Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Spegni la luce e aspetta

Di

Editore: Minimum Fax (Sotterranei, 53)

4.1
(48)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 220 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8887765715 | Isbn-13: 9788887765717 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Christian Raimo

Ti piace Spegni la luce e aspetta?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
In questa nuova raccolta di poesie di Bukowski ci sono i ricordi di un'infanzia stralunata e violenta e le memorie di "mosca da bar", le dichiarazioni d'amore per Auden, Eliot, Mozart e Rossini e il divertito sgomento di fronte al suo primo computer, l'ironia dolce amara sulla morte e lo sguardo diabolicamente acuto sulla vita.
Ordina per
  • 4

    Recensione comparata con "Momenti di trascurabile felicità"
    Li ho letti quasi insieme, per puro caso perché li ho trovati nello stesso momento in una libreria dell'usato e mi sembra che possano in qualche modo essere confrontati.
    Abbiamo due persone della media borghesia. Uno c ...continua

    Recensione comparata con "Momenti di trascurabile felicità"
    Li ho letti quasi insieme, per puro caso perché li ho trovati nello stesso momento in una libreria dell'usato e mi sembra che possano in qualche modo essere confrontati.
    Abbiamo due persone della media borghesia. Uno che ha vissuto per la maggior parte della sua vita con il sottoproletariato di qualche città statunitense, prima di conoscere il successo come scrittore. La vita dell'altro sembra essere più normale, o così me la immagino; scuola, università, famiglia, svaghi da intellettuale.
    Bukowski racconta con le sue poesie di una vita che noi, gente "normale", non facciamo e non vorremmo nemmeno fare, mentre Piccolo parla di una vita che molti di noi fanno, fatta di cene dagli amici, di bottiglie di vino che passano di casa in casa, di Anna Karenina e Don Chischiotte, insomma un po' radical chic.
    Il libro di Piccolo fa sorridere perché ci riconosciamo in quello che scrive, ci diciamo "Toh, questo succede anche a me". Ma è una descrizione superficiale della vita, basata sul susseguirsi di tanti piccoli eventi. Dalle poesie di Bukowski traspare invece la fatica, l'angoscia, il dolore, le difficoltà che durante la vita bisogna affrontare. Insomma tutto ciò che si nasconde dietro le nostre facciate "normali".

    ha scritto il 

  • 5

    Uno Spazio di pausa

    "devi averne uno, altrimenti le pareti ti schiaccieranno.
    devi mollare tutto quanto, gettarlo
    via, liberarti di tutto.
    devi guardare ciò che guardi
    o pensare ciò che pensi
    o fare ciò che fai
    oppure
    non fai
    senza pensare ai vantaggi
    personali ...continua

    "devi averne uno, altrimenti le pareti ti schiaccieranno.
    devi mollare tutto quanto, gettarlo
    via, liberarti di tutto.
    devi guardare ciò che guardi
    o pensare ciò che pensi
    o fare ciò che fai
    oppure
    non fai
    senza pensare ai vantaggi
    personali
    senza accettare la guida di nessuno

    ha scritto il