Sotto un cielo cremisi

Di

Editore: Fanucci

3.7
(987)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 312 | Formato: Copertina morbida e spillati | In altre lingue: (altre lingue) Inglese

Isbn-10: 8834714814 | Isbn-13: 9788834714812 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Luca Conti

Disponibile anche come: Paperback

Genere: Criminalità , Narrativa & Letteratura , Mistero & Gialli

Ti piace Sotto un cielo cremisi?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Quando Hap e Leonard vengono contattati dal loro vecchio amico Marvin Hanson, che vorrebbe liberare sua nipote da alcuni trafficanti di droga, i due non hanno problemi a svolgere il lavoro. L'unico problema è che quegli spacciatori lavorano per persone molto più malvagie e feroci di loro. Nasce così una vera e propria guerra senza limiti e restrizioni, durante la quale Hap e Leonard conosceranno un misterioso e leggendario assassino, chiamato Vanilla Ride; e dopo quell'incontro, le cose si metteranno davvero male per loro.
Ordina per
  • 4

    Adoro Hap e Leonard

    Vabbè io sono un fan di Hap e Leonard e qualunque cosa combinino, pure la più incredibile e irrealistica, a me sta bene, quindi sono un critico di parte. Spudoratamente. Quindi va da sè che il libro m ...continua

    Vabbè io sono un fan di Hap e Leonard e qualunque cosa combinino, pure la più incredibile e irrealistica, a me sta bene, quindi sono un critico di parte. Spudoratamente. Quindi va da sè che il libro mi è piaciuto, l'ho divorato, stavo male quando non trovavo il tempo per leggere, non vedevo l'ora di isolarmi da solo con Lansdale. Insomma le stesse identiche cose che mi sono capitate con gli altri libri di H&L

    ha scritto il 

  • 5

    Hap se ne sta tranquillo a letto sdraiato accanto alla sua amata Brett: niente di meglio che una serata intima a casa propria, senza scocciatori e senza nessuno che ti dia la caccia. In effetti, se ci ...continua

    Hap se ne sta tranquillo a letto sdraiato accanto alla sua amata Brett: niente di meglio che una serata intima a casa propria, senza scocciatori e senza nessuno che ti dia la caccia. In effetti, se ci pensa bene, è da un bel pezzo che non gli sparano addosso ed incredibilmente sono già tre mesi che riesce a conservare la testa tutta intera; un vero record da festeggiare. Ed è proprio mentre Hap assapora questa piccola vittoria personale e la serata con Brett sta“ormai entrando nella fase operativa” che bussano alla porta. Dalle tendine della finestra del piano inferiore Hap scorge il suo migliore amico Leonard assieme a Marvin, ex poliziotto ormai in pensione, che chiede aiuto ai due amici per riportare a casa la nipote Gadget caduta nelle grinfie di uno spacciatore da quattro soldi. Un lavoretto apparentemente rapido e pulito: trovare il camper nel bosco in cui vive il delinquente assieme ai suoi scagnozzi, prelevare Gadget, menare le mani se serve e tornarsene a casa. Peccato che arrivati sul posto la situazione prenda una piega imprevista: Gadget si becca un destro in mezzo agli occhi, il cane che fa da guardia al camper viene letteralmente scaraventato fuori da una finestra e Tanedrue –il pusher –rimane a terra con una ferita d’arma da fuoco ad una coscia. Insomma, non proprio un lavoretto pulito... - See more at: http://www.mangialibri.com/libri/sotto-un-cielo-cremisi#sthash.JzEUR5pg.dpuf

    ha scritto il 

  • 4

    pioggia e piombo...as usual

    Come sempre capita a chi segue i serial, siano essi televisivi, cinematografici o editoriali, arriva il momento che la vicenda passa in secondo piano rispetto alle figure dei protagonisti. Questo roma ...continua

    Come sempre capita a chi segue i serial, siano essi televisivi, cinematografici o editoriali, arriva il momento che la vicenda passa in secondo piano rispetto alle figure dei protagonisti. Questo romanzo di Lansdale, il settimo della serie "Hap&Leonard" non fa eccezione. Gli ingredienti sono sempre gli stessi, le location hanno una raggio piuttosto ristretto ed i cliché dei personaggi sono rispettati alla lettera.
    E con questo...beh, non vedo l'ora di avere tra le mani il prossimo episodio della saga!
    E' inutile, l'autore texano ha creato una di quelle coppie dalle cui disavventure è impossibile separarsi.

    ha scritto il 

  • 4

    Hap & Leonard again

    Per me Lansdale è garanzia di intrattenimento, intelligenza e divertimento e questa è l'ennesima avventura di Hap & Leonard ben orchestrata, con un sacco di metafore che mi hanno fatto ridere: un ritr ...continua

    Per me Lansdale è garanzia di intrattenimento, intelligenza e divertimento e questa è l'ennesima avventura di Hap & Leonard ben orchestrata, con un sacco di metafore che mi hanno fatto ridere: un ritratto impietoso dell'America e delle sue incredibili contraddizioni.

    Lansdale mi piace perché inventa storie che sanno di sincerità. Tutto appare molto credibile, persino l'amicizia tra due tipi come Hap e Leonard - che non potrebbero essere più diversi - non è mai forzata.
    Sotto un cielo cremisi è l'ennesimo romanzo riuscito di una serie che, da lettore, vorrei non finisse mai.

    ha scritto il 

  • 3

    Sotto un cielo cremisi

    Sebbene la saga di Hap & Leonard mostri segni di stanchezza già da alcuni episodi, non riesco ad astenermi dal leggere un nuovo episodio ogni qualvolta me ne si presenta l'occasione. Lo confesso, sono ...continua

    Sebbene la saga di Hap & Leonard mostri segni di stanchezza già da alcuni episodi, non riesco ad astenermi dal leggere un nuovo episodio ogni qualvolta me ne si presenta l'occasione. Lo confesso, sono Lansdale-dipendente.

    ha scritto il 

  • 2

    Rimpatriata

    Così anche la serie Hap&Leo sembra avere esaurito la sua parabola creativa, sebbene Lansdale abbia deciso di tirarla fuori dalla naftalina in questo settimo episodio, dopo otto anni di interruzione da ...continua

    Così anche la serie Hap&Leo sembra avere esaurito la sua parabola creativa, sebbene Lansdale abbia deciso di tirarla fuori dalla naftalina in questo settimo episodio, dopo otto anni di interruzione dal precedente: ma non c’è nessun particolare rilevante, nessuna scena, nessun personaggio di spicco che distingua la storia di “Sotto un cielo cremisi” dalle altre e giustifichi la riesumazione della celebre e simpatica coppia.

    Ce ne faremo una ragione: lo stesso autore, tanto per non smentire la sua prolificità, si è già indirizzato verso molteplici direzioni narrative diverse, anche se non disdegna di tanto in tanto di tornare a fare un salto dagli amici per una doverosa rimpatriata come questa.

    ha scritto il 

  • 0

    Incipit

    Da un bel pezzo non mi sparava più nessuno, e negli ultimi due o tre mesi ero riuscito a conservarmi la testa tutta intera.....

    http://www.incipitmania.com/incipit-per-titolo/s/sotto-un-cielo-cremisi- ...continua

    Da un bel pezzo non mi sparava più nessuno, e negli ultimi due o tre mesi ero riuscito a conservarmi la testa tutta intera.....

    http://www.incipitmania.com/incipit-per-titolo/s/sotto-un-cielo-cremisi-joe-r-lansdale/

    ha scritto il 

  • 4

    Forse un po' troppo semplicistico l'intreccio narrativo e lo scioglimento finale dello stesso, ma i casini in cui vengono a trovarsi Hap e Leonard e il rocambolesco (per non dire fortuito ;-) ) modo i ...continua

    Forse un po' troppo semplicistico l'intreccio narrativo e lo scioglimento finale dello stesso, ma i casini in cui vengono a trovarsi Hap e Leonard e il rocambolesco (per non dire fortuito ;-) ) modo in cui ne escono, rendono più che piacevole la lettura.
    Sarebbe un libro da 3 stelle, ma il Vanilla Ride guadagna la quarta da sola!

    ha scritto il 

  • 0

    «Rotolai giù dal letto e andai a guardare dalla finestra. La luna era quasi piena, e la sua luce entrava di taglio nella stanza e cadeva sulla moquette e sull'estremità del letto. Quella luce mi facev ...continua

    «Rotolai giù dal letto e andai a guardare dalla finestra. La luna era quasi piena, e la sua luce entrava di taglio nella stanza e cadeva sulla moquette e sull'estremità del letto. Quella luce mi faceva uno strano effetto, come se mi bastasse allungare un piede per vederla svanire. Era come se dentro di me qualcosa avesse cambiato posizione per cadere in profondità, tra le ombre, e qualunque posizione avessi deciso di assumere - seduta, sdraiata, eretta - nessuna luce avrebbe mai più potuto o voluto illuminarmi.»

    ha scritto il 

Ordina per