Sopravvivere coi lupi

Dal Belgio all'Ucraina una bambina ebrea attraverso l'Europa nazista

Di

Editore: Ponte alle Grazie

3.9
(360)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 266 | Formato: Altri

Isbn-10: 8879284231 | Isbn-13: 9788879284233 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: Maria Grazia Gini , AlessandraDe Vizzi

Disponibile anche come: Copertina rigida , Paperback

Genere: Biografia , Narrativa & Letteratura , Storia

Ti piace Sopravvivere coi lupi?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
La storia di una bambina in fuga dagli orrori della guerra e dalla crudeltàdegli uomini, che paradossalmente trova solo presso gli animali il calore el'affetto che il mondo degli uomini le aveva negato. Un libro che parladell'amore per gli animali, dell'amore per la vita, ma anche della memoria,del dovere di ricordare, del dolore che non finisce.
Ordina per
  • 0

    Senz'altro un gran bel libro, da 5 stelle, ma mi dispiace che sia un'invenzione. Mi sembra una mancanza di rispetto per la memoria dei tanti morti in fuga dalle guerre dell'uomo... mah. Comunque merit ...continua

    Senz'altro un gran bel libro, da 5 stelle, ma mi dispiace che sia un'invenzione. Mi sembra una mancanza di rispetto per la memoria dei tanti morti in fuga dalle guerre dell'uomo... mah. Comunque merita essere letto.

    ha scritto il 

  • 2

    Cara mia, hai toppato

    E' stata una bella lettura, certo però spacciare una storia del genere per vera, è giocare sporco. E' ovvio che il lettore avrà tutto un altro spirito di empatia e sentimenti verso questa bambina. Sco ...continua

    E' stata una bella lettura, certo però spacciare una storia del genere per vera, è giocare sporco. E' ovvio che il lettore avrà tutto un altro spirito di empatia e sentimenti verso questa bambina. Scoprire che invece è tutto inventato delude non poco. Ti piace vincere facile eh? Sono abbastanza infastidita, lo trovo offensivo verso chi l'olocausto l'ha vissuto davvero, ed ha sofferto non poco per riportare la propria testimonianza, rivivendo tutti gli orrori vissuti per riportarli ai posteri, mentre tu, cara mia, inventavi. Il libro in se è molto bello, ma è un romanzo di fantasia, non una testimonianza, e di fronte a questo raggiro, più di due stelle non posso dare...

    ha scritto il 

  • 5

    Consigliatissimo!

    "SOPRAVVIVERE COI LUPI" di MISHA DEFONSECA. Un libro a 5 stelle: la storia vera di una bambina ebrea sfuggita alla follia nazista, che scappa da sola attraverso i boschi. L'unico pericolo che incontra ...continua

    "SOPRAVVIVERE COI LUPI" di MISHA DEFONSECA. Un libro a 5 stelle: la storia vera di una bambina ebrea sfuggita alla follia nazista, che scappa da sola attraverso i boschi. L'unico pericolo che incontra nel suo cammino sono gli ESSERI UMANI, l'unico aiuto gli ANIMALI, in particolare i lupi.
    Una storia toccante narrata in maniera talmente semplice da rendere il libro stupendo..
    Un viaggio selvaggio che a differenza di quello del libro Wild o della storia di Into the Wild, non è mosso dal desiderio o dalla volontà di trovare un senso, ma dalla necessità di scappare dalla bruttura del mondo. UN LIBRO CHE NON DIMENTICHERETE FACILMENTE.
    Lo consiglierei a chi "avrebbe voluto vivere nel 42" ma sarebbe un insulto a questo libro perché gli stupidi non possono capirlo e, soprattutto, la stupidità non ama leggere.

    ha scritto il 

  • 1

    Che tutta la storia sia stata inventata è il minore dei mali per questo stupidissimo racconto: una miscela di luoghi comuni, di situazioni adatte a soddisfare un lettore con poche esigenze, di melensa ...continua

    Che tutta la storia sia stata inventata è il minore dei mali per questo stupidissimo racconto: una miscela di luoghi comuni, di situazioni adatte a soddisfare un lettore con poche esigenze, di melensaggini intollerabili. Insomma, molto americano, anche il successo che incomprensibilmente ebbe alla sua pubblicazione.
    Da dimenticare velocemente.

    ha scritto il 

  • 3

    Carino, toccante, anche se poco plausibile. Rispetto a tante storie sull'Olocausto, questa è diversa e piacevole per il rapporto con la Natura della protagonista, anche se mi aspettavo fosse molto più ...continua

    Carino, toccante, anche se poco plausibile. Rispetto a tante storie sull'Olocausto, questa è diversa e piacevole per il rapporto con la Natura della protagonista, anche se mi aspettavo fosse molto più incentrato sulla vita coi lupi (che in realtà non occupa neanche metà libro).
    Lettura piacevole

    ha scritto il 

Ordina per