Sostiene Pereira

Di

4.2
(10699)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: | Formato: Tascabile economico | In altre lingue: (altre lingue) Francese , Inglese , Spagnolo , Tedesco , Portoghese , Ceco , Giapponese , Catalano , Basco , Olandese

Isbn-10: A000078362 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Paperback , Altri , Copertina rigida , CD audio , eBook

Genere: Narrativa & Letteratura , Storia , Politica

Ti piace Sostiene Pereira?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Lisbona, un fatidico agosto del 1938, la solitudine, il sogno, la coscienza di vivere e di scegliere, dentro la Storia.Un grande romanzo civile. Due premi nazionali come il Viareggio-Repaci e il Campiello e il Prix Européen Jean Monnet. Ventidue traduzioni all'estero. Una memorabile interpretazione cinematografica di Marcello Mastroianni.Una storia che continua a suscitare il fascino e la meraviglia delle opere destinate a durare nel tempo.
Ordina per
  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    0

    “Disse: la filosofia sembra che si occupi solo della verità, ma forse dice solo fantasie, e la letteratura sembra che si occupi solo di fantasie, ma forse dice la verità.”

    È alquanto spiazzante leggere Sostiene Pereira appena dopo avere terminato la lettura di 1984 di Orwell. Mai due libri potrebbero essere più diversi, pur trattando, a grandi linee, gli stessi temi.

    Ed ...continua

    È alquanto spiazzante leggere Sostiene Pereira appena dopo avere terminato la lettura di 1984 di Orwell. Mai due libri potrebbero essere più diversi, pur trattando, a grandi linee, gli stessi temi.

    Ed è alquanto spiazzante leggere di temi quali la ribellione alla dittatura, la libertà di pensiero e di espressione affrontati attraverso una scrittura apparentemente leggera che ti trasporta di pagina in pagina quasi senza accorgersene.

    Un omaggio a chi è stato capace di dire “Preferirei di no” non con il silenzio di Bartleby, ma vergandolo nero su bianco.

    ha scritto il 

  • 5

    SOSTIENI PEREIRA

    Gli interrogativi sulla morte e sulla mortificazione della carne del curatore della pagina culturale di un quotidiano lisbonese sono il pretesto di un racconto profondamente politico: per il regime in ...continua

    Gli interrogativi sulla morte e sulla mortificazione della carne del curatore della pagina culturale di un quotidiano lisbonese sono il pretesto di un racconto profondamente politico: per il regime in cui la storia è ambientata e per il valore che viene offerto (e pagato a caro prezzo) alla difesa della libertà di espressione e alla dignità di ogni essere umano

    ha scritto il 

  • 5

    Un capolavoro

    Pereira è un giornalista con alle spalle una carriera fatta di articoli di cronaca.
    Ora, durante i tumulti europei che porteranno alla seconda guerra mondiale, cura la pagina culturale di un quotidian ...continua

    Pereira è un giornalista con alle spalle una carriera fatta di articoli di cronaca.
    Ora, durante i tumulti europei che porteranno alla seconda guerra mondiale, cura la pagina culturale di un quotidiano locale, il Lisboa, soggetto come gli altri alla censura. Vedovo e col cuore malandato, vive in Portogallo non dando peso al clima politico ma ben cosciente delle possibili ripercussioni che un'opinione può avere.
    Decide di assumere un praticante per aiutarlo con la pagina culturale e questo ragazzo gli scriverà solo articoli impubblicabili, a detta di Pereira, ma il giornalista non lo licenzia, qualcosa spinge Pereira ad aiutare lui e la sua ragazza che lottano contro la dittatura fino al tragico epilogo.
    Con una narrazione leggera e semplice, Tabucchi rappresenta la vita di Pereira, ordinaria ed essenziale ma non priva di significato. Quest'uomo infatti ha in sé un'opinione e soprattutto una forza di volontà che si manifesterà nella scelta di aiutare chi lotta prima e nell'affrontare la censura poi. Piccoli gesti, piccole idee, piccole abitudini sono la manifestazione di una grandiosità che traspare parola dopo parola, senza che all'inizio te ne accorga, finché è così evidente da spingerti a riconsiderare tutto ciò che hai letto con un'ottica diversa.
    I dialoghi non sono sempre di immediata comprensione perché scritti in prosa nel testo e senza virgolettato, ma "Sostiene Pereira" è un capolavoro a cui non va spostata una sola virgola.

    ha scritto il 

  • 4

    Ascoltato

    Un racconto affascinante con un personaggio secondo me indimenticabile. Le brutture di un passato mostrate in tono dimesso, nel grigiore di una vita. Con riscatto finale...

    ha scritto il 

  • 5

    Sostiene Pereira
    Di Antonio Tabucchi
    Questo è il primo libro che leggo di questo autore, sicuramente ne seguiranno altri.
    Mi ha affascinato, emozionato chi più ne ha più ne metta 😂😂😂😂
    Scrittura sempli ...continua

    Sostiene Pereira
    Di Antonio Tabucchi
    Questo è il primo libro che leggo di questo autore, sicuramente ne seguiranno altri.
    Mi ha affascinato, emozionato chi più ne ha più ne metta 😂😂😂😂
    Scrittura semplice, capitoli brevi e poche pagine che rapiscono e lasciano tanto.
    Chi era Pereira?
    Ce lo spiega l'autore stesso:
    " Pereira era un vedovo, cardiopatico e infelice, che amava la scrittura Francese, che era ossessionato dalla morte, che il suo migliore amico Era un francescano chiamato chiamato padre Antonio, dal quale si confessava timoroso di essere eretico perché non credeva nella resurrezione della carne...
    Pereira ultimamente si occupava della rubrica "cultura" , per il giornale Lisboa.
    Antipolitico, ha cercato sempre di tenersi lontano dalle beghe politiche.
    Durante il suo cammino lavorativo incontra un giovane Stagista che lo porterà a dei netti cambiamenti anche nella vita privata.
    Questo scossone le è costato l'esilio, perché si è messo contro il regime, per aiutare Monteiro Rossi, un giovane ragazzo che Pererira lo vede come un figlio che non ha mai avuto.
    Bello bello consigliatissimo

    ha scritto il 

  • 5

    Sostiene Pereira che questo sia un ottimo libro

    Da anni volevo leggere questo libro, sfiorato, sulla mia mensola nascosto tra altri titoli e ora, finalmente, letto. Mi è piaciuto molto. Stile coinvolgente, una vicenda che scivola docilmente verso u ...continua

    Da anni volevo leggere questo libro, sfiorato, sulla mia mensola nascosto tra altri titoli e ora, finalmente, letto. Mi è piaciuto molto. Stile coinvolgente, una vicenda che scivola docilmente verso un finale drammatico e coraggioso. Pereira diventa sempre più simpatico e partecipe, schierato contro il buio di una dittatura feroce. Forti i necrologi degli scrittori redatti dal giovane ribelle per la pagina culturale del giornale di Pereira.

    ha scritto il 

  • 0

    Finalmente a quasi 50 anni ho letto questo bellissimo libro commovente e semplice, iniziato e finito in questa domenica di sciatalgia.
    Così ho scoperto Pereira, il Portogallo e Tabucchi che mi sembra ...continua

    Finalmente a quasi 50 anni ho letto questo bellissimo libro commovente e semplice, iniziato e finito in questa domenica di sciatalgia.
    Così ho scoperto Pereira, il Portogallo e Tabucchi che mi sembra davvero un autore dalla vita appassionata e interessante, senza muovermi dal letto.

    ha scritto il 

  • 4

    sostiene

    quante sono le cose da sostenere da dover portare come un peso senza farsi schiacciare, senza soccombere né moralmente né fisicamente? lo sa bene Pereira, giornalista da oltre trent'anni e attualmente ...continua

    quante sono le cose da sostenere da dover portare come un peso senza farsi schiacciare, senza soccombere né moralmente né fisicamente? lo sa bene Pereira, giornalista da oltre trent'anni e attualmente dirigente della pagina Culturale del Lisboa, che esce il pomeriggio... vedovo, sovrappeso cardiopatico, inseguito dalla malinconia nostalgica di non avere mai avuto un figlio dalla donna che amava, malata di tbc... quanti pesi si porta dentro Pereira, apparentemente senza palle, apparentemente indifferente dai subbugli socio politici del 43 quando si era già intuito che i tedeschi stavano facendo un gran casino e la dittatura franchista avrebbe portato alla rovina... quante limonate beve per mandare giù il boccone amaro di una coscienza etica che tirerà fuori solo nelle ultime pagine lasciandoci veramente stupiti con un bel colpo di scena...
    Un libro apparentemente claustrofobico, dentro il caldo torrido di Lisbona estiva nella calura del mese d'agosto a 38 gradi con il nostro omino Pereira, che suda di continuo e fuma il sigaro, e fa talmente caldo che sembra ci sia nebbia... ma che poi ha saputo tirare fuori la chiave magica ed è riuscito a catturarmi...

    ha scritto il 

  • 4

    Sulle limonate

    Pereira insegna che, se non soffriamo di cuore, possiamo assumerne in scioltezza 4/5 al giorno senza compromettere i livelli di acidità del nostro stomaco. Addio all'annoso dibattito sulla negatività ...continua

    Pereira insegna che, se non soffriamo di cuore, possiamo assumerne in scioltezza 4/5 al giorno senza compromettere i livelli di acidità del nostro stomaco. Addio all'annoso dibattito sulla negatività degli effetti di acqua e limone sulla gastrite!

    ha scritto il 

  • 4

    Ai piccoli eroi

    Siamo in Portogallo sotto la dittatura di Salazar. Pereira è un giornalista, si occupa della pagina della cultura, è vedovo, cardiopatico e incarna perfettamente l’uomo medio. Niente stravizi, niente ...continua

    Siamo in Portogallo sotto la dittatura di Salazar. Pereira è un giornalista, si occupa della pagina della cultura, è vedovo, cardiopatico e incarna perfettamente l’uomo medio. Niente stravizi, niente donne, le sue giornate scorrono abitudinarie, tutte uguali, da casa al giornale e dal giornale a casa. Così lo conosciamo meglio, Pereira: soffre il caldo, che combatte con limonate gelate e con bagni freschi, e traduce scrittori francesi perché hanno una marcia in più secondo lui, anche a dispetto dei suoi connazionali. Il mondo gli cambia attorno, le vicende politiche si complicano e lo travolgono incoscientemente. Non si rende conto che un cambiamento sta avvenendo dentro di lui, ma sta avvenendo. La prosa ha un respiro costante, che mantiene l’attenzione, segue il suo percorso con il suo curioso intercalare. Ci si aspetta qualcosa. Si sa che qualcosa succederà e il lettore è preparato a tutto questo in un climax inesorabile.
    Ogni uomo può cambiare il proprio destino, a qualsiasi età, e diventare un piccolo eroe di se stesso.

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per