Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Sphere

By

Publisher: Random House Audio

3.8
(1726)

Language:English | Number of Pages: | Format: Unbound | In other languages: (other languages) Chi simplified , Chi traditional , German , French , Italian , Spanish , Dutch , Finnish , Croatian , Polish , Czech , Portuguese , Greek

Isbn-10: 0679426515 | Isbn-13: 9780679426516 | Publish date: 

Also available as: Paperback , Hardcover , Audio Cassette , Library Binding , School & Library Binding , eBook

Category: Fiction & Literature , Mystery & Thrillers , Science Fiction & Fantasy

Do you like Sphere ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Sorting by
  • 5

    Thriller .... piovre giganti negli abissi e paura a mille

    Anche se di qualche anno fa, questo libro, con le attese cariche di brividi , giganteschi esseri sottomarini, è molto visivo e filmico..... lo consiglio davvero

    said on 

  • 0

    A trecento metri di profondità, sul fondale del Pacifico, giace una misteriosa nave spaziale di dimensioni inaudite. Da dove è arrivata? Da una civiltà aliena? Da un altro universo? Dal futuro ...continue

    A trecento metri di profondità, sul fondale del Pacifico, giace una misteriosa nave spaziale di dimensioni inaudite. Da dove è arrivata? Da una civiltà aliena? Da un altro universo? Dal futuro attraverso un buco nero? Per risolvere l'enigma viene chiamata un'equipe di scienziati, mentre il mare si popola improvvisamente di mostruose creature e sugli schermi dei computer appaiono inquietanti messaggi. Un'avventura ai confini della realtà in un thriller sottomarino in bilico tra scienza e mistero.

    said on 

  • 5

    Capolavoro di una delle menti più geniali e interessanti della narrativa di genere.

    A seguito di una relazione scritta quasi per gioco su come rapportarsi con ipotetici alieni in caso di loro ...continue

    Capolavoro di una delle menti più geniali e interessanti della narrativa di genere.

    A seguito di una relazione scritta quasi per gioco su come rapportarsi con ipotetici alieni in caso di loro avvistamento e contatto, uno psicologo 53enne si trova catapultato ad anni di distanza in fondo agli abissi per studiare un'astronave aliena, insieme ad un team di scienziati esperti nei vari campi.

    E' un romanzo che appassiona, che tiene incollati e che toglie il respiro pagina dopo pagina. Non ho visto il film successivo ma se solo rispecchia per metà il libro non potrà essere che un successso

    said on 

  • 3

    Un romanzo che nelle note di copertina viene definito "thriller sottomarino" per evitare di dire che è fantascienza. Devo ammettere che Michael Crichton, pur avendo scritto varie opere di ...continue

    Un romanzo che nelle note di copertina viene definito "thriller sottomarino" per evitare di dire che è fantascienza. Devo ammettere che Michael Crichton, pur avendo scritto varie opere di fantascienza (che io peraltro non ho mai letto), nel mio immaginario non è un autore di fantascienza.

    Non condivido per nulla l'entusiasmo di tante recensioni presenti qui. Il libro scorre bene, è vero, ma questo è tutto. Ci sono troppe falle nella narrazione (e non solo nella stazione subacquea!) che rovinano l'opera. E non serve a nulla spiegare scientificamente come si vive sott'acqua, se poi non rispetti le regole.

    Seguono spoiler

    Crichton dice che l'astronave sul fondo marino non può essere extraterrestre perché se fosse arrivata dal cielo si sarebbe sfracellata: per evitare questo, la fa partire dal futuro prossimo e viaggiare all'indietro nel tempo attraverso un buco nero! A parte la complicata follia di tutto ciò, dove sarebbe ricomparsa questa nave uscendo dal buco nero? Direttamente sul fondo del mare? Oppure nello spazio e qui vi sarebbe precipitata come qualsiasi astronave aliena? E se può farlo un'astronave umana, perché allo stesso modo non avrebbe potuto essere un'astronave aliena?

    Che bisogno c'è dei messaggi cifrati che compaiono all'inizio? Siccome il mostro è "la mente" di uno di loro, perché non scrive subito sul computer?

    Mi risulta incomprensibile la scena in cui Norman viene inseguito nell'abitacolo dai tentacoli del mostro: perché l'acqua non si riversa all'interno allagando tutto quanto? E come diavolo funzionano i boccaporti d'entrata e uscita in questo habitat? Sembra quasi che per uscire s'immergano in una piscina.

    Com'è che Norman quasi muore congelato nell'estrarre dal boccaporto una dei protagonisti e poche pagine più tardi nuota per metri e metri, privo di casco, a TRECENTO METRI di profondità uscendone vivo?

    E infine, troppo comodo far finire il libro con loro che fanno dimenticare tutto quanto!

    said on 

  • 5

    Bello, bello, bello!!!!!!!

    Sfera è,a suo modo, un libro importante:scritto in un decennio nel quale la fantascienza si stava,a mio avviso, avviando verso una deriva prettamente commerciale, questo romanzo rappresenta un ...continue

    Sfera è,a suo modo, un libro importante:scritto in un decennio nel quale la fantascienza si stava,a mio avviso, avviando verso una deriva prettamente commerciale, questo romanzo rappresenta un ritorno della science-fiction ai valori di indagine sull'animo umano e sulla società che contraddistinsero i suoi inizi.

    Forse è vero, come dicono alcuni, che il libro di Crichton non approfondisce tantissimo la psicologia dei personaggi ma nonostante questo (anzi, proprio in virtù di ciò...) ci propone degli archetipi molto validi che rappresentano buona parte dell'umanità:la scienziata non realizzata, il matematico molto sicuro di se, un astrofisico che cerca la gloria personale e lo psicologo apparentemente contento della propria vita. A rappresentare l'umanità non sono ovviamente le professioni esercitate ma il carattere e il comportamento dei nostri novelli esploratori. Come reagiranno davanti ad una sfera di chiara (????) origine aliena in grado di materializzare tutto ciò che si desidera?I nostri super professoroni saranno in grado di controllare le loro paure?Le loro reazioni emotive?Sapranno resistere alla parte oscura che è dentro ciascuno di noi?

    Leggete e lo scoprirete:operazione davvero piacevole perchè il romanzo, grazie allo stile molto scorrevole dell'autore, scorre via che è un piacere;Sfera è ,a a mio avviso, ormai un classico del genere.

    Il ritmo è sempre elevato e non ci si annoia mai:davvero un peccato aver letto solo ora un lavoro di questo grande autore;da vedere, anche se in parte diverso dal romanzo, anche il bel film omonimo di Barry Levinson con Dustin Hoffamn.

    said on 

  • 4

    Crichton si salva in corner

    Prima di leggere Sfera mi ero ripromesso che se anche questo libro mi avesse deluso avrei chiuso definitivamente con Crichton,visto che dopo il geniale "Jurassic Park" l'autore mi aveva praticamente ...continue

    Prima di leggere Sfera mi ero ripromesso che se anche questo libro mi avesse deluso avrei chiuso definitivamente con Crichton,visto che dopo il geniale "Jurassic Park" l'autore mi aveva praticamente sempre deluso. Questa volta invece lo scrittore americano mi ha stupito,e per ben 3\4 del libro sono stato letteralmente incollato alle pagine;dico 3\4 perché purtroppo alcuni difetti cronici dei lavori di Chichton ci sono anche qui,come personaggi poco caratterizzati e freddi ed una fase finale troppo inverosimile e "americana" nel senso negativo del termine. Fortunatamente in questo caso i difetti sono minori dei pregi,e come già menzionato su il libro è davvero valido,scorre via che è un piacere senza però risultare sciatto o superficiale. La trama è una continua sorpresa anche per gli appassionati ,mixando con maestria molti generi come il thriller psicologico,la fantascienza e l'avventura. La fitta rete creata dal romanziere ci imbriglierà totalmente,passando intelligentemente dalla prima fase prettamente da fantascienza alla seconda psicologica e più introspettiva. Peccato invece per l'ultima molto thriller e poco credibile. In alcuni punti l'opera strizza l'occhio,con le dovute e immense proporzioni,a capolavori come "Solaris" o "La Cosa" (film). Infatti durante la lettura di Sfera ritroveremo piccoli elementi presenti nei due prodotti citati,che poi Crichton ha sviluppato in maniera diversa. In questa tornata inoltre l'autore non mi ha appesantito l'esperienza con lunghissime spiegazioni,che invece qui sono più concise e quindi anche meglio inserite nel contesto visto che non spezzano il ritmo e alimentano la vicenda. Concludendo posso quindi consigliare Sfera,il libro che mi farà continuare la mia conoscenza con questo scrittore.

    said on 

  • 4

    Bello, claustrofobico, un po vetusto ma sempre d'effetto. La lettura vale se siete amanti della fantascienza e di un piccolo pizzico di avventura.

    Bello il tema del predominio dell'irrazionalità vs. ...continue

    Bello, claustrofobico, un po vetusto ma sempre d'effetto. La lettura vale se siete amanti della fantascienza e di un piccolo pizzico di avventura.

    Bello il tema del predominio dell'irrazionalità vs. razionalità, anche se un po abusato.. insomma consigliato!

    said on 

  • 2

    Questo è il primi libro di Crichton che leggo..e anche l'ultimo. Ero stato attratto dalla trama,,,poteva essere davvero una trama interessante...la nave che arriva da un lontano futuro ed è negli ...continue

    Questo è il primi libro di Crichton che leggo..e anche l'ultimo. Ero stato attratto dalla trama,,,poteva essere davvero una trama interessante...la nave che arriva da un lontano futuro ed è negli abissi da chissà quanto tempo...il buco nero che ha attraversato...il manufatto alieno dentro di sè. Gli abissi e l'habitat...tutto contribuiva a fare una storia interessante e coinvolgente...almeno per chi, come me, appassionato di fantascienza. Invece...invece tutto si risolve nel solito piattume privo di interesse e alquanto banalotto

    said on 

  • 4

    Il primo libro che ho letto di Crichton, è un ottimo e interessante romanzo, basato su una bella idea di fondo e su un certo rigore (fanta)scientifico. Il voto era più alto ma ho dovuto rivederlo ...continue

    Il primo libro che ho letto di Crichton, è un ottimo e interessante romanzo, basato su una bella idea di fondo e su un certo rigore (fanta)scientifico. Il voto era più alto ma ho dovuto rivederlo una volta letto "Andromeda", di cui la storia, almeno nel suo svolgimento, è un po' un clone.

    said on 

Sorting by