Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Sottosopra

Di

Editore: Nottetempo

3.4
(290)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 169 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8874523416 | Isbn-13: 9788874523412 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Disponibile anche come: eBook

Genere: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature

Ti piace Sottosopra?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Nel palazzo di "Sottosopra" vivono ricchi e poveri che s'incontrano sulle scale, si scambiano servizi e favori. Al piano alto abita un anziano violinista americano, Mr. Johnson, che ha lasciato le scene e il successo per naturale ritrosia. Al piano basso Anna, una donna delle pulizie, acciaccata dalla vita ma prodiga di fiducia e tenerezza che distribuisce agli altri abitanti: Giovannino, un bambino così giudizioso da essersi educato da solo, Mrs. Johnson, che aspira solo alle impossibili cose normali, e Alice che vuole diventare una macchina del sesso per evitare la solitudine, ciascuno con la propria mania, la propria pazzia piccola o grande, la propria paura. Nel palazzo gli abitanti si spostano e si scambiano le abitazioni, come fosse il modo più semplice di affrontare le turbolenze della vita: Anna sogna di salire fino alla casa del signore di sopra, Mr. Johnson di scendere fino al piano di sotto, per conoscere "l'immensa felicità che ci viene dalla felicità di qualcuno che è felice con noi". Fra la realtà e l'invenzione, "Sottosopra" racconta un nuovo, incantevole sogno, in cui -come succede nel mondo di Milena Agus- tutto continuamente si rovescia: la vita che è come adattarsi a un paio di scarpe, la vecchiaia che è il momento migliore per amare e l'amore che è "un guizzo di luce, magari l'ultimo".
Ordina per
  • 3

    Lettura scorrevole e piacevole. Mi sono sentita una curiosona nella vita degli altri, di questo condominio in cui in realtà si parla solo del piano di sopra in cui vive Levi, suonatore di violino che ...continua

    Lettura scorrevole e piacevole. Mi sono sentita una curiosona nella vita degli altri, di questo condominio in cui in realtà si parla solo del piano di sopra in cui vive Levi, suonatore di violino che sembra caduto dalle nuvole, con la ricca moglie, e il piano di sotto dove vive Anna con la paranoica figlia iper gelosa del fidanzato. Storie di amori, amicizie, gioie e dolori con un finale che mi ha in qualche modo piacevolmente colpita.

    ha scritto il 

  • 0

    Mi piace molto l'atmosfera che la Agus crea nei suoi libri. I suoi personaggi, a volte un po' strampalati, mi ricordano quelli delle fiabe. Riesce a trattare con lievitá anche temi drammatici e propon ...continua

    Mi piace molto l'atmosfera che la Agus crea nei suoi libri. I suoi personaggi, a volte un po' strampalati, mi ricordano quelli delle fiabe. Riesce a trattare con lievitá anche temi drammatici e propone delle soluzioni ai vari problemi affrontati.
    I rapporti che si instaurano tra gli abitanti del palazzo di cui parla il libro sono profondi e sinceri. Nascono amori e amicizie e dopo vari rimescolamenti, ognuno ritroverà il suo posto nel condominio, così come nella vita.
    Poi c'è Cagliari, la spiaggia del Poetto, i profumi e gli odori di una città di mare, il maestrale, le navi che partono e arrivano al porto. Cagliari che fa da sfondo, ma anche da protagonista, nei romanzi di questa scrittrice.

    ha scritto il 

  • 0

    Ultima fatica di Milena Agus, altro sguardo dolce ma deciso, delicato e da 'ficchetta' sarda che entra nell'intimo di ogni personaggio descritto, dal violinista americano ad Alice, la protagonista.
    S ...continua

    Ultima fatica di Milena Agus, altro sguardo dolce ma deciso, delicato e da 'ficchetta' sarda che entra nell'intimo di ogni personaggio descritto, dal violinista americano ad Alice, la protagonista.
    Sguardo che mette insieme un gruppo di persone che vivono 'sottosopra' anche fisicamente, perchè si spostano da un piano all'altro di una grande casa e sotto... o sopra...agiscono piccole ma commoventi storie personali e così insieme e diversi, riescono a formare una vera famiglia.
    La famiglia istituzionale di ognuno di loro è disgregata oltre che decimata da suicidi e pazzia. . Alice per questo ha vissuto sola sempre, come tutti i suoi vicini, ma non ha perso la capacità di investire le sue emozioni nell'altro, di aprire la porta di casa e ascoltare le loro storie, imparando il dettaglio, il particolare per entrare nell'intimo e portando anche noi lì, nel cuore direttamente attraverso la tragedia... così come accade nella vita reale.
    Muovendomi leggera come il titolo sottintende (grazie al candore di Alice), con la semplicità di uno scrivere limpido e colloquiale (tipico della Agus), arrivo trattenendo il fiato al capitolo 1 di pagina 167, dove l'autrice rivela il proprio segreto e la propria missione : “Con i romanzi l'anima vola!”
    Unico punto debole della storia potrei pensare sia aver fatto del figlio gay un figlio adottato, quasi a consolazione di una madre respingente, che però è quella che si muove tra sotto e sopra e 'dentro' molto di più di tutti gli altri, che hanno vita letteraria già definita. Con Alice lei imparerà molto e da tutto, cambiando, entrando anche lei e col cuore in questa strana famiglia.

    ha scritto il 

  • 3

    Un po' più di due, un po' meno di tre stelle...

    Mi è piaciuto lo stile sognante con cui Milena Agus ha raccontato questa storia, dove la vita è un po' come adattarsi a un paio di scarpe però mi aspettavo qualcosa di più. Gli ingredienti c'erano tut ...continua

    Mi è piaciuto lo stile sognante con cui Milena Agus ha raccontato questa storia, dove la vita è un po' come adattarsi a un paio di scarpe però mi aspettavo qualcosa di più. Gli ingredienti c'erano tutti perché in un condominio ci sono così tante realtà diverse da potersi sbizzarrire e invece l'autrice ha incentrato tutta la parte centrale del libro sulla vita di uno dei protagonisti e la storia si è incagliata! Non riuscivo più a capire come ne sarei uscita e soprattutto se qualcosa di interessante sarebbe successo oppure no. Insomma non mi ha convinta! Scritto bene, alcuni passaggi divertenti altri un po' più malinconici, qualche spunto di riflessione e molto belle alcune descrizioni di Cagliari, il Poetto e il quartiere Marina, ma nell'insieme è poco coinvolgente.....

    ...non siamo mai come ci vorrebbero gli altri. Possiamo dispiacercene molto, perfino morirne. Oppure accettare di essere al rovescio, come nelle filastrocche.

    A me sembra che di fronte al mare tutto appaia più leggero, ogni problema arriva con le onde, che poi se lo riportano via.”

    ha scritto il 

  • 3

    Pensando a favole e filastrocche, aggiungendo qualche spunto di riflessione, un pizzico di amarezza e naturalmente un lieto fine, l'autrice costruisce un simpatico racconto, molto piacevole.

    ha scritto il 

  • 2

    Scrittura infantile e sciatta

    Forse la storia potrà anche essere carina, ma con un modo di scrivere così piatto, così banale non ho nessuna intenzione di andarla a scoprire.

    ha scritto il 

  • 0

    incipit

    Prima di conoscere la signora di sotto e il signore di sopra non ho mai avuto interesse per la vecchiaia ...

    http://www.incipitmania.com/incipit-per-titolo/s/sottosopra-milena-agus/

    ha scritto il 

Ordina per