Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Sospetto e sentimento

o: Lo specchio misterioso

Di

Editore: Tea

3.6
(296)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 281 | Formato: Altri

Isbn-10: 8850215118 | Isbn-13: 9788850215119 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Ti piace Sospetto e sentimento?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
E' l'estate del 1813 e i coniugi Darcy, appena celebrate le nozze, devono privarsi loro malgrado della tranquilla intimità di Pemberley per tuffarsi nella vita di società londinese insieme con Kitty, sorella minore di Elizabeth, in cerca di marito. Quando la scelta ricade su Harry Dashwood, giovane di ricche sostanze e ottima reputazione, la famiglia Bennet è ben lieta di annunciare il fidanzamento. Troppo presto, tuttavia, dal momento che di lì a poco, e in modo del tutto inatteso e inspiegabile, il giovane gentiluomo rivela una natura diabolica e perversa: gioco d'azzardo, dubbie frequentazioni, eccessi d'ogni sorta, persino pratiche esoteriche all'interno di una setta satanica sono i suoi passatempi. Il 'ton' grida allo scandalo e il matrimonio rischia di essere compromesso, mettendo in gioco la reputazione della famiglia Bennet. Ma Darcy ed Elizabeth non amano fidarsi delle apparenze. Troppi i misteri che avvolgono questa storia per non solleticare la loro curiosità: cos'ha a che fare con la trasformazione del giovane l'antico specchio da cui lui non si separa mai e le cui origini sembrano risalire a tempo immemorabile? Qual è la ragione del repentino e sorprendente invecchiamento di Harry? Mistero e paranormale s'intrecciano di nuovo e sfidano Mr. e Mrs. Darcy, i novelli sposi investigatori, a risolvere un puzzle quasi impossibile.
Ordina per
  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    4

    Forse ho bacchettato un po’ troppo la povera scrittrice dopo la lettura del primo libro, ma questo mi è sicuramente piaciuto.
    Chi mai si sarebbe aspettato di assistere all’incontro fra Lizzy ed Elinor e scoprirle amiche, di vedere i Darcy e i Ferrars seduti nello stesso salotto intenti a convers ...continua

    Forse ho bacchettato un po’ troppo la povera scrittrice dopo la lettura del primo libro, ma questo mi è sicuramente piaciuto. Chi mai si sarebbe aspettato di assistere all’incontro fra Lizzy ed Elinor e scoprirle amiche, di vedere i Darcy e i Ferrars seduti nello stesso salotto intenti a conversare? Forse persino Jane Austen sarebbe stata lieta di vedere i suoi personaggi incontrarsi ed intrecciare le loro esistenze in modo così sopraffino. I tempi storici sono chiariti alla fine del romanzo dall’autrice, ma in ogni caso sembra strano vedere Elinor particolarmente più vecchia di Lizzy (circa quarantenne) e con una prole sostenuta, così come Marianne, mentre Jane Bingley è in attesa del suo primo figlio.

    ha scritto il 

  • 3

    LETTURA SPENSIERATA

    Questo libro è innegabilmente molto piacevole. La storia ricorda ( almeno a me ha ricordato) certe atmosfere de Il ritratto di Dorin Grey e della letteratura inglese gotica ottocentesca in genere, oltre che alla Austen, dalla quale ovviamente l'autrice parte.
    E secondo me sta proprio qui il dif ...continua

    Questo libro è innegabilmente molto piacevole. La storia ricorda ( almeno a me ha ricordato) certe atmosfere de Il ritratto di Dorin Grey e della letteratura inglese gotica ottocentesca in genere, oltre che alla Austen, dalla quale ovviamente l'autrice parte. E secondo me sta proprio qui il difetto: perché dare un seguito ad Orgoglio e pregiudizio a tutti i costi? La risposta è: vende. Già perché a tutte quelle persone a cui è piaciuto il romanzo della Austen ( anche la sottoscritta si aggiunge) è sicuramente capitato di fantasticare sulla vita di Darcy ed Elizabeth dopo il loro matrimonio, dunque come non accogliere con curiosità e delizia una serie intera di libri dedicati ( questo è il secondo) alle loro avventure post matrimonio? Il che è perfettamente coerente con un tipo di editoria creata più per divertire che per riflettere. Insomma lasciatemelo dire 'una furbata' riuscita e sicuramente degna di essere letta per passare qualche ora di svago senza pretendere la profondità di cui sono invece ricchi i romanzi austeniani.

    ha scritto il 

  • 3

    tutto sommato meglio del primo, anche se forti sono i richiami al capolavoro Il ritratto di Dorian Gray.
    Il finale comunque mi perplime, o sono io che sono struppia o non è che si capisca proprio bene. Se qualcuno ha suggerimenti e punti di vista diversi che possano illuminarmi sono ben accetti. ...continua

    tutto sommato meglio del primo, anche se forti sono i richiami al capolavoro Il ritratto di Dorian Gray. Il finale comunque mi perplime, o sono io che sono struppia o non è che si capisca proprio bene. Se qualcuno ha suggerimenti e punti di vista diversi che possano illuminarmi sono ben accetti.

    ha scritto il 

  • 4

    Consigliato

    Carrie Bebris è l'unica autrice di sequel della Austen in grado di ricreare personaggi, dialoghi e atmosfere convincenti! Mi è piaciuto e me lo compro! Eh sì... perchè io prendo in prestito in biblioteca e compro solo quello che vale davvero la pena di tenere e rileggere!!

    ha scritto il 

  • 4

    Secondo capitolo delle indagini di Mr e Mrs Darcy. L'ho preferito rispetto al primo, forse perchè il tocco "sovrannaturale" mi piace molto e bello l'intreccio con i personaggi di Ragione e Sentimento, unico appunto: un pò prevedibile.

    ha scritto il 

  • 3

    I coniugi Darcy alle prese con uno specchio misterioso, che provoca strani comportamenti nelle persone che lo posseggono. In questo racconto altri personaggi austiniani fanno da cornice a questa storia che ha molto di esoterico. Non eccezionale,( non amo molto il genere "mistero")si legge bene ma ...continua

    I coniugi Darcy alle prese con uno specchio misterioso, che provoca strani comportamenti nelle persone che lo posseggono. In questo racconto altri personaggi austiniani fanno da cornice a questa storia che ha molto di esoterico. Non eccezionale,( non amo molto il genere "mistero")si legge bene ma senza colpi di scena particolari.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    4

    Così,tradizionalmente apprendemmo[...] che Kitty Bennet si era felicemente sposata con il parroco di un villaggio nei pressi di Pemberley. (J.E Austen-Leigh, Ricordo di Jane Austen)

    E'così che la Bebris giustifica il finale che ha dato a Sospetto e Sentimento o Lo specchio misterioso,secondo romanzo della saga dei Darcys investigatori.
    Non avevo letto questo libro subito dopo Orgoglio e Preveggenza perché scoraggiata dalle recensioni negative.
    Indubbiamente lo ...continua

    E'così che la Bebris giustifica il finale che ha dato a Sospetto e Sentimento o Lo specchio misterioso,secondo romanzo della saga dei Darcys investigatori. Non avevo letto questo libro subito dopo Orgoglio e Preveggenza perché scoraggiata dalle recensioni negative. Indubbiamente lo stratagemma dello specchio come elemento paranormale stona alquanto però è il solo punto a svantaggio di questo libro. Ritroviamo i cari Elizabeth e Fitzwilliamo con un'intesa sempre più profonda,che si danno da fare per trovare un marito a Kitty.

    Ecco un altro elemento positivo: ritroviamo una Kitty molto migliorata e più matura rispetto alla sciocca ragazzetta che correva dietro agli ufficiali in P&P. Il colloquio finale tra lei e l'innamorato lo mostra chiaramente, e tutta la situazione è molto romantica,quasi commuovente.

    Inoltre quasi tutti i personaggi che fanno da sfondo in questa vicenda sono stati creati dalla stessa Austen e non dalla Bebris, e anche questa cosa mi ha fatto molto piacere.

    Altra nota negativa, forse peggiore dello specchio: essendoci una ragazza da maritare,coadiuvando il tutto con vari personaggi di Ragione e Sentimento, a mio parere non poteva mancare che lei:Mrs Jennings! Ma qui la Carrie ha preso il solito scivolone,cioè per intenderci, non l'ha nemmeno menzionata. Mi chiedo come sia possibile non menzionare lamatchmaker per eccellenza in una storia di matrimoni. Anche la conclusione mi sembra alquanto fantasiosa, ma ci passo sopra per il sopracitato momento romantico,il quale mi ha fatto molto piacere.

    Nel complesso, mi sono piacevolmente ricreduta su questo libro, e quindi lo consiglio, ricordando sempre che uno spin-off, anche se ben scritto e vicino all'originale, resta sempre tale. E' normale quindi che ci sia qualcosa che non ci vada a genio,l'accetarlo o meno viene lasciato al nostro discernimento e giudizio di lettori Quite well,Carrie. Ci scriviamo alla prossima.

    ha scritto il 

Ordina per