page. This book also brings the reader to see ...Continua
  • 1 mi piace
Ha scritto il 02/09/10
"Why can't a man have a young mother? what is she old for? [...] what are you old for! why can't you walk? why can't you come with me to places?"
Ha scritto il 04/10/08
What a delightful story. Such wonderful scenes of life lived in a mining village, but the spotlight really focuses upon the home. It is a home set up by a couple who are very poor - after all he is only a miner - but they are so in love. She is so
  • 1 mi piace
Ha scritto il 11/02/08
when I read this first, I got really surprised when, more than two-thirds into the story, the author finally describes Paul's face: as "coarse" and rather plain. It was a shock because the psychological insight in this book is so deep and delicately ...Continua
  • 3 mi piace

Ha scritto il Apr 27, 2010, 09:51
Miriam avrebbe potuto facilmente sacrificare se stessa, ma sarebbe stata capace di imporre se stessa?
Pag. 394
Ha scritto il Apr 27, 2010, 09:50
L'aria era piena d'ombra, quasi provenisse dal passato, tra le pallide campanule azzurre che sarebbero potute fiorire per Deirdre o per Isotta.
Pag. 239
Ha scritto il Apr 27, 2010, 09:50
"Tu non vuoi amare - disse Paul. - Il tuo eterno e morboso desiderio è di essere amata. Tu non sei positiva, sei negativa. Assorbi, assorbi, come se dovessi riempirti d'amore perché in qualche parte di te non ne hai."
Pag. 226
Ha scritto il Apr 27, 2010, 09:48
Nel sacrificio era orgogliosa, nella rinuncia era forte, ma non credeva di poter sopportare la vita di tutti i giorni. Era preparata per le grandi cose, per le cose profonde, tragiche, mentre non aveva fiducia nella quotidianità minuta.
Pag. 224
Ha scritto il Apr 27, 2010, 09:47
... era qualcosa di più meraviglioso, di meno umano, che vibrava di un'intensità vicina al dolore.
Pag. 204

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi