Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Sopravvissuta ad Auschwitz

Liliana Segre, fra le ultime testimoni della Shoah

By Zuccalà Emanuela

(108)

| Others | 9788831527699

Like Sopravvissuta ad Auschwitz ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

L'autrice ha raccolto le parole di Liliana Segre con intensità dipartecipazione. In questo libro, presentato dal cardinale Carlo Maria Martini,compare in filigrana la follia del nazismo, ma al centro ci sono sempre ilcoraggio e la fede nella v Continue

L'autrice ha raccolto le parole di Liliana Segre con intensità dipartecipazione. In questo libro, presentato dal cardinale Carlo Maria Martini,compare in filigrana la follia del nazismo, ma al centro ci sono sempre ilcoraggio e la fede nella vita che questa protagonista della Shoah ha coltivatoe difeso. Proprio sessant'anni fa, il 27 gennaio 1945, Auschwitz venivaliberato dai russi e scoperto dal mondo intero: in occasione della Giornatadella memoria, rievocare l'evento attraverso l'esperienza di una donna di pacepuò significare anche riflettere sul presente.

11 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Questo libro raccoglie la testimonianza di Liliana Segre, deportata da Milano ad Auschwitz nel gennaio ’44 col padre quando lei era appena tredicenne.
    Farà ritorno a casa nell’agosto del 1945, sola, dopo aver superato anche la “marcia della morte” v ...(continue)

    Questo libro raccoglie la testimonianza di Liliana Segre, deportata da Milano ad Auschwitz nel gennaio ’44 col padre quando lei era appena tredicenne.
    Farà ritorno a casa nell’agosto del 1945, sola, dopo aver superato anche la “marcia della morte” verso la Germania.
    Il suo racconto si concentra su cosa vuol dire tornare alla normalità dopo aver subito esperienze difficilissime e situazioni di vita all’estremo: la femminilità completamente cancellata da un anno di prigionia e l’indurirsi del carattere per non soffrire; i problemi a relazionarsi con chi non sa cosa vuol dire essere stata deportata; poi accorgersi di essere amata e corteggiata, lo scoprirsi di nuovo donna e diventare madre dando alla luce tre figli; costruire così una famiglia nella serenità e vivere fino in fondo la vita, che è una cosa bellissima.
    Ammetto che la mia curiosità MORBOSA avrebbe trovato “soddisfazione” se il racconto si fosse soffermato anche sui dettagli più intimi di vita quotidiana all’interno del campo di concentramento, ma questo per fortuna non avviene per volere stesso di Liliana che ritiene appunto cosa non opportuna e di cattivo gusto...
    Vi consiglio questo libro e soprattutto di ragionare sulla frase seguente di Liliana, che sono sicura vi farà vivere tutto in maniera diversa e più consapevole:

    “Non dite mai non ce la faccio più quando siete stanchi di studiare o di qualsiasi altra cosa, perché non è vero. Il corpo umano e la mente sono talmente forti e straordinari da riuscire a compiere autentici miracoli; la vita è un bene così meraviglioso e irripetibile da spingerci a fare qualsiasi cosa pur di conservarlo.”

    Is this helpful?

    Valery Crickets said on Jan 18, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    La testimonianza di Liliana prende vita. I ricordi sono scritti con tanto dolore,con forza,con determinazione. Non nascondo che delle volte trattenevo le lacrime perchè il mio pensiero si concentrava su come sia possibile fare così del male ad una ra ...(continue)

    La testimonianza di Liliana prende vita. I ricordi sono scritti con tanto dolore,con forza,con determinazione. Non nascondo che delle volte trattenevo le lacrime perchè il mio pensiero si concentrava su come sia possibile fare così del male ad una ragazzina di 13 anni. Il libro parte dal 1938 e finisce con il suo ritorno a casa dove riabbraccia i suoi zii e i suoi nonni. è agghiacciante come con parole forti descrive violenze psicologiche e come le persone all'interno del campo di concentramento si annullino e lei vive come un fantasma;è un cerchio che si ripete ogni giorno: Sveglia,lavoro,zuppa,lavoro,pezzo di pane,fare la doccia e dormire. Ha paura anche di andare in ospedale,affronta la giornata con la febbre addosso e supera le percosse insieme ad essa. Descrive anche il ritorno a casa,di come loro camminano sapendo di non fermarsi altrimenti ad attenderli c'era la morte. Alla fine del libro ci sono delle lettere scritte a Liliana riguardo la sua testimonia,e da qui ho deciso di scriverne una anche io.
    Cara Liliana con questo libro mi hai fatto immedesimare con te nel campo di concentramento,con i tuoi dolori,con le tue paure e con le tue forze che ti permettevano di andare avanti. Posso solo immaginare come tu possa esserti sentita lì rinchiusa e guardare oltre la rete con una speranza che ormai pensavi non esistesse. Le tue testimonianze non saranno solo chiuse in questo libro ma verranno divulgate in quanto anche io ora sono testimone di quello che ho letto!

    Is this helpful?

    Milly86100 said on Jan 17, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    E' un libro molto forte per la storia che racconta. Raramente un libro riesce a far rivivere i dolori provati dalle persone, eppure questo c'è riuscito in pieno. E' stato molto istruttivo per me, sono convinta che non bisogna dimenticare. Mai.

    Is this helpful?

    Federicacataldi said on Mar 23, 2012 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    castelnuovo

    E' il racconto di Liliana Segre sulla sua deportazione, permanenza e ritorno dal lager. Una toccante testimonianza sulla Shoah.

    Is this helpful?

    Filippo Petracca said on Apr 20, 2011 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Immpossibile dare un voto a questo libro. Da leggere

    Is this helpful?

    Louise said on Feb 14, 2011 | 1 feedback

  • 1 person finds this helpful

    Ci sono momenti della nostra vita che vorremmo rivivere per essere diversi, episodi che ci insegnano a non lasciare che la vita scorra sopra di noi....
    Fermarsi, voltarsi a dire " ciao,Janine",anche senza arrivare ad alcun gesto eroico di cui pochi ...(continue)

    Ci sono momenti della nostra vita che vorremmo rivivere per essere diversi, episodi che ci insegnano a non lasciare che la vita scorra sopra di noi....
    Fermarsi, voltarsi a dire " ciao,Janine",anche senza arrivare ad alcun gesto eroico di cui pochi sono capaci.........
    Piccoli gestiche possiamo compiere ogni giorno, e che invece rimpiangiamo di non aver compiuto solo quando ormai è troppo tardi...

    Is this helpful?

    Anna 43 said on Jun 18, 2010 | Add your feedback

Book Details

  • Rating:
    (108)
    • 5 stars
    • 4 stars
    • 3 stars
    • 2 stars
  • Others 144 Pages
  • ISBN-10: 883152769X
  • ISBN-13: 9788831527699
  • Publisher: Paoline Editoriale Libri
  • Publish date: 2005-01-01
Improve_data of this book