Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Specchio delle mie brame

Di

Editore: Adelphi

3.7
(70)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 170 | Formato: Altri

Isbn-10: 8845911276 | Isbn-13: 9788845911279 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Tascabile economico

Genere: Fiction & Literature

Ti piace Specchio delle mie brame?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Una baronessa bramosa, una villa sfarzosa, un'estate siciliana afosissima. Euna bambinaccia obesa e caparbia, un ragazzaccio bugiardo e porcello,un'istitutrice gallese delle più frementi, un rozzo precettore disposto atutto, uno squisito duca dannunziano che è l'epitome d'ogni decadentismo dellaBelle Epoque... Tutti coinvolti in un folle intreccio di combinazioni erotichesempre più complicate, con rocamboleschi e acrobatici "teatrini".
Ordina per
  • 0

    Celine de noartri

    anche qui usa una lingua di ammiccamenti e metafore e richiami e citazioni e e e ...
    Luois Fedinand è il suo maestro, ma la prosa che scorre in italiano è ricca e ben comprensibile essendo la storia "robba de noartri" mica scritta in francese e poi tradotta senza note! Molto avanti ris ...continua

    anche qui usa una lingua di ammiccamenti e metafore e richiami e citazioni e e e ...
    Luois Fedinand è il suo maestro, ma la prosa che scorre in italiano è ricca e ben comprensibile essendo la storia "robba de noartri" mica scritta in francese e poi tradotta senza note! Molto avanti rispetto al suo tempo quando ancora il porno non era stato sdoganato x tutti, ricchi e prolet, molto prima dei cellulari e dei punti d'incontro xxx su internet

    ha scritto il 

  • 3

    Lettura molto divertente con infiniti riferimenti sia nello stile che nel narrato.
    Interessante il finale con Zerlina e Masetto che cantano alle proprie nozze volendo così paragonare la filosofia di vita sessualmente dissoluta ed arrogante della baronessa a quella di Don Giovanni.
    Men ...continua

    Lettura molto divertente con infiniti riferimenti sia nello stile che nel narrato.
    Interessante il finale con Zerlina e Masetto che cantano alle proprie nozze volendo così paragonare la filosofia di vita sessualmente dissoluta ed arrogante della baronessa a quella di Don Giovanni.
    Mentre i libri, capolavori di Jane Austen e di Charlotte Bronte, cadono misteriosamente dalla torretta saracena capiamo che tutto il romanticismo di Jane è crollato col suo consapevole e piacevole coinvolgimento nel folle turbinio di combinazioni erotiche: “teatrini”.

    ha scritto il 

  • 3

    immagina un film, un film che parla di sesso e di buoni costumi, un libro che lascia all'immaginazione tutte le depravazioni ( idea geniale, ottimo risultato ) scandalizzando senza dire cose scandalose. un po' troppo monotematico per i miei gusti ma comunque una lettura piacevole quando si entra ...continua

    immagina un film, un film che parla di sesso e di buoni costumi, un libro che lascia all'immaginazione tutte le depravazioni ( idea geniale, ottimo risultato ) scandalizzando senza dire cose scandalose. un po' troppo monotematico per i miei gusti ma comunque una lettura piacevole quando si entra nello spirito.

    ha scritto il 

  • 4

    Divertente, irriverente, denso di sensualità giocosa e pervaso di voluti stereotipi.
    Irritante per l’ossessione sessuale, ma capace di dar forma a immagini e quadretti di irresistibile comicità e arguzia. Tutto con sfoggio di citazioni più o meno raffinate, in un alternarsi di espressioni d ...continua

    Divertente, irriverente, denso di sensualità giocosa e pervaso di voluti stereotipi.
    Irritante per l’ossessione sessuale, ma capace di dar forma a immagini e quadretti di irresistibile comicità e arguzia. Tutto con sfoggio di citazioni più o meno raffinate, in un alternarsi di espressioni da postribolo e momenti di vera poesia.
    Lo sfondo è una Sicilia sanguigna, feroce e vivissima.

    ha scritto il